Blue Whale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Una balenottera azzurra, l'animale cui il gioco fa riferimento.

Il termine blue whale ("balenottera azzurra" in inglese) indica una presunta moda di origine russa e collegata ai social media, in cui gli adolescenti si suiciderebbero per una sorta di gioco.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del gioco deriva dallo spiaggiamento dei cetacei che, lasciandosi andare a riva, trovano la morte.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo NetFamilyNet.org[2], che cita Georgi Apostolov del Centro Bulgaro per un Internet più sicuro, la storia del Blue Whale sarebbe una falsa notizia sensazionalista nata tra il novembre 2015 e il maggio del 2016 in Russia e recentemente ripresa sui media occidentali, tra cui tabloid scandalistici come The Daily Mail e The Sun. In Italia, con mesi di ritardo, è diventata di improvvisa attualità nel maggio del 2017.

L'ipotetico gioco sarebbe distribuito sotto forma di app, che però risulta introvabile a chi la cerca davvero per verificare la notizia.[3]

L'ideatore del gioco sarebbe un russo, Philipp Budeikin, ex studente di psicologia (nato attorno al 1996) espulso dall'università ed arrestato a novembre 2016,[4] anche se tra il 15 e il 16 maggio 2017 vari quotidiani italiani hanno dato la notizia come se fosse appena avvenuta.[5][6] Budeikin ha dichiarato di non ritenersi pentito, oltre che di aver creato il gioco per spingere all'uccisione persone che giudicava indegne di vivere.[4] A lui sarebbero riconducibili le morti di 16 ragazze.[4][7]

Sulla stampa tale numero appare solitamente assai gonfiato e si dice che la moda, iniziata nel 2013 con un gruppo del social network russo VKontakte detto F57, avrebbe ucciso 130 o secondo altri più di 150 adolescenti, ma in realtà finora non è stato identificato alcun suicidio con collegamenti concreti al gioco.[1] Al fenomeno, la trasmissione televisiva italiana Le Iene ha dedicato un servizio il 14 maggio 2017, raccogliendo le testimonianze di due madri di ragazze suicide per cause non accertate, del responsabile di un'associazione russa di assistenza all'infanzia e del compagno di classe di un ragazzo livornese uccisosi di recente[8], per il quale gli inquirenti hanno già il 7 marzo escluso che il gioco possa essere la causa del suicidio[9].

Questo fenomeno ha dato spazio a teorie del complotto, alcune delle quali affermano che sia una campagna gestita ed organizzata da nazionalisti ucraini.[10]

Lo svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

Il presunto gioco consisterebbe nel contattare, tramite profili falsi o anonimi di social network, gli adolescenti proponendo loro una sfida. Sfida che si articola attraverso 50 prove, di pericolosità crescente: il giocatore, una volta accettato di partecipare, non può ritirarsi per le minacce di ritorsione contro esso e i familiari. Le istruzioni per le prove, fornite da un amministratore (curatore), consistono - per esempio - in: atti di autolesionismo (incidersi la pelle), compiere selfie in situazioni pericolose, uccidere animali per poi scattare foto, procurarsi dolore, modificare gli orari di sonno per guardare film horror.[1] Le pericolose prove incidono sull'aspetto psicologico del giocatore, tanto da plagiarlo e renderlo facile vittima di un'istigazione a suicidarsi.[1]

L'ultima prova, fatale, richiede di gettarsi dall'alto del palazzo più alto della città, togliendosi così la vita. Il tutto deve essere filmato.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]