Blech

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Plata (ebraismo)" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Plata.
Blech di rame che copre i fornelli, per mantenere caldo il pasto dello Shabbat

Blech (dal tedesco nella forma yiddish, col significato di latta o lamiera) è una lamina di metallo usata da molti ebrei osservanti per coprire i fornelli della cucina (ed in alcune cucine, i pomelli ed i quadranti) durante la festa di Shabbat (il sabato ebraico), quale parte delle precauzioni prese per evitare di violare la proibizione halakhica (Legge ebraica) di cucinare in quel giorno festivo.[1]

In alternativa viene usato un fornello elettrico, spesso chiamato anche "plata" (piastra), che corrisponde ad un particolare tipo di scaldavivande elettrico con elementi riscaldanti coperti e non regolabili (secondo le prescrizioni halakiche), anch'esso utilizzato per mantenere caldo il cibo durante lo Shabbat oppure anche scaldarlo durante uno Yom Tov (giorno festivo).[2]

Fornello elettrico (plata) adibito a blech

Uso comune[modifica | modifica wikitesto]

La guida ebraica del rabbino Fishel Jacobs, intitolata The Blech Book—The Complete & Illustrated Guide To Shabbos Hotplates[1] fornisce le seguenti istruzioni:

  • Il cibo (inclusa l'acqua) inteso per lo Shabbat deve essere completamente cotto.
  • Si accendono i fornelli (a gas o elettrici). Il blech viene posto sopra di essi, oppure in alternativa si attiva la plata elettrica, che non necessita di blech.
  • Si pone la pentola sul blech. È permesso metterne anche un'altra, sullo stesso blech.
  • La pentola sul blech può essere coperta con un coperchio, straccio, tovagliolo, panno, ecc. per preservare il calore. Una parte della pentola deve però essere lasciata scoperta.

Durante lo Shabbat, le pentole devono essere rimosse secondo necessità ed utilizzo. Dopo averle asportate, è permesso riportarle sul blech seguendo queste istruzioni:

  • La pentola deve essere rimossa dal blech con l'intenzione di riportarcela dopo e deve essere tenuta tra le mani durante tutto il tempo, senza appoggiarla su nessuna superficie. (Una pentola pesante o difficile da sorreggere può essere appoggiata parzialmente su una superficie, mentre la si tiene, se non ci sono alternative).
  • Il cibo deve essere contenuto nella stessa pentola, completamente cotto, e ancora abbastanza caldo.

La permissibilià del blech e la maniera giusta di utilizzarlo è stata messa in dubbio e/o discussa da svariate organizzazioni moderne di Casherut;[3] tuttavia, l'uso del blech per riscaldare il cibo durante Sabbath rimane molto popolare tra gli ebrei osservanti.[2]

Sicurezza antincendio[modifica | modifica wikitesto]

È sempre molto importante avere montati in casa gli allarmi antifumo/antincendio, usando inoltre un blech garantito dalle norme di sicurezza.

Nel 2015, durante uno Shabbat, un incendio domestico provocato da un fornello plata difettoso ha causato la morte di sette bambini a Brooklyn, New York. Tale incendio era già stato preceduto da almeno altri quattro incendi a Brooklyn durante la festività ebraica, occorsi nei passati 15 anni e provocati da fornelli per riscaldare il cibo lasciati accesi inavvertitamente o da candele dello Shabbat in osservanza della Legge ebraica sulle attività proibite di sabato.[4] Nel 2005, tre bambini sono morti per un incendio a Williamsburg, Brooklyn, provocato da fornelli a gas lasciati accesi durante la Pesach.[5] Dopo l'incendio del 2015, il New York City Fire Department ha distribuito un opuscolo intitolato "Fire Safety for Jewish Observances (Sicurezza Antincendio durante le Osservanze Ebraiche)" alle case del circondario.[6] Come reazione al citato incendio, molti ebrei di Brooklyn installarono allarmi antifumo prima del successivo Shabbat.[7][8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) The Blech Book: The Complete & Illustrated Guide to Shabbos Hotplates, di Fishel Jacobs & Yerucham Fishel Jacobs, Campus Living & Learning Shuls, 2007.
  2. ^ a b (EN) Giora Giora Shimoni, What is a Blech?, about.com. URL consultato il 19 settembre 2015.
  3. ^ Si veda, per esempio, (EN) Warming Food on Shabbos di Rabbi David Cohen Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive., che afferma: "Anche se il cibo è cotto completamente, caldo, e non in cartoccio, gli Chazal hanno sentenziato che non può essere posto sul fuoco o su un blech." Ma si veda in contrapposizione Ovadia Yosef, Yehave Daat, Vol 2, nr. 45; e Pinchas Toledano, Fountain of Blessings, Vol. 2, p. 67.
  4. ^ (EN) A Deadly Plague of Shabbat Fires, Jewish Daily Forward, 22 marzo 2015. URL consultato il 19 settembre 2015.
  5. ^ (EN) Kate Briquelet, Orthodox Jewish Custom Poses Deadly Fire Danger, New York Post, 22 marzo 2015. URL consultato il 19 settembre 2015.
  6. ^ (EN) Vivian Yee e Michael Schwirtz, Deadly Fire in Brooklyn Renews Concerns Over a Weekly Ritual, New York Times, 22 marzo 2015.
  7. ^ (EN) Sharon Otterman, Orthodox Jews in Brooklyn Rush to Buy Smoke Detectors Before Sabbath, New York Times, 26 marzo 2015.
  8. ^ (EN) Lora Moftah, Sabbath Safety: Brooklyn Fire Spurs Orthodox Jewish Rush For Smoke Detectors, Fire Safety Info, International Business Times, 27 marzo 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo