Bindi (decorazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bindi sulla fronte di una donna.

Il bindi (dal sanscrito bindu, che vuol dire "goccia, particella, punto") è una decorazione per la fronte, indossata dalle donne dell'Asia del Sud (particolarmente in India)[1] e Asia del sud-est. Tradizionalmente è un punto di colore rosso applicato al centro della fronte e vicino alle sopracciglia, ma può essere anche un pendente o un gioiello.

Utilizzo moderno[modifica | modifica wikitesto]

Il suo utilizzo storico indicava l'età dell'indossatrice, il suo stato civile, religioso ed etnico[2], anche se con il passare degli anni il bindi ha cominciato ad essere indossato dalle donne asiatiche per una questione estetica, ed indifferentemente dal suo originale significato[2]. Attualmente i bindi in commercio sono di diverse forme e colori, e applicabili tramite un adesivo sul retro (sticker bindi).

Al di fuori dell'Asia, i bindi sono indossati a volte da donne di origini indiane, e da donne occidentali convertite all'induismo. Anche gli Hare Krishna indossano tale decorazione. In altri casi il bindi viene indossato meramente per seguire una moda, inaugurata da alcune pop star come Gwen Stefani, Shakira, Madonna, Nelly Furtado, e Shania Twain.

Nomi alternativi[modifica | modifica wikitesto]

Una donna indiana indossa il bindi.
Un bindi in forma di gioiello.

Il bindi può essere anche chiamato:

Significato religioso[modifica | modifica wikitesto]

L'area fra le sopracciglia (dove viene posizionato il bindi) viene considerata il sesto chakra, ajna, la sede della "saggezza nascosta". Secondo i credenti del Tantrismo, questo chakra è il punto di uscita per l'energia kundalini. Per tale ragione, si crede che il bindi posizionato in quel punto possa trattenere l'energia.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]