Biblioteca centrale della Regione Siciliana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biblioteca centrale della Regione Siciliana
Ubicazione
StatoItalia Italia
IndirizzoCorso Vittorio Emanuele 429, 90138 Palermo
Caratteristiche
TipoPubblica
ISILIT-PA0064
Sito web

Coordinate: 38°06′51.84″N 13°21′29.16″E / 38.1144°N 13.3581°E38.1144; 13.3581

La Biblioteca centrale della Regione Siciliana "Alberto Bombace" è una storica biblioteca di Palermo, fondata nel 1782 per ordine di Ferdinando I.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 15 novembre 1782 nel complesso monumentale del collegio Massimo dei Gesuiti e dalla chiesa barocca di Santa Maria della Grotta, come reale biblioteca per merito di Gabriele Lancillotto Castelli, principe di Torremuzza. Nel 1861 divenne biblioteca nazionale. Nel 1977 fu trasferita alla Regione Siciliana prendendo la denominazione attuale. Nel 2004 è stata intitolata allo storico dirigente dei beni culturali della Regione Siciliana Alberto Bombace.

Patrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Con l'unità d'Italia ricevette tutti i volumi delle soppresse corporazioni religiose siciliane. Dal 1878 riceve tutte le pubblicazioni stampate in provincia di Palermo. Vi sono custoditi manoscritti, opere a stampa del XV e XVI secolo[1]. La raccolta di periodici dell'emeroteca è una delle più importanti del meridione. È polo S.B.N. (servizio bibliotecario nazionale) per la Sicilia[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvana Masone Barreca, Biblioteca centrale della Regione Siciliana di Palermo, 1992, Nardini

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]