Billie Burke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Billie Burke in Una bionda in paradiso (1941)
Gloria's Romance (1916)

Billie Burke (nome completo Mary William Ethelbert Appleton Burke; Washington, 7 agosto 1884Los Angeles, 14 maggio 1970) è stata un'attrice cinematografica, teatrale e televisiva statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata nel 1884 a Washington, era figlia di Blanche e William E. 'Billy' Burke, un famoso clown conosciuto a livello internazionale. Crebbe seguendo con il circo i genitori in tournée per l'America e per l'Europa, prima che questi mettessero le loro radici a Londra.

Nel 1903, Billie, che all'epoca aveva 18 anni, debuttò in teatro in Inghilterra, acquisendo presto una certa popolarità. Ma fu a Broadway che ottenne il vero successo: dal 1910 al 1913 brillò per grazia e verve in pièce come Mrs. Dot, Suzanne, The Runaway, The "Mind-the-Paint" Girl e The Land of Promise. Lodata dal pubblico e dalla critica, diventò a pieno titolo una star di Broadway quando nel 1914 sposò il leggendario impresario Florenz Ziegfeld[1].

Negli anni venti continuò a mietere successi sulle scene, ma per aiutare suo marito, rimasto economicamente distrutto dalla Grande depressione del 1929, la Burke iniziò a lavorare a Hollywood, interpretando soprattutto eccentriche e svanite signore dell'alta società, personaggi consoni alla sua vis comica ai quali l'attrice univa una voce dai toni volutamente acuti e sgraziati. Tra i film da lei interpretati, si ricordano due commedie dirette da George Cukor, Febbre di vivere (1933), con Katharine Hepburn, e Pranzo alle otto (1933), con Jean Harlow, ma soprattutto il musical Il mago di Oz (1939) di Victor Fleming, in cui, al fianco di Judy Garland, interpretò splendidamente il personaggio di Glinda, la Strega del Nord.

A partire dagli anni quaranta l'attrice diradò le sue interpretazioni cinematografiche, per dedicarsi alla radio e al teatro. All'inizio degli anni cinquanta apparve ancora nelle commedie Il padre della sposa (1950) e nel suo sequel Papà diventa nonno (1951), entrambi diretti da Vincente Minnelli, mentre il suo ultimo film fu il western I dannati e gli eroi (1960), diretto da John Ford.

Billie Burke si spense per cause naturali il 14 maggio 1970, all'età di ottantacinque anni.

Spettacoli teatrali[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ StageBeauty

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Randolph Carter Ziegfeld The Time of His Life, Bernard Press (London, 1988) ISBN 0-9513557-0-8
  • (EN) Richard e Paulette Ziegfeld The Ziegfeld Touch: the life and times of Florenz Ziegfeld, Jr., Harry N. Abrams, Incorporated (New York, 1993) ISBN 0-8109-3966-5

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44487813 LCCN: n85151807