Biagio Propato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Biagio Propato (Viggianello, 26 febbraio 1952) è un poeta e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in Basilicata ma si trasferì giovanissimo a Roma. Laureatosi in Lingue e Letterature straniere, sarà per trent'anni insegnante di inglese.

A partire dagli anni ottanta lavorò anche come critico letterario, collaborando a note riviste del settore, come "Inchiostri" e "Il battello ebbro". Intanto intrecciò profonde amicizie con poeti del calibro di Dario Bellezza, Dante Maffia e Vito Riviello.

Il 1986 è l'anno della sua prima pubblicazione: il poema Gobi. Viaggio nel negativo (Edizioni Moloch), con prefazione di Maffia. Il libro racconta di una traversata al di là del tempo e dello spazio, una ricerca attraverso i sentieri nascosti che compongono la trama letale del deserto interiore, nel quale il Poeta si sente un disperso e al contempo un invincibile padrone. Particolare attenzione va rivolta al linguaggio di questo poema, che propone una struttura metrica assolutamente originale, e che presenta un continuo ricorso alla metafora e al simbolo, come strumenti mistici e visionari attraverso i quali svelare il senso del Vero e dell'Assoluto. Il libro risente dell'influsso dei modelli letterari che accompagnano Biagio Propato sin dalla giovinezza, ovvero gli autori della Beat Generation (l'autore definisce Allen Ginsberg come il suo "maestro"), i romantici inglesi (John Keats) e i grandi poeti dell'Ottocento francese (Baudelaire e Rimbaud).

Negli anni seguenti fu molto attivo soprattutto come promotore di cultura, organizzando nel noto quartiere romano di San Lorenzo, una lunga serie di serate letterarie, a cui parteciparono i più grandi nomi della letteratura contemporanea.

Nel 2009 Propato realizzò, insieme al giovane regista Toni D'Angelo, un documentario dal titolo Poeti, presentato con successo alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia[1]. Il film si interroga sulla possibilità di ripetere in epoca odierna un evento simile al grande Festival poetico che ebbe luogo nella località di Castel Porziano nel 1979 (a cui Propato stesso prese parte). In seguito il dubbio diventa ancora più forte e importante, riferendosi al senso stesso della Poesia. Roma è la vera protagonista del documentario, in cui appare una vasta e suggestiva gamma di interpreti letterari, dai cosiddetti poeti "underground" a quelli "ufficiali" (come l'amico Dante Maffia, Maria Luisa Spaziani ed Elio Pecora).

Le ultime pubblicazioni di Biagio Propato sono Solo un poema rotolante (2009) e Ora e plutonio (2010), edite dalla casa editrice Nuova Cultura. Su Internet gestisce un proprio blog.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Gobi. Viaggio nel negativo, Edizioni Moloch, 1986
  • Solo un poema rotolante, Nuova Cultura, 2009
  • Ora e plutonio, Nuova Cultura, 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]