Bloop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 50°S 100°W / 50°S 100°W-50; -100

Uno spettrogramma del Bloop.
Il Bloop, dal sito web del NOAA a 16 volte la velocità originale.

Il Bloop è il nome dato ad un suono di frequenza ultrabassa sottomarina registrata dal NOAA alcune volte durante l'estate del 1997; la sorgente di questo suono è stata recentemente spiegata.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Il suono, originatosi da qualche parte attorno alle coordinate 50° S 100° W (al largo della costa sudoccidentale del Sudamerica), fu captato ripetutamente dall'idrofono autonomo dell'Oceano Pacifico Equatoriale, parte del SOSUS, l'equipaggiamento dell'U.S. Navy originariamente progettato per identificare i sottomarini sovietici. Secondo la descrizione fornita dal NOAA, il suono:

«[...] salì rapidamente in frequenza nell'arco di circa un minuto e fu sufficientemente forte da poter essere captato da molteplici sensori, fino ad un raggio di 5.000 km»

L'origine del suono è stata dimostrata essere un distacco del ghiaccio in Antartide causato da un criosisma.[1] Un'ipotesi inizialmente propagandata da diversi articoli fu che il Bloop avesse origine organica a causa della sua frequenza, ma non esiste un animale conosciuto che possa aver generato questo suono. Se si fosse trattato di un animale, infatti, avrebbe dovuto essere enormemente più grande di una balenottera azzurra, l'animale conosciuto più grande sulla Terra.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]