Blueberry (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Blueberry
fumetto
Lingua orig.francese
PaeseFrancia
TestiJean-Michel Charlier Blueberry (1963-1980), La giovinezza di Blueberry (1975-1990), Jean Giraud Blueberry (1990), Marshal Blueberry (1991-2000), Mister Blueberry (1995-2005), François Corteggiani La giovinezza di Blueberry (1990-attuale)
DisegniJean Giraud Blueberry (1963-1990), La giovinezza di Blueberry (1975-1979) Mister Blueberry (1995-2005), Jijé Blueberry (1963, 1965), Colin Wilson La giovinezza di Blueberry 1985-1994), William Vance Marshal Blueberry (1991-1993), Michel Rouge Marshal Blueberry (2000), Michel Blanc-Dumont La giovinezza di Blueberry (1998-attuale)
EditoreDargaud, Le Lombard, Fleurus, Hachette, Novedi, Alpen Publishers, Dupuis
1ª edizione1963
Editore it.Mondadori, Eura Editoriale, Nuova Frontiera, Alessandro Editore, Fratelli Crespi Editori, Editrice Sole, Editrice Persona, Edizioni Il Momento, Edizioni EPC, Editori del Grifo, Comic Art, RCS Mediagroup, Gruppo editoriale l'Espresso
1ª edizione it.1967
Generewestern

Blueberry è un personaggio immaginario protagonista di una omonima serie a fumetti creata da Jean-Michel Charlier (testi) e Jean Giraud (disegni, che si firmava Gir) pubblicata in Francia dalla casa editrice Dargaud. È la più celebre serie di genere western francese, pubblicata anche all'estero.[1] Ha avuto una trasposizione cinematografica nel 2004.

Personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è un tenente dell'esercito nordista degli Stati Uniti d'America durante la guerra di secessione americana.[1]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è stato creato nel 1964 dallo sceneggiatore Jean-Michel Charlier e dal disegnatore Jean Giraud e pubblicata sulla rivista Pilote edita dalla Dargaud.[1] La serie, composta da 26 episodi e tre racconti brevi,[1] dopo la morte di Charlier, venne continuata dal solo Giraud che si occupò di testi e disegni e poi con François Corteggiani (nella serie La giovinezza) con Colin Wilson, William Vance, Michel Rouge e Michel Blanc-Dumont nei disegni.

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Al personaggio sono dedicate quattro serie:

  • Blueberry
  • Mister Blueberry
  • La giovinezza di Blueberry (La Jeunesse de Blueberry)
  • Marshall Blueberry

Tra parentesi il titolo originale, data della prima pubblicazione – gli autori, nella forma scrittore/disegnatore.

Blueberry (1867-1868)[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo delle prime guerre indiane

  1. Fort Navajo (1965) – Charlier/Giraud
  2. Tuoni sull'Ovest (Tonnerre à l'ouest, 1966) – Charlier/Giraud
  3. L'aquila solitaria (L’Aigle solitaire, 1967) – Charlier/Giraud
  4. Il cavaliere perduto (Le Cavalier perdu, 1968) – Charlier/Giraud
  5. La pista dei Navajo (La Piste des Navajos, 1968) – Charlier/Giraud

One-shot

  1. L'uomo dalla stella d'argento (L'Homme à l'étoile d'argent, 1969) – Charlier/Giraud

Ciclo del cavallo di ferro

  1. Il cavallo di ferro (Le Cheval de fer, 1970) – Charlier/Giraud
  2. L'uomo dal pugno di ferro (L'Homme au poing d'acier, 1970) – Charlier/Giraud
  3. La pista dei Sioux (La Piste des Sioux, 1971) – Charlier/Giraud
  4. Il generale Testa Gialla (Général “Tête Jaune”, 1971) – Charlier/Giraud

Marshall Blueberry (1868)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Su ordine di Washington (Sur ordre de Washington, 1991) – Giraud/Vance
  2. Missione Sherman (Mission Sherman, 1993) – Giraud/Vance
  3. La frontiera Insanguinata (Frontière sanglante, 2000) – Giraud/Rouge

Blueberry (1869-1872)[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo dell'oro della Sierra

  1. La miniera del tedesco perduto (La Mine de l'Allemand perdu, 1972) – Charlier/Giraud
  2. Il fantasma dai proiettili d'oro (Le Spectre aux balles d'or, 1972) – Charlier/Giraud

Ciclo del tesoro dei confederati

  1. Chihuahua Pearl (1973) – Charlier/Giraud
  2. L'uomo che valeva 500.000 $ (L'Homme qui valait 500.000$, 1973) – Charlier/Giraud
  3. Ballata per una bara (Ballade pour un cercueil, 1974) – Charlier/Giraud

Ciclo del complotto

  1. Il fuorilegge (Le Hors-la-loi, 1974) – Charlier/Giraud
  2. Faccia d'angelo (Angel Face, 1975) – Charlier/Giraud

Ciclo delle seconde guerre indiane

  1. Naso rotto (Nez Cassé, 1980) – Charlier/Giraud
  2. La lunga marcia (La Longue Marche, 1980) – Charlier/Giraud
  3. La tribù fantasma (La Tribu fantôme, 1982) – Charlier/Giraud

Ciclo della riabilitazione di Blueberry

  1. L'ultima carta (La Dernière Carte, 1983) – Charlier/Giraud
  2. La fine della pista (Le Bout de la piste, 1986) – Charlier/Giraud

One-shot

  1. Arizona love (1990) – Charlier/Giraud

Mister Blueberry (1881)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Mister Blueberry (1995) – Giraud
  2. Ombre su Tombstone (Ombres sur Tombstone, 1997) – Giraud
  3. Geronimo l'Apache (1999) – Giraud
  4. OK Corral (2003) – Giraud
  5. Dust (2005) – Giraud
  6. Apaches (2007) – Giraud

La giovinezza di Blueberry (1861-1864)[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo del traditore del Sud

  1. La Giovinezza di Blueberry (La Jeunesse de Blueberry, 1975) – Charlier/Giraud
  2. Uno yankee di nome Blueberry (Un Yankee nommé Blueberry, 1978) – Charlier/Giraud
  3. Cavaliere blu (Cavalier bleu, 1979) – Charlier/Giraud

Ciclo di Quantrill

  1. Demoni del Missouri (Les Démons du Missouri, 1985) – Charlier/Wilson
  2. Terrore sul Kansas (Terreur sur le Kansas, 1987) – Charlier/Wilson

Ciclo della ferrovia

  1. Raid infernale (Le Raid infernal, 1990) – Charlier/Corteggiani/Wilson
  2. L'impablacabile insegumento (La Poursuite impitoyable, 1992) – Corteggiani/Wilson

Ciclo di Atlanta

  1. 3 uomini per Atlanta (Trois hommes pour Atlanta, 1993) – Corteggiani/Wilson
  2. Il prezzo del sangue (Le Prix du sang, 1994) – Corteggiani/Wilson

Primo ciclo dei complotti

  1. La soluzione Pinkerton (La Solution Pinkerton, 1998) – Corteggiani/Blanc-Dumont
  2. La pista dei dannati (La Piste des maudits, 2000) – Corteggiani/Blanc-Dumont
  3. L'ultimo treno per Washington (Dernier train pour Washington, 2001) – Corteggiani/Blanc-Dumont
  4. Bisogna uccidere Lincoln (Il faut tuer Lincoln, 2003) – Corteggiani/Blanc-Dumont

Secondo ciclo dei complotti

  1. Il macellaio di Cincinnati (Le Boucher de Cincinnati, 2005) – Corteggiani/Blanc-Dumont
  2. La sirena di Veracruz (La Sirène de Veracruz, 2006) – Corteggiani/Blanc-Dumont

Ciclo dei Rothschild

  1. 100 dollari per morire (100 dollars pour mourir, 2007) – Corteggiani/Blanc-Dumont
  2. Il sentiero delle lacrime (Le Sentier des larmes, 2008) – Corteggiani/Blanc-Dumont

Ciclo della redenzione

  1. 1276 anime (1276 âmes, 2009) – Corteggiani/Blanc-Dumont
  2. Redenzione (Rédemption, 2010) – Corteggiani/Blanc-Dumont

One-shot

  1. Gettysburg (2012) – Corteggiani/Blanc-Dumont
  2. Il convoglio dei banditi (Le convoi des bannis, 2015) – Corteggiani/Blanc-Dumont

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Le prime pubblicazioni in Italia risalgono al 1967 con 4 albi, editi da Mondadori nella serie dei Classici Audacia:

  • n.42 - Forte Navajo (marzo 1967);
  • n.44 - Lampi sul West (aprile 1967);
  • n.54 - L'aquila solitaria (agosto 1967);
  • n.60 - Il cavaliere perduto (novembre 1967) .

Successivamente le pubblicazioni proseguono con due storie pubblicate dai Fratelli Crespi Editore, nella serie degli Albi Ardimento:

  • anno 3 (1971) n.1 – La pista dei Navajos (1971);
  • anno 3 (1971) n.6 – L'uomo dalla stella d'argento (1971).

Sul Corriere dei Piccoli apparvero a puntate:

  • anno 62 (1970) dal n.26 – Il cavallo di ferro (1970);
  • anno 63 (1971) dal n.26 – Il generale Testa Gialla (1971).

Molti editori italiani si sono avvicendati nella traduzione delle avventure di Blueberry. Fra questi l'Editrice Nuova Frontiera negli anni ottanta con la collana Eldorado, la quale raccoglie le prime 22 avventure, a cui è poi seguita una ristampa, con copertina cartonata, che si è interrotta dopo soli 12 numeri.

Editori del Grifo ha poi pubblicato il ventitreesimo episodio Arizona Love, sia a puntate sul mensile il Grifo (dal n.5 del 1971) che in albo singolo brossurato.

Nell'ottobre 1996, dal ventiquattresimo episodio, subentrò l'editrice Comic Art, che nella collana L'eternauta presenta (num.161) pubblicò Mister Blueberry. Comic Art pubblicò anche tutti i tre volumi di Marshall Blueberry in una collana brossurata e iniziò la pubblicazione della serie La giovinezza, poi proseguita da Alessandro Editore.

L'Eura Editoriale prima e l'Aurea Editoriale poi hanno pubblicato Blueberry sia a puntate sul settimanale Skorpio, sia in volumetti in bianco e nero di piccolo formato (16x23) contenenti due storie ognuno. Quest'ultima collezione si compone di 15 albi e copre soltanto le serie Blueberry e Mister Blueberry.

Il 26 agosto 2014 il quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport ha proposto una nuova iniziativa editoriale intitolata "Collana Western", i cui primi 26 albi sono dedicati a Blueberry.[2] Essi contengono due storie ciascuno e raccolgono tutte e quattro le serie sviluppate su questo personaggio.[3] Dalla raccolta sono tuttavia rimasti esclusi gli episodi "Apaches" (albo fuori serie basato sulle sequenze di flashback relative all'incontro con Geronimo già viste negli episodi di Mister Blueberry, con l'aggiunta di sequenze di raccordo inedite) e "Il convoglio dei banditi" (21° numero della serie La giovinezza di Blueberry).

L'edizione della Alessandro Editore costituisce una replica fedele dell'edizione franco-belga Dargaud.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1969 e 1970: FranciaPrix Phénix[4] Paris, categoria "La Meilleure Serie d'Aventures".
  • 1973: Stati UnitiShazam Award della Academy of Comic Book Arts - "L'homme qui valait 500 000 $" categoria "Best Foreign Comic Series".[5]
  • 1973: FranciaPrix Phénix, Paris, categoria "Scenario d'Aventures".
  • 1978: AustriaGoldene Sprechblase premio della Vereinigung für Comic-Literatur - categoria "Besondere Verdienste um die Comic-Literatur".[6]
  • 1979: SveziaAdamson Award categoria "Best International Comic-Strip [or comic book] Cartoonist".[7]
  • 1991: Stati UnitiHarvey Award categoria "Best American Edition of Foreign Material".[8]
  • 1996: Francia Soleil d'Or of the Festival BD de Solliès-Ville for Blueberry: "Mister Blueberry", categoria "Best Comic Album".[9]
  • 2000: NorvegiaSproing Award categoria "Best Translated Strips".

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

I lineamenti di Blueberry sono ispirati a quelli dell'attore francese Jean-Paul Belmondo. Blueberry fa una breve apparizione nell'albo "Uomini, bestie ed eroi" di Ken Parker.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Guida Fumetto Italiano, Guida Fumetto Italiano, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  2. ^ Blueberry di Gazzetta dello sport: Piano dell'opera, su Fumettologica. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  3. ^ Blueberry di Gazzetta dello sport, su Fumettologica.it. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  4. ^ Phénix was a specialized comic journal, published quarterly between 1966 and 1977 by Parisian publisher SRP Éditeur, and has been one of the oldest of its kind in the world (Bedetheque.com).
  5. ^ 1973 Academy of Comic Book Arts Awards, su hahnlibrary.net.
  6. ^ Zack, issue 4, 1979
  7. ^ Comic Book Awards Almanac, Adamson Awards, su hahnlibrary.net (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2007).
  8. ^ 1991 Harvey Award Nominees and Winners Archiviato il 14 agosto 2012 in Internet Archive.; Giraud had already received the same price in 1988 and 1989 for the Mœbius and Incal collections by Epic.
  9. ^ "9e Festival BD de Solliès-Ville", festival guide 1997, p. 42 (FR) ; features a new Blueberry cover and a 24-page illustrated interview with Giraud

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35347907 · GND (DE12281889X
Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti