Biblioteca nazionale della Cina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Biblioteca nazionale della Cina
中国国家图书馆
Wenjin Lou, Beijing.jpg
La Biblioteca nazionale della Cina
Ubicazione
StatoCina Cina
CittàPechino
Caratteristiche
Apertura24 aprile 1909
DirettoreHan Yongjin
Sito web
Coordinate: 39°56′34.19″N 116°19′02.71″E / 39.94283°N 116.31742°E39.94283; 116.31742

La Biblioteca nazionale della Cina (中国国家图书馆) si trova a Pechino. È la più grande biblioteca asiatica[1][2][3] e una delle più grandi al mondo con i suoi ventitré milioni di volumi.[4][5][6] Comprende la più estesa e una delle più ricche raccolte di letteratura e documenti storici cinesi al mondo.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Biblioteca nazionale della Cina venne fondata dalla dinastia Qing il 24 aprile 1909 con il nome di Biblioteca Capitale.[7] Fu la prima biblioteca formalmente aperta dopo la rivoluzione Xinhai, nel 1912. Nel 1916 la biblioteca diventò biblioteca depositaria.[2] Nel luglio del 1928 il suo nome venne cambiato in Biblioteca Nazionale di Pechino, e successivamente acquisì quello attuale.

La collezione[modifica | modifica wikitesto]

La collezione della Biblioteca Nazionale Cinese comprende volumi ed archivi dalla Biblioteca Imperiale Weyunange della dinastia Qing che, a sua volta, comprende libri e manoscritti della biblioteca della dinastia Song meridionale.[8] La biblioteca contiene anche gusci di tartaruga e ossa inscritti, antichi manoscritti e volumi stampati con cliché.[9] Tra le più preziose collezioni della Biblioteca Nazionale vi sono i rari documenti della passate dinastie della storia cinese, pubblicazioni ufficiali delle Nazioni Unite e dei precedenti governi, ed una raccolta di letteratura e materiali in più di centoquindici lingue.[2]

Oggetti e collezioni degni di nota sono:

  • Una raccolta di più di 270.000 antichi e rari libri cinesi e documenti storici, e più di 1.640.000 libri thread-bound tradizionali cinesi;[2]
  • più di 35.000 iscrizioni su ossa oracolari e gusci di tartaruga della dinastia Shang (XVI-XI secolo a.C.)[2][9]
  • più di 16.000 volumi di preziosi documenti storici cinesi e manoscritti dalle Cave di Mogao a Dunhuang;[2]
  • copie di sutra buddhiste del VI secolo;[8]
  • vecchie mappe, schemi e ricalchi di antiche iscrizioni su metallo e pietra;[8]
  • rare copie di antichi manoscritti e libri dell'epoca delle Cinque dinastie, tra cui un grande numero di raccolte di antichi manoscritti su vari soggetti;
  • libri e archivi dalle biblioteche imperiali della dinastia Song (c. 1127)[9]
  • la copia più completa dell'Enciclopedia Yongle;[8][10]
  • una copia della Siku Quanshu (una raccolta di testi di eruditi cinesi) della dinastia Qing;[8]
  • un'essenziale raccolta di letteratura e volumi vari dalle università della dinastia Qing e da famosi collezionisti privati.[9]

L'attuale direttore è Zhan Furui.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Library of China to Add Its Records to OCLC WorldCat, su newsbreaks.infotoday.com, Information Today, 06.03.2008. URL consultato il 24.06.2009.
  2. ^ a b c d e f g (EN) The National Library of China (NLC) Advancing Towards the Twenty-first Century, su nla.gov.au, Biblioteca nazionale dell'Australia. URL consultato il 24.06.2009.
  3. ^ (EN) National Library of China to add its records to OCLC WorldCat, su librarytechnology.org, Library Technology Guides, 28.02.2008. URL consultato il 24.06.2009 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2008).
  4. ^ From Tortoise Shells to Terabytes: The National Library of China's Digital Library Project, su libraryconnect.elsevier.com, Library Connect. URL consultato il 24.06.2009 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  5. ^ The Development of Authority Database in National Library of China, su sciencelinks.jp, Science Links Japan. URL consultato il 24.06.2009 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2012).
  6. ^ (EN) Columbia University Libraries and the National Library of China Sign Cooperative Agreement, su columbia.edu, Columbia University Libraries, 25.11.2008. URL consultato il 24.06.2009.
  7. ^ (EN) American Contributions to Modern Library Development in China: A Historic Review, su darkwing.uoregon.edu. URL consultato il 24.06.2009.
  8. ^ a b c d e (EN) Beijing - Cultural life » Museums and libraries, su britannica.com, Encyclopædia Britannica Online. URL consultato il 24.06.2009.
  9. ^ a b c d Types of libraries » National libraries » Other national collections, su britannica.com, Encyclopædia Britannica Online. URL consultato il 24.06.2009.
  10. ^ (EN) China mega-book gets new life, su edition.cnn.com, CNN, 18.04.2002. URL consultato il 24.06.2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126033716 · ISNI (EN0000 0001 2152 4522 · LCCN (ENno2001051712 · GND (DE10005426-2 · BNF (FRcb14012773j (data) · NLA (EN36591857 · NDL (ENJA00792082 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001051712