Bernhard Russi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bernhard Russi
Bernhard Russi 1972.jpg
Bernhard Russi nel 1972
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 182[senza fonte] cm
Peso 71[senza fonte] kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, slalom gigante
Squadra Gotthard Andermatt[1]
Ritirato 1978
Palmarès
Olimpiadi 1 1 0
Mondiali 2 1 0
Coppa del Mondo - Discesa 2 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Bernhard Russi (Andermatt, 20 agosto 1948) è un dirigente sportivo ed ex sciatore alpino svizzero. Specialista della discesa libera, è stato uno degli atleti di punta della squadra elvetica degli anni settanta; nel suo palmarès vanta, tra l'altro, la medaglia d'oro olimpica vinta a Sapporo 1972 (valida anche come titolo mondiale), la medaglia d'oro iridata di Val Gardena 1970 e due Coppe del Mondo di specialità. Dopo il ritiro è diventato dirigente nei quadri della Federazione Internazionale Sci e si è dedicato alla progettazione di piste sciistiche.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1969-1970[modifica | modifica wikitesto]

Russi entrò nella nazionale maggiore svizzera nella stagione 1968-1969[2], durante la quale esordì in Coppa del Mondo il 12 dicembre nello slalom gigante di Val-d'Isère, classificandosi 48º[1], e si piazzò 3º nella discesa libera della XX edizione della 3-Tre a Madonna di Campiglio[1][3].

Il 10 gennaio 1970 sulla Lauberhorn di Wengen colse il suo primo piazzamento in Coppa del Mondo (10º in discesa libera) e il 15 febbraio successivo in Val Gardena, sulla pista Saslong nell'ultimo giorno dei Mondiali di quell'anno (i primi per Russi), partendo per quindicesimo[senza fonte] vinse il titolo iridato nella discesa libera davanti all'austriaco Karl Cordin e all'australiano Malcolm Milne.

Stagioni 1971-1972[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1970-1971 vinse la sua prima Coppa del Mondo di discesa libera grazie anche a quattro podi (tra i quali il primo in carriera, il 16 gennaio a Sankt Moritz: 2º in discesa libera), con tre vittorie: tra queste la prima in carriera, il 31 gennaio in discesa libera a Megève, e l'unico successo di Russi in slalom gigante, il 13 febbraio a Mont-Sainte-Anne. In classifica generale fu 5º.

L'anno dopo bissò il successo nella Coppa del Mondo di specialità e si piazzò nuovamente 5º in classifica generale; i suoi podi quell'anno furono cinque, tutti in discesa libera, con tre vittorie tra le quali quella del 15 marzo sulla Saslong della Val Gardena. Agli XI Giochi olimpici invernali di Sapporo 1972, suo esordio olimpico, vinse la medaglia d'oro nella discesa libera; la Svizzera celebrò allora un doppio successo, poiché secondo fu Roland Collombin.

Stagioni 1973-1976[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1972-1973 in Coppa del Mondo nonostante i quattro podi (due le vittorie) fu 6º nella classifica generale e venne battuto in quella di specialità da Collombin, mentre in quella successiva ottenne un solo podio e chiuse 17º nella classifica generale e 4º in quella di discesa libera. Ai Mondiali di Sankt Moritz 1974 si piazzò 13º nella discesa libera.

Anche nel 1974-1975 in Coppa del Mondo fu 4º nella classifica di discesa libera; con due podi (nessuna vittoria) chiuse inoltre all'11º posto nella classifica generale. Nel 1975-1976 i suoi podi nel massimo circuito furono tre e si classificò 8º nella classifica generale e 3º in quella di specialità, ma ai XII Giochi olimpici invernali Innsbruck 1976, seconda e ultima presenza olimpica di Russi, salì nuovamente sul podio olimpico conquistando la medaglia d'argento nella discesa libera dietro all'austriaco Franz Klammer.

Stagioni 1977-1978[modifica | modifica wikitesto]

nel 1976-1977 tornò alla vittoria in Coppa del Mondo, ma quella del 30 gennaio a Morzine in discesa libera sarebbe rimasta l'ultima della carriera di Russi; ottenne inoltre sei terzi posti e si piazzò per l'ultima volta tra i primi dieci sia nella classifica generale (5º), sia in quella di discesa libera (3º) del circuito.

Nel corso della sua ultima stagione agonistica, 1977-1978, conquistò ancora un podio in Coppa del Mondo, il 22 dicembre sull'Olimpia delle Tofane di Cortina d'Ampezzo (2º), e partecipò ai suoi ultimi Mondiali: il 14º posto ottenuto il 29 gennaio nella rassegna iridata di Garmisch-Partenkirchen fu l'ultimo piazzamento della carriera di Russi.

Carriera dirigenziale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver terminato la sua carriera di sciatore divenne consigliere tecnico della Federazione Internazionale Sci[2]. Ha progettato piste di discesa libera per diversi Campionati mondiali e Giochi olimpici; tra queste la Birds of Prey di Beaver Creek, creata per i Mondiali del 1999 e considerata uno dei tracciati più impegnativi del Circo bianco, e la Roza Chutor di Krasnaja Poljana, costruita per ospitare le prove di sci alpino ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014[4].

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Già prima del ritiro dalle competizioni Russi era divenuto editorialista per il quotidiano svizzero Blick[2] fin dal 1976. Dal 1980[senza fonte] è commentatore sportivo della Televisione svizzera tedesca e romancia[2], per la quale si occupa di sci alpino affiancando Matthias Hüppi[senza fonte].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 medaglia, oltre a quelle conquistate in sede olimpica:

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
31 gennaio 1971 Megève Francia Francia DH
13 febbraio 1971 Mont-Sainte-Anne Canada Canada GS
18 febbraio 1971 Sugarloaf Stati Uniti Stati Uniti DH
5 dicembre 1971 Sankt Moritz Svizzera Svizzera DH
25 febbraio 1972 Crystal Mountain Stati Uniti Stati Uniti DH
15 marzo 1972 Val Gardena Italia Italia DH
13 gennaio 1973 Grindelwald Svizzera Svizzera DH
3 febbraio 1973 Sankt Anton am Arlberg Austria Austria DH
30 gennaio 1977 Morzine Francia Francia DH

Legenda:
DH = discesa libera

GS = slalom gigante

Campionati svizzeri[modifica | modifica wikitesto]

Campionati svizzeri juniores[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Russi fu nominato "Sportivo dell'anno" in Svizzera nel 1970 e nel 1972. Sempre nel 1972 ricevette i premi "Skieur d'Or" ed "Etoile d'Or"; nel 1999 è stato premiato con lo "Skiing Legend Award"[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (DE) "Skikarriere" sul sito personale, su bernhardrussi.ch. URL consultato il 12 luglio 2015.
  2. ^ a b c d e (DE) "Biographie" sul sito personale, su bernhardrussi.ch. URL consultato il 12 luglio 2015.
  3. ^ L'albo d'oro della 3-Tre dal 1950 al 2012 (RTF), in newspower.it. URL consultato il 12 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  4. ^ (DE) Mario Rall, Bernhard Russi: Der Architekt, der die Abfahrten modern und attraktiv gebaut hat, in skionline.ch (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2012).
    (EN) "Birds of Prey History" sul sito della pista, su bcworldcup.com (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2012).
    (DE) Herren-Abfahrtspiste hat 100 Prozent Gefälle, in Rheinische Post, 4 febbraio 2003. URL consultato il 12 luglio 2015.
    (DE) Accola und Russi bauen Piste in Russland, in Blick, 6 ottobre 2008. URL consultato il 12 luglio 2015.
    (EN) All about the Sochi 2014 venues, su olympic.org, Comitato Olimpico Internazionale, 7 gennaio 2014. URL consultato il 12 luglio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]