Bharata (Mahābhārata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bharata bambino gioca con i cuccioli di leone, dipinto di Raja Ravi Varma.

Bharata (devanagari: भरत, IAST: Bharata, lett. amato[1][2]) è un personaggio della mitologia induista, la cui storia appare soprattutto nel poema epico Mahābhārata e nel dramma Abhijñānaśākuntalam (Il riconoscimento di Śakuntalā).

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Bharata è un nome piuttosto comune nella mitologia indiana. Bhārata era in origine il nome di una delle tribù indoarie menzionate nel Rigveda[3]. Secondo il racconto, la tribù prese il nome da questo personaggio, ma siccome la menzione della tribù è più antica di quella del personaggio, probabilmente è vero il contrario. Anche il nome attuale dell'India, Bharat in hindi, viene tradizionalmente fatta risalire a questo re.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Bharata nella mitologia è figlio di Dushyanta, re di Hastinapur, e di Shakuntala.[4][5], e discende dal clan Puru della dinastia lunare dei re indiani[6]. Attraverso molte generazioni è antenato di re Kuru e dei fratelli Pandava e Kaurava.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

La storia della nascita e delle imprese di Bharata è narrata soprattutto nel primo libro del Mahābhārata, e nel dramma Abhijñānaśākuntalam di Kalidasa. Secondo la leggenda, il re Dushyanta incontrò Shakuntala nella foresta, durante una battuta di caccia, e fu rapito dalla sua bellezza. Rimase con lei per il tempo necessario per concepire il figlio, ma poi dovette tornare agli affari del suo regno[7], e diede a Shakuntala un anello, in modo da farsi riconoscere quando si fosse recata alla corte del re. Bharata crebbe così nella foresta, e divenne talmente coraggioso e forte che si dilettava ad aprire la bocca dei leoni e delle tigri per contare i loro denti[8].

Secondo la versione del Mahābhārata, quando il bambino ebbe sei anni, la madre lo condusse a corte per presentarlo a suo padre. Il re però non riconobbe né Shakuntala né Bharata, sostenendo che le donne sono spesso abili a mentire. Shakuntala allora lasciò adirata la corte, ma improvvisamente una voce divina echeggiò a corte, ordinando a Dushyanta di riconoscere Shakuntala e Bharata. Bharata succedette infine a suo padre come re, e con la sua potenza senza precedenti soggiogò il mondo intero, tanto che fu chiamato imperatore. Eseguì numerosi rituali sulle rive del Gange, donando grandi quantità di ricchezza ai bramini.

Bharata ebbe un figlio di nome Bhúmanyu. L'Adi Parva del Mahābhārata racconta due storie diverse sulla nascita di Bhúmanyu. Secondo la prima versione, Bharata sposò Sunanda, la figlia di Sarvasena, il re del regno di Kasi e generò da lei un figlio di nome Bhumanyu.[9] Secondo la seconda storia, Bharata aveva tre mogli e da loro nove figli. Ma questi figli non erano all'altezza del padre e quindi incapaci di succedergli. Vedendo l'insoddisfazione di Bharata, le sue mogli adirate uccisero tutti i loro figli. Bhúmanyu nacque infine da un grande sacrificio che Bharata compì con l'aiuto del saggio Bharadwaja.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Mahabharata, Book 1: Adi Parva: Sambhava Parva: Section LXXIV, su sacred-texts.com.
  2. ^ The Mahabharata in Sanskrit: Book 1: Chapter 69, su sacred-texts.com.
  3. ^ U. Singh, A History of Ancient and Medieval India: From the Stone Age to the 12th Century, Delhi, Longman, 2009, p. 187, ISBN 978-81-317-1677-9.
  4. ^ Vaman Shivaram Apte, भरतः, in Revised and enlarged edition of Prin. V. S. Apte's The practical Sanskrit-English dictionary, Poona, Prasad Prakashan, 1959. URL consultato il 21 aprile 2022 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2016).
  5. ^ J. A. B. van Buitenen, Introduction, in Mahabharata Book I: The book of beginnings, University of Chicago Press, 1973, ISBN 9780226846637.
  6. ^ National Council of Educational Research and Training, History Text Book, Part 2, India
  7. ^ Kālidāsa., Theater of memory : the plays of Kālidāsa, a cura di Miller, Barbara Stoler., New York, Columbia University Press, 1984, pp. 109, 122, ISBN 0231058381, OCLC 10299417.
  8. ^ KM Ganguly, The Mahabharata of Krishna-Dwaipayana Vyasa, Drona Parva Section LXVIII, Sacred Texts, 2006 [1883], pp. 130-132.
  9. ^ The Mahabharata, Book 1: Adi Parva: Sambhava Parva: Section XCV, su sacred-texts.com (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2010).
  10. ^ http://mahabharata-resources.org/bharata.html