Bill Bowerman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bill Bowerman
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Mezzofondo
Ruolo Allenatore
Società Università dell'Oregon
 

William Jay Bowerman, detto Bill (Portland, 9 febbraio 1911Fossil, 24 dicembre 1999), è stato un allenatore di atletica leggera e imprenditore statunitense, cofondatore della Nike.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come allenatore, ha curato 31 atleti che hanno vinto successivamente un titolo ai Giochi olimpici, 12 che sono entrati nel team All-America, 24 campioni della NCAA e 16 corridori che sono scesi sotto la barriera dei 4 minuti nel miglio. Celebre il caso del suo più famoso atleta, Steve Prefontaine, ragazzo di grande talento morto a soli ventiquattro anni in un incidente stradale.

Nei 24 anni di servizio presso l'Università dell'Oregon come allenatore della squadra universitaria di atletica, ha vinto 23 campionati, ottenuto 4 titoli NCAA e portato la propria squadra fra le prime 10 degli Stati Uniti per ben 16 volte. Grazie alla sua carriera da allenatore conosce Phil Knight, studente negli anni cinquanta dell'università e mezzofondista. Insieme i due fondano nel 1974 la Nike, importando inizialmente le scarpe dal Giappone. divenne successivamente l'inventore della Nike. Come tecnico ha contribuito anche lui a inventare scarpe più leggere come le Cortez e le Waffle Racer. Quando un giorno la moglie stava cucinando dei waffles, gli viene un'idea brillante, fare cioè delle "suole a waffle": versando della plastica nella macchina per waffles della moglie, inventa così delle suole molto particolari, le suole "a waffle".

Nei film dedicati alla vita di Prefontaine, Prefontaine (1997) e Without Limits (1998), il suo personaggio è interpretato rispettivamente da R. Lee Ermey e Donald Sutherland.

Muore a 88 anni la notte di Natale del 1999.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morto Bowermn, il papà della Nike, su archiviostorico.gazzetta.it, 27 dicembre 1999. URL consultato il 13 agosto 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30930675 · ISNI (EN0000 0000 8436 3300 · LCCN (ENn84029406