Bill Mumy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bill Mumy
Bill Mumy by Gage Skidmore.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rock demenziale
Pop
Folk
Periodo di attività 1960 – in attività
Strumento voce, chitarra, tastiera, basso, percussioni, banjo, armonica
Etichetta Lumania
Gruppo attuale Barnes & Barnes
Album pubblicati 11(con i Barnes & Barnes)
10(solista)
Studio 10
Sito web

Bill Mumy (vero nome Charles William Mumy Jr.) (San Gabriel, 1º febbraio 1954) è un attore e musicista statunitense, che negli anni sessanta ha avuto una importante carriera di attore bambino al cinema e alla televisione, per poi essere conosciuto a partire dagli anni settanta soprattutto per la sua attività di musicista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bill Mumy nasce a San Gabriel, in California nel 1954.

Dopo una prima partecipazione nel 1957 in un episodio della serie televisiva Wire Service, Biil inizia la sua intensa carriera professionale di attore bambino dal 1960, dall'età di sei anni, prendendo parte a numerosi episodi in popolari serie televisive, fra cui Il magnifico King (1960), Alfred Hitchcock presenta (1961-62), Going My Way (1962), L'ora di Hitchcock (1962), Perry Mason (1963); Undicesima ora (1964).

Particolarmente memorabile è la sua partecipazione a tre episodi della serie Ai confini della realtà: Chiamata a lunga distanza (marzo 1961) come il nipotino che comunica con la nonna morta attraverso un telefono giocattolo; "Un piccolo mostro" (novembre 1961), come un bambino che terrorizza la città con i propri poteri psichici;[1] e "In onore di Pip" (settembre 1963), come una visione del figlio morente di Jack Klugman da lui a lungo trascurato.

Comincia anche a partecipare in alcune produzioni cinematografiche, dapprima in piccoli ruoli, ma poi come protagonista nel 1965 del film Erasmo il lentigginoso, un adattamento cinematografico del romanzo Erasmus, nel quale interpreta la parte di un bambino prodigio, un genio della matematica, che sviluppa una cotta per l'attrice Brigitte Bardot (che nel film impersona se stessa). I suoi genitori, interpretati da James Stewart e Glynis Johns, hanno non poche difficoltà nel gestire l'ossessione del figlio.

Bill Mumy con Brigitte Bardot in Erasmo il lentigginoso (1965)

Ormai una presenza familiare al pubblico americano, dal 1965-68 è tra i protagonisti della popolarissima serie televisiva sci-fi Lost in Space, dove interpreta Will, il più giovane dei tre figli della famiglia Robinson.

La sua carriera di attore bambino si conclude con la partecipazione al film per famiglie della Disney Rascal, l'orsetto lavatore (1969).

Da giovane attore ha parti di rilievo nel film Bless the Beasts & Children (1971) e in Papillon (1973). Pur non rinunciando mai completamente alla carriera di attore i suoi interessi si spostano sempre più sulla musica.

Mumy è un musicista professionista che suona il banjo, basso, chitarra, armonica, tastiere, mandolino, e percussioni. I suoi vari crediti musicali includono canzoni che ha scritto e registrato con la band America, eseguiti in tour con Shaun Cassidy, ed eseguiti con la band di Rick Springfield nel film Hard to Hold. Mumy ha rilasciato da solista una serie di CDs, tra cui Dying to Be Heard, In the Current, Pandora's Box, After Dreams Come True, Los Angeles Times and Ghosts, così come nove album con il proprio partner musicale Robert Haimer con il quale dal 1970 ha formato il duo rock demenziale Barnes & Barnes sotto lo pseudonimo di Art Barnes.[2] Il loro successo più famoso è la canzone "Fish Heads", che la rivista Rolling Stone nominato uno dei 100 migliori video di tutti i tempi. È stato un candidato agli Emmy Awards per la musica originale in Adventures in Wonderland (1991), come solista, e come metà del duo Barnes & Barnes.

Mumy si esibisce anche con i Jenerators, una blues-rock band con base a Los Angeles con Tom Hebenstreit alla voce, chitarre elettriche e tastiere; Mumy alla voce, chitarre acustiche ed elettriche, armonica, tastiere e percussioni; Gary Stockdale alla voce e contrabbasso; Miguel Ferrer alla voce, percussioni e tamburi; David Jolliffe alla chitarra, percussioni e voce; e Chris Ross alla batteria e percussioni. Inoltre, Mumy ha pubblicato una canzone in onore di Byrds, "When Roger Was Jim" (2012). Mumy produce e conduce The Real Good Radio Hour, un programma settimanale su KSAV Internet Radio concentrandosi su vari stili musicali e gli artisti che li hanno promossi.[3]

Come attore, Mumy ha continuato a prendere parte in episodi di serie televisive ed ha prestato numerose volte la propria voce a documentari, film di animazione e spot pubblicitari. È ancora particolarmente attratto da ruoli nei film di fantascienza. Dal 1994 al 1998 ha partecipato alla serie televisiva Babylon 5, interpretando il ruolo di Lennier in numerosi episodi, e formando con alcuni membri del cast anche una band musicale, The Be Five.[4]

È sposato e padre dell'attrice Liliana Mumy.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia solista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quando fu girato l'episodio Un piccolo mostro per la serie televisiva Ai confini della realtà, sorprese l'intera troupe per la bravura e la naturalezza con cui recitava la sua complessa parte al punto che, quando una scena veniva interrotta, il regista gli diceva «Non ti preoccupare, Billy... ogni cosa che fai tu è sempre buona!»
  2. ^ Larry Lapka, Barnes & Barnes: Biography, AllMusic. URL consultato il 17 gennaio 2015.
  3. ^ Profile, ksav.org; accessed February 15, 2015.
  4. ^ Bill Mumy's Return Trip, People, 3 giugno 1991.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, pp. 303-304.
  • David Dye, Child and Youth Actors: Filmography of Their Entire Careers, 1914-1985. Jefferson, NC: McFarland & Co., 1988, p. 166.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN26128595 · LCCN: (ENn87860181