Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Blue Magic (anime)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blue Magic
青いブリンク
(Aoi Burinku)
Genere fantastico
Serie TV anime
Autore Osamu Tezuka
Regia Seitaro Hara, Hideki Tonokatsu, Naoto Hashimoto
Sceneggiatura Osamu Tezuka, Takashi Yamada
Musiche Hiroaki Serizawa
Studio Tezuka Productions
Rete NHK
1ª TV 7 aprile 1989 – 16 marzo 1990
Episodi 39 (completa)
Durata ep. 25 min
Rete it. Rai 1
Episodi it. 39 (completa)

Blue Magic (青いブリンク Aoi Burinku?, lett. "Ammiccamento blu") è una serie anime di genere fantastico di 39 episodi da 25 minuti l'uno creata da Osamu Tezuka e trasmessa in Giappone dal 7 aprile 1989 al 16 marzo 1990 sulla rete televisiva NHK. In Italia è andata in onda nei primi anni novanta su RAI 1 all'interno del programma per ragazzi Big!.

Fu l'ultimo lavoro di Osamu Tezuka[1], che morì durante la realizzazione dell'anime, il 9 febbraio 1989. Sebbene egli avesse avuto il tempo di scrivere solo i soggetti dei primi cinque episodi, lo studio riuscì tuttavia a completare la serie secondo i suoi progetti e desideri[2]. Tezuka trasse la sua ispirazione da un classico film d'animazione russo, Konëk-Gorbunok, che aveva visto più volte e dal quale era rimasto particolarmente affascinato[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro (Kakeru in originale) è un ragazzino dall'indole di sognatore. Mentre è in viaggio per raggiungere suo padre Francesco, scrittore di storie fantastiche per l'infanzia, si perde e viene sorpreso da un temporale. Scorge allora, all'interno di un fulmine, uno strano essere, che cade giù dal cielo in un grande lago. Quando raggiunge suo padre, si accorge che si tratta di un puledrino blu simile alla creatura chiamata la figlia di Pegaso in uno dei racconti fantastici del padre. Prendendosene cura con suo padre, Alessandro scopre che l'animale si nutre di elettricità.

Successivamente, una gigantesca giumenta capace di volare ed emettere fulmini attacca Alessandro: si tratta della madre del puledrino credendo che Alessandro l'abbia rapito. Quest'ultimo però interviene in favore del suo amico umano, rivelando il suo nome (Magic) e la sua capacità di parlare: come segno di gratitudine, gli promette che in caso di bisogno accorrerà in suo aiuto se Alessandro chiamerà per tre volte il suo nome. Nel frattempo Francesco è rapito dagli uomini dell'Imperatore Nero, un personaggio uscito anch'egli dalle sue storie fantastiche. Alessandro parte per un mondo parallelo alla ricerca del padre assieme a Magic, a Tomba, guidatore di un autobus in grado di passare tra i due mondi, ai due sciocchi ladri Ettore e Nestore e alla principessa Kimara, una capricciosa monella che si mette a seguire il protagonista per scoprire il mondo.

Alla fine del loro viaggio, Alessandro e Magic incontrano l'Imperatore Nero e scoprono la sua vera identità: si tratta dello stesso Francesco, il padre del ragazzo che voleva mostrare a suo figlio come si può viaggiare attraverso un libro. Alessandro torna allora nel mondo reale e dice addio a Magic.

Doppiaggio originale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Aoi Blink (Series), su Big Cartoon Database. URL consultato il 9 febbraio 2015.
  2. ^ a b (EN) Richard Llewellyn, Aoi Blink, su Animated Divots. URL consultato il 22 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2009).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga