Blood on the Dance Floor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo singolo di Michael Jackson, vedi Blood on the Dance Floor (singolo).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo gruppo musicale, vedi Blood on the Dance Floor (gruppo musicale).
Blood on the Dance Floor: HIStory In The Mix
Artista Michael Jackson
Tipo album Compilation
Pubblicazione 20 maggio 1997
Durata 75 min : 54 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Musica house
Pop
Rhythm and blues
Etichetta Epic Records
Produttore Michael Jackson, Teddy Riley, Jimmy Jam e Terry Lewis
Certificazioni
Dischi d'oro Austria Austria[1]
(Vendite: 25.000+)
Canada Canada[2]
(Vendite: 50.000+)
Finlandia Finlandia[2]
(Vendite: 23.000+)
Germania Germania[3]
(Vendite: 250.000+)
Norvegia Norvegia[4]
(Vendite: 25.000+)
Dischi di platino Australia Australia[5]
(Vendite: 70.000+)
Francia Francia[6]
(Vendite: 300.000+)
Regno Unito Regno Unito[7]
(Vendite: 300.000+)

Spagna Spagna (1)[8]
(vendite: 100 000+)

Stati Uniti Stati Uniti[9]
(Vendite: 1.000.000+)
Svizzera Svizzera[10]
(Vendite: 50.000+)
Michael Jackson - cronologia
Album successivo
(2001)
Singoli
  1. Blood on the Dance Floor
    Pubblicato: 21 marzo 1997
  2. HIStory/Ghosts
    Pubblicato: 30 luglio 1997
  3. Is It Scary
    Pubblicato: 8 novembre 1997

Blood on the Dance Floor: HIStory in the Mix (detto anche solamente Blood on the Dance Floor) è una raccolta di remix del cantante Michael Jackson pubblicato nel tardo 1997 dalla Sony, composto da 8 remix del precedente HIStory: Past, Present and Future - Book I affiancati a 5 brani inediti.

Il mediometraggio Ghosts[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'uscita dell'album Michael Jackson collaborò con Stephen King a un mediometraggio di 40 minuti dal titolo Ghosts. Il film presentava grandi effetti speciali (ad esempio quando Jackson si sfila la pelle diventando scheletro) ancora oggi apprezzabili; la colonna sonora è composta da tre canzoni di Jackson ovvero 2 Bad (già presente in HIStory), Is It Scary e infine l'omonima Ghosts (queste ultime due inserite successivamente nell'album). Fu presentato in anteprima al festival di Cannes ricevendo consensi positivi di pubblico e critica, e successivamente pubblicato in VHS. Ad oggi Ghosts rimane il video musicale più lungo della storia.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo principale della pubblicazione di Blood on the Dance Floor fu quello di promuovere l'HIStory World Tour, che in quel momento stava per sbarcare in Europa. Alcune malelingue al contrario ne spiegherebbero l'uscita come supporto delle scarse vendite di HIStory: Past, Present and Future - Book I, che invece si sa che ha venduto ben 40 milioni di doppi dischi ed è considerato l'album doppio più venduto della storia. Nell'album sono remixate le canzoni Scream, This Time Around, Stranger in Moscow, Money, 2 Bad, Earth Song, HIStory e You Are Not Alone. Da quest'album vennero estratti due singoli, il primo fu la title track Blood on the Dance Floor che raggiunse la numero 1 posizione nel Regno Unito e la numero 42 sulla Billboard Hot 100 Statunitense. Il secondo singolo fu HIStory/Ghosts che conteneva la canzone Ghosts e il remix del brano History; il singolo raggiunse la numero 5 posizione in Regno Unito e la numero 3 in Italia. Is It Scary doveva essere il terzo singolo estratto perché la canzone faceva parte del film La famiglia Addams 2, datato 1993, e del videoclip Ghosts. Il progetto però non andò a buon termine e il singolo non fu più pubblicato. L'album invece raggiunse la numero 23 posizione sulla Billboard Hot 100 Statunitense e vendette 1 milione di copie negli Stati Uniti ricevendo il platino e in tutto il mondo ha venduto oltre 7 milioni di copie confermandosi come l'album di remix più venduto nella storia della musica. Michael Jackson ha dedicato l'album a Elton John che nel 1993 l'aveva aiutato a disintossicarsi dagli analgesici come la morfina e il demerol consigliandogli una clinica nel quartiere londinese di Chelsea dove lui stesso si era rivolto in passato, secondo quanto dichiarato da Jackson in un'intervista contenuta nel libro Making HIStory di Adrian Grant.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Blood on the Dance Floor – 4:15
  2. Morphine – 6:29
  3. Superfly Sister – 6:28
  4. Ghosts – 5:14
  5. Is It Scary – 5:36
  6. Scream Louder (Flyte Tyme Remix) – 5:27
  7. Money (Fire Island Radio Edit) – 4:22
  8. 2 Bad (Refugee Camp Mix) – 3:33
  9. Stranger in Moscow (Tee's In-House Club Mix) – 6:54
  10. This Time Around (D.M. Radio Mix) – 4:05
  11. Earth Song (Hani's Club Experience) – 7:55
  12. You Are Not Alone (Classic Club Mix) – 7:37
  13. HIStory (Tony Moran's HIStory Lesson) – 8:01

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Posizione
massima
Australia[11] 2
Austria[11] 2
Belgio (Fiandre)[11] 1
Belgio (Vallonia)[11] 2
Canada[12] 16
Finlandia[11] 3
Francia[11] 1
Norvegia[11] 2
Nuova Zelanda[11] 1
Regno Unito[13] 1
Repubblica Ceca[14] 21
Stati Uniti[15] 24
Svezia[11] 4
Svizzera[11] 2

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Blood on the Dance Floor e Superfly Sister fanno in realtà parte della sessione di Dangerous, mentre Ghosts, Is It Scary e Morphine della sessione di HIStory, ma scartate dall'album in quanto non attinenti alle altre canzoni.
  • Nonostante Is It Scary non fosse uscito come singolo, nelle radio europee circolavano alcuni singoli promozionali della canzone. I più comuni erano di due colori, rosso e viola, ma avevano lo stesso numero di catalogo; quello viola, in particolare, era il meno diffuso e per questo sembra valga molto ancora oggi.[16][17]
  • La tracklist originale dell'album prevedeva la canzone In the Back (pubblicata in seguito nella raccolta The Ultimate Collection) al posto di Superfly Sister.
  • Si diceva che Superfly Sister fosse stata scritta per la relazione tra LaToya Jackson, sorella di Michael, e Jack Gordon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft
  2. ^ a b Gold and Platinum Search
  3. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  4. ^ IFPI Norsk platebransje
  5. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2009 Albums, ARIA. URL consultato il 14 aprile 2012.
  6. ^ (FR) Les Certidications - Michael Jackson, InfoDisc. URL consultato il 21 aprile 2012.
  7. ^ http://www.bpi.co.uk/certifiedawards/search.aspx
  8. ^ (ES) Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1996–1999 (PDF).
  9. ^ (EN) RIAA Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 14 aprile 2012.
  10. ^ Die Offizielle Schweizer Hitparade und Music Community
  11. ^ a b c d e f g h i j Michael Jackson - Blood on the Dance Floor - History in the Mix (album), www.ultratop.be. URL consultato il 22 dicembre 2008.
  12. ^ Billboard, Blood on the Dance Floor. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  13. ^ (EN) Andamento di Blood on the Dance Floor nella classifica del Regno Unito, Chart Archive. URL consultato il 14 aprile 2012.
  14. ^ http://www.ifpicr.cz/hitparada/index.php?a=titul&hitparada=14&titul=130090&sec=53437435afa31bee75943208d88b7acf.
  15. ^ (EN) Andamento di Blood on the Dance Floor nella Billboard 200, Billboard. URL consultato il 14 aprile 2012.
  16. ^ Michael Jackson Is It Scary Promo CD Single Austria, Michael-Jackson-Trader.com. URL consultato il 29 dicembre 2010.
  17. ^ Michael Jackson Is It Scary Promo CD Single with Red Cover, Michael-Jackson-Trader.com. URL consultato il 29 dicembre 2010.