Bernd e Hilla Becher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bernhard Becher, detto Berndt (Siegen, 20 agosto 1931Rostock, 22 giugno 2007), e

Hilla Becher, nata Wobeser (Potsdam, 2 settembre 1934Düsseldorf, 10 ottobre 2015), sono stati una coppia di artisti tedeschi legati alla tecnica fotografica.

Hilla Becher (2011)

Sono conosciuti internazionalmente per le fotografie in bianco e nero di strutture di archeologia industriale e altri tipi di architettura sempre strutturata in modo tipologico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fecero parte del movimento dell'arte concettuale e furono promotori della Scuola di Düsseldorf. Molti artisti sono stati influenzati dallo stile dei Becher tra cui Andreas Gursky, Thomas Ruff, Thomas Struth e Candida Höfer.

La coppia di artisti ottenne numerosi importanti premi tra cui il Premio Erasmo e il Leone d'oro alla Biennale di Venezia.

Nel 2004 vinsero l'"Hasselblad Award"[1]. La giuria motivò come segue: "Bernd e Hilla Becher sono tra i più influenti artisti del nostro tempo. Per più di 40 anni hanno registrato il patrimonio del passato industriale. Le loro foto dell'architettura funzionalista, sistematiche e spesso organizzate in griglie, hanno portato al loro riconoscimento sia come artisti concettuali sia come fotografi. Come fondatori di quella che è stata denominata scuola dei Becher essi hanno durevolmente influito sia sulla fotografia documentaria sia sugli artisti."

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Senza titolo, 1974, Fotografia b/n su carta, Museo cantonale d'arte, Lugano
  • Framework Houses (1977)
  • Pennsylvania Coal Mine Tipples (1991)
  • Industrielandschaften (‘Industrial Landscapes') (2002)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Hasselblad Award, in Hasselblad Foundation. URL consultato il 10 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fuchs, Rudi, Tussen kunstenaars, Uitg. De Bezige Bij, Tweede druk 2003 (zie "De anatomische les: Bernd en Hilla Becher" blz 659 t.e.m. 663) ISBN 9023439619

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN131253576 · ULAN: (EN500041221