Blue (Da Ba Dee)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blue (Da Ba Dee)
Blueeiffel65.png
Screenshot tratto dal video del brano
Artista Eiffel 65
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1998
Durata 4:47
Album di provenienza Europop
Genere Italodance
Eurodance
Etichetta BlissCo Records
Produttore Massimo Gabutti, Luciano Zucchet
Registrazione 1998
Formati CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Canada Canada[1]
(vendite: 50 000+)
Finlandia Finlandia[2]
(vendite: 7 957[3])
Germania Germania (5)[4]
(vendite: 1 250 000+)
Italia Italia[5]
(vendite: 25 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[6]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platino Australia Australia (3)[7]
(vendite: 210 000+)
Austria Austria[8]
(vendite: 50 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[9]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito[10]
(vendite: 1 070 000[11])
Svezia Svezia (3)[12]
(vendite: 150 000+)
Svizzera Svizzera (2)[13]
(vendite: 100 000+)
Dischi di diamante Francia Francia[14]
(vendite: 750 000+)
Eiffel 65 - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(1999)

Blue (Da Ba Dee) è il singolo d'esordio della band italodance italiana Eiffel 65. È anche il primo singolo estratto dall'album di esordio della band, Europop, pubblicato qualche mese più tardi.

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato nel 1999, il singolo è il maggior successo della band, avendo raggiunto la vetta in diciassette paesi e la posizione numero sei nella classifica statunitense Billboard e diventando uno dei tormentoni estivi del 1999. Nello stesso anno il brano venne incluso nel film Fantozzi 2000 - La clonazione, ultimo film della saga sul ragioniere. Le parole della canzone erano prodotte in maniera robotica grazie all'uso del vocoder.

La canzone racconta la vita di un uomo blu, colore di sé stesso e di tutte le cose che lo circondano. Il significato della canzone è legato ad uno dei significati della parola "blue" in inglese, che può anche stare a significare, ovviamente oltre al colore blu, "triste", come si può evincere dall'espressione "to feel blue" (sentirsi giù, essere tristi). La canzone venne anche classificata 14ª tra le 20 canzoni più fastidiose, secondo la rivista Rolling Stone[15].

Il successo della canzone negli Stati Uniti d'America fu tale da far rientrare la canzone nei cinque brani selezionati per la nomination "Best Dance Recording" ai Grammy Awards 2001, vinta però poi dai Baha Men con il brano Who Let the Dogs Out?[16].

Nel 2008 il gruppo Bloom 06, composto dal cantante e dal tastierista degli Eiffel 65, produce un remake del brano arrangiato in chiave moderna e incluso nell'EP Club Test 01.

Nel 2009 viene pubblicato, sotto l'etichetta Bliss Corporation, un album chiamato A Decade in Blue (Da Ba Dee) Remix 2009, nel quale sono inclusi i remix del brano in versione house moderna, tra i quali quelli di Gabry Ponte e dei Djs From Mars. Inoltre, sempre nel 2009, il singolo viene ripreso dal rapper statunitense Flo Rida, che ne inserisce il ritornello nella sua canzone Sugar[17].

Nel 2012 viene nuovamente ripresa dal duo tedesco Michael Mind Project insieme al cantante R&B statunitense Dante Thomas con il brano Feeling So Blue. Nel 2013 viene registrata una versione del singolo in cinese per il mercato cinese.

Il singolo viene inserito all'inizio del film del 2013 Iron Man 3.

Presenza nei media[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Blue (Da Ba Dee) (DJ Ponte Ice Pop Radio Edit) (3:29)
  2. Blue (Da Ba Dee) (DJ Ponte Radio Edit) (4:43)

Club Test 01[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bloom 06 - Blue (Da Ba Dee) [2008 Extended Concept] (7.35)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1999) Posizione
Australia[28] 3
Austria[29] 4
Belgio (Fiandre)[30] 4
Belgio (Vallonia)[31] 6
Francia[32] 4
Germania[33] 2
Italia[34] 16
Nuova Zelanda[35] 6
Paesi Bassi[36] 5
Regno Unito[37] 2
Svezia[38] 3
Svizzera[39] 2
Classifica (2000) Posizione
Stati Uniti[40] 49

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  2. ^ Kultalevyjen myöntämisrajat, Musiikkituottajat.
  3. ^ Eiffel 65, Musiikkituottajat.
  4. ^ (DE) Gold/Platin- Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  5. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 12 agosto 2016.
  6. ^ (NL) Goud / Platina, NVPI. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  7. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 1999 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  8. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 12 dicembre 2014. Digitare "Eiffel 65" in "Interpret", dunque premere "Suchen".
  9. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  10. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Eiffel 65" in "Keywords", dunque premere "Search"
  11. ^ (EN) Ami Sedghi, UK's million-selling singles: the full list, The Guardian, 4 novembre 2012. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  12. ^ (SV) ÅR 1999 (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  13. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  14. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 12 dicembre 2014.
  15. ^ Le 20 canzoni più fastidiose secondo la rivista "Rolling Stone", rollingstone.com. URL consultato l'8/1/08.
  16. ^ Grammy Awards, digitalhit.com. URL consultato il 23 settembre 2013.
  17. ^ Collaborazione tra Bloom 06 e Flo Rida
  18. ^ a b c d e f g h i j k (NL) Eiffel 65 - Blue (Da Ba Dee), Ultratop. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  19. ^ a b c d e f (EN) Allmusic (Eiffel 65 charts & awards), All Music Guide.
  20. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Denmark, Billboard, 11 settembre 1999, p. 71. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  21. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Eurochart Hot 100, Billboard, 11 settembre 1999, p. 71. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  22. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  23. ^ (EN) Search the Charts - Eiffel 65, The Irish Charts. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  24. ^ Indice per Interprete: E, Hit Parade Italia. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  25. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 19 September 1999 - 25 September 1999, Official Charts Company. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  26. ^ (EN) Official Scottish Singles Chart Top 100: 19 September 1999 - 25 September 1999, Official Charts Company. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  27. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Spain, Billboard, 3 luglio 1999, p. 61. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  28. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Singles 1999, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  29. ^ (DE) Jahreshitparade 1999, austriancharts.at. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  30. ^ (NL) Jaaroverzichten 1999 (Vl), Ultratop. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  31. ^ (FR) Jaaroverzichten 1999 (Wa), Ultratop. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  32. ^ (FR) Syndicat national de l'édition phonographique, French Annual Chart, Disque en France, 1999. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  33. ^ (DE) Jahrescharts 1999, offiziellecharts.de. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  34. ^ I singoli più venduti del 1999, Hit Parade Italia. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  35. ^ (EN) Top Selling Singles of 1999, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 23 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  36. ^ (NL) Jaaroverzichten 1999, dutchcharts.nl. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  37. ^ (EN) Chart Archive - 1990s Singles, su everyHit.com. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  38. ^ (SV) Årslista Singlar - År 1999, Sverigetopplistan. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  39. ^ (EN) Schweizer Jahreshitparade 1999, Schweizer Hitparade. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  40. ^ (EN) Billboard Top 100 - 2000, longboredsurfer.com. URL consultato il 23 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica