Bicchiere della staffa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bere il bicchiere della staffa significa bere l'ultimo bicchiere prima di congedarsi dagli amici, in genere per recarsi a casa propria per riposare.

Verosimilmente questa espressione nasce nell'800, quando i signori che si recavano nelle locande bevevano l'ultimo bicchiere quando già avevano un piede nella staffa, pronti per montare a cavallo[1][2].

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Huysmans cita il bicchiere della staffa in uno dei capitoli di Controcorrente (À rebours), nell'occasione di una cena svoltasi durante un tentato viaggio a Londra da parte del protagonista Jean Floresses Des Esseintes[3].

In Octopussy - Operazione piovra, James Bond, interpretato da Roger Moore chiede prima a Magda e poi al suo carceriere, Govinda, se gradiscono il bicchiere della staffa.

In Tintin in America di Hergé, lo sceriffo sta bevendo whisky e ascoltando la radio. Nel frattempo, la gente fuori vorrebbe linciare Tintin, ma lo sceriffo venendo al corrente dell'innocenza di Tintin, decide di fermare il linciaggio non senza però prima rinunciare al bicchiere della staffa.

In Working girl, Una donna in carriera, film americano del 1988 diretto da Mike Nichols, Harrison Ford(Jack Trainer) dopo aver accompagnato a casa Tess (Melanie Griffith) completamente ubriaca le propone il bicchiere della staffa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bicchiere in Vocabolario su treccani.it. URL consultato il 10 aprile 2014.
  2. ^ Ottavio Mazzoni Toselli, Racconti storici estratti dall'archivio criminale di Bologna ad illustrazione della storia patria, 1866, p. 495.
  3. ^ Joris Karl Huysmans, A ritroso, Bur, 2012, ISBN 88-586-3191-9.