Bernini Palace Hotel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hotel Bernini Palace
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Località Firenze
Indirizzo Piazza San Firenze, 29
Informazioni
Condizioni In uso
Inaugurazione XV secolo
Realizzazione
Proprietario Gruppo Duetorrihotels Spa

Bernini Palace Hotel è uno storico albergo a 5 stelle di Firenze, ospitato in un palazzo di rilevanza storica. È membro dell'Associazione Locali Storici d'Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le notizie più antiche riguardanti la struttura risalgono al XIV secolo, quando l'edificio era di proprietà dei Della Pera, antenati della storica famiglia Peruzzi, potenti finanzieri citati anche nella Divina Commedia di Dante Alighieri (Paradiso - Canto sedicesimo: «Nel piccol cerchio s'entrava per porta che si nomava da qué della Pera»).

Intorno alla meta dell'Ottocento la struttura ospitava l'Albergo Dello Scudo di Francia. Ribattezzato Hotel Columbia Parlamento, in epoca risorgimentale il palazzo rivestì un'importanza strategica: tra il 1865 ed il 1870, anni in cui la capitale del Regno d'Italia era provvisoriamente trasferita da Torino a Firenze, l'albergo - a pochi passi dalle sedi della Camera del Parlamento (Palazzo Vecchio) e del Senato del Regno (Uffizi) – ospitava la buvette del Parlamento, e accoglieva deputati e senatori anche per lunghi periodi.

Nel 2011 un capillare restauro portò alla luce un loggiato del Cinquecento e ripristinò la grande sala al primo piano, affrescata con ritratti dei protagonisti del Risorgimento: tra gli altri Giuseppe Garibaldi, Neri Corsini, Giuseppe Montanelli, Cosimo Ridolfi, Vincenzo Salvagnoli, Manfredo Fanti, Camillo Benso, conte di Cavour, Cesare Balbo, Vincenzo Gioberti, Alessandro La Marmora, Giuseppe La Farina e Daniele Manin.

Nel 2010 la struttura fu acquisita dal gruppo Duetorrihotels.

L'albergo[modifica | modifica wikitesto]

L'Hotel Bernini Palace dispone di settantaquattro camere.

Il ristorante e la sala colazione ed eventi dell'hotel si trovano nella Sala del Parlamento, affrescata con i ritratti dei personaggi più in vista del Risorgimento.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Borghi, La Divina Commedia, Con nuovi argomenti e note di G. Borghi, 1844.
  • Università Sapienza di Roma, Biblioteca generale E. Barone, Facoltà di Economia, Annali della giurisprudenza italiana, Editore Tipografia di Luigi Niccolai, 1881.
  • Ugo Pesci, Firenze capitale (1865-1870): dagli appunti di un ex-cronista, R. Bemporad, 1904.
  • Carlini Sandra, Mercanti Lara e Straffi Giovanni, I palazzi, volume 2, Alinea Editrice, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]