Bobby Timmons

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bobby Timmons
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Periodo di attività anni '50 – 1974
Strumento pianoforte

Robert Henry "Bobby" Timmons (Filadelfia, 19 dicembre 1935New York, 1 marzo 1974) è stato un pianista e compositore statunitense di musica jazz.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bobby Timmons crebbe a Filadelfia allevato dal nonno sacerdote della cui chiesa, dopo aver iniziato a prendere lezioni di piano, a soli sei anni divenne l’organista. La formazione musicale gospel, unita a una grande padronanza della mano sinistra, gli fu di aiuto per sviluppare la capacità di improvvisazione[1] che avrebbe portato il pianista a sfoggiare energia ritmica e ricchezza melodica in un voicing che richiama Red Garland[2].

Trasferitosi a New York non ancora ventenne, divenne subito, assieme a Wynton Kelly, uno dei pianisti più richiesti. L’esperienza più significativa fu quella nel 1956 con il gruppo di Chet Baker che annoverava anche Phil Urso e Art Farmer. Seguirono tantissime collaborazioni con Hank Mobley, Sonny Stitt, Lee Morgan, Curtis Fuller, Maynard Ferguson, Art Pepper e Kenny Burrell, fino al suo approdo nel 1958 ai Jazz Messengers di Art Blakey. A quel periodo risale la sua più celebre creazione, Moanin', che divenne un classico. Per un breve periodo transitò nel quintetto di Julian Cannonball Adderley, a cui offrì altre due famose composizioni, Dis Here e Dat There[1].

Lasciati i Jazz Messengers nel 1961, Timmons creò una propria formazione di tre elementi, ma non riuscì a raggiungere il successo dei leader con cui aveva suonato negli anni precedenti. La sua fortuna lentamente declinò e il pianista, che comunque non smise di essere attivo, devastato dalla dipendenza dall’alcol morì di cirrosi epatica a soli 38 anni[3].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) James Nadal, Bobby Timmons, All About Jazz. URL consultato il 4 dicembre 2012.
  2. ^ Carlo Boccadoro, Jazz! Einaudi, Torino 2006 pag. 48.
  3. ^ a b (EN) Scott Yanow, Bobby Timmons - Biography, Allmusic. URL consultato il 4 dicembre 2012.
  4. ^ (EN) Bobby Timmons Catalog-album index, jazzdico.org. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  5. ^ (EN) Bobby Timmons su Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 23 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51876757 · LCCN: n80097115 · GND: 135131995 · BNF: cb13900459w (data)
jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz