Blooper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un blooper è, in termini cinematografici, un errore presente in un film e sfuggito al controllo da parte del regista, del montatore e della produzione, presente dunque nelle copie della pellicola distribuite nelle sale cinematografiche.

Tra i blooper più frequenti si hanno: oggetti che cambiano posizione da un'inquadratura all'altra, anacronismi (ad esempio oggetti moderni in film di ambientazione storica), movimenti illogici, tecnici di scena (o le loro ombre) inquadrati per sbaglio, vestiti di scena improvvisamente diversi, ecc. Solitamente, nonostante i numerosi controlli cui si accennava, è difficile che una pellicola non contenga qualche blooper, anche se questo non influisce né sulla qualità artistica né sulla qualità tecnica di un'opera.

Al contrario di quello che si crede, non viene considerato un blooper quando si vede un microfono rientrare nella parte alta dell'inquadratura. Infatti le inquadrature di un film sono generalmente più alte rispetto a come appariranno nella sala cinematografica, dove la parte superiore dell'immagine deve essere 'tagliata' dall'operatore alla pellicola. Quindi, in generale, la visione del microfono in un'inquadratura è un errore imputabile al proiezionista che gestisce la visione del film, non al regista che lo ha realizzato.

Da notare che, al contrario, in inglese il blooper non indica solo l'errore passato in distribuzione, ma anche quello "intercettato" e tagliato dai film, o dagli spettacoli (è anche detto out-take); in genere tali blooper sono presentati, a scopo ironico o parodistico, in vari programmi televisivi d'intrattenimento. Nel caso di errore sfuggito alla catena regia-montaggio-produzione, si parla più propriamente, in inglese, di Goof.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema