Billy Madison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Billy Madison
Billy madison.png
Una scena del film
Titolo originale Billy Madison
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1995
Durata 89 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Tamra Davis
Soggetto Adam Sandler, Tim Herlihy
Sceneggiatura Adam Sandler, Tim Herlihy
Produttore Robert Simonds
Produttore esecutivo Fitch Cady
Fotografia Harald Ortenburger
Montaggio John Gilroy, Jeffrey Wolf
Effetti speciali Jordan Craig
Musiche Randy Edelman
Scenografia Victor Hammer
Costumi Marie-Sylvie Deveau
Sfondi Enrico Campana
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Billy Madison è un film del 1995 diretto da Tamra Davis e interpretato da Adam Sandler, autore anche della sceneggiatura.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Billy Madison ha ventisette anni e ha finora trascorso tutta la vita mantenuto dal padre, padrone di una catena alberghiera. Billy viene servito dalla sua cameriera, passa le sue giornate a bere birra e a leggere riviste porno con gli amici Jack e Frank, creando numerosi problemi. Suo padre, Brain, è molto anziano, e visto che ha guadagnato una fortuna nei suoi alberghi sta pensando a chi lasciare la gestione degli hotel. All'inizio pensa a Eric Gordon, un suo collega, che non vede l'ora di avere in mano tutti gli hotel Madison. Quando Billy scopre che il padre vuole lasciare la gestione a Eric, cerca subito di convincerlo a dargli una seconda possibilità. Brain certo che Billy possa diventare un grande uomo d'affari decide di dargli ancora un'opportunità: ripetere tutto il percorso scolastico, fin dall'inizio, poiché in realtà suo padre aveva pagato gli insegnanti per promuoverlo. Quindi Billy si ritrova a dover ripetere tutte le classi con un esame ogni due settimane per poterle passare.

Billy torna quindi in prima elementare e si innamora di Veronica, la sua maestra. Egli sembra farcela e ad ogni promozione da una festa nella sua villa. Eric Gordon non prende bene la notizia che Billy possa diventare direttore di tutti gli hotel al suo posto. Passate le medie, Billy arriva al liceo dove viene "bullizzato". Eric scopre che il preside della scuola in cui sta andando Billy è in realtà un lottatore di wrestling. Eric, per non rivelare la sua vera identità, riesce a corromperlo, convincendolo a indire una conferenza stampa per dire a tutti che Billy ha nuovamente pagato i professori per farlo promuovere ma ciò è tutto ovviamente falso. Screditato allora lascia la scuola e torna al suo vecchio stile di vita. Billy convinto da Veronica sceglie di non mollare e di sfidare Eric ad una duello su dodici materie. Billy così riprende a studiare e decide di telefonare ad un suo vecchio compagno di liceo a cui faceva sempre i dispetti per scusarsi con lui.

Nella prima domanda posta a Billy, lui riesce a rispondere facendo un paragone con una fiaba letta in prima elementare: "Il cane Pippo" in relazione alla nostra società. La domanda viene annullata poiché la sua esposizione è priva di senso ed incoerente. La domanda che toccò ad Eric riguarda: "L'etica e la filosofia del commercio". Eric non sapeva cosa rispondere, per cui estrae una pistola e cerca di sparare a Billy, ma Danny McGrath, ovvero il compagno di liceo di Billy con cui si è scusato, spara un colpo con un fucile alla gamba destra di Eric, che viene ricoverato in un ospedale. Billy così riesce a conquistare il diploma, ma cede la direzione della catena alberghiera a Frank, in quanto vorrebbe diventare professore universitario. Il film si conclude con un bacio tra Billy e la sua maestra elementare Veronica, seguito da svariati altri baci del resto dei personaggi tra cui la cameriera e Danny.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Per la sua recitazione in questo film Adam Sandler è stato candidato al MTV Movie Award alla miglior performance comica.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Dal debutto del film ci sono state recensioni negative, una delle quali proviene dal Los Angeles Time, che dice: «Sandler ha la brutta abitudine di pensare che è più divertente di noi.»[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MOVIE REVIEW : No New Lessons When 'Billy' Goes Back to Public School - Los Angeles Times

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema