Bernardo II di Tolosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bernardo II
Conte di Tolosa
In carica 864 - 874
Predecessore Unifredo
Successore Bernardo Piede di Velluto
Conte di Rouergue
In carica 865 –
874
Predecessore Raimondo I
Successore Oddone
conte di Limoges
In carica 865 –
874
Predecessore Raimondo I
Successore Fulcoaldo (fratello di Bernardo II)
Nome completo Bernardo il Vitello
Morte 874
Dinastia Rouergue
Padre Raimondo I
Madre Berta

Bernardo detto il Vitello (... – 874) fu conte di Tolosa, dall'864, di Rouergue e di Limoges, dall'865 alla morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Figlio primogenito del conte di Quercy, conte di Tolosa e conte di Rouergue, Raimondo I (ca. 820-† ca. 865) e di Berta (come risulta dal documento n° 164 del 21 aprile 865 delle Preuves de l'Histoire Générale de Languedoc, in cui la moglie Berta assieme al figlio, Bernardo, fecero una donazione per l'anima rispettivamente del marito e del padre, Raimondo[1]), figlia di Remigio e Arsenda (come risulta dal documento n° 203 del 6 aprile 883 delle Preuves de l'Histoire Générale de Languedoc, in cui Berta, assieme ai figli Fulcoaldo e Oddone, fece una donazione per l'anima di suo padre, Remigio, e sua madre, Arsenda il marito Raimondo ed il figlio, Bernardo[2]).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'862, Bernardo assieme al padre Raimondo I fondarono il monastero di Vabres, come risulta dal documento CCXXX, datato 21 giugno 870, del tomus VIII delle Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores[3]

Ancora nell'862, il re dei Franchi occidentali e re d'Aquitania, Carlo il Calvo, ritenendo che il conte di Barcellona e duca di Settimania, Unifredo, fosse a capo della ribellione che era esplosa in Aquitania, il 19 agosto, lo depose da tutti i suoi titoli.
Unifredo non accettò ed in quello stesso anno attaccò la contea di Tolosa, che era leale al re Carlo il Calvo, e secondo gli Annales Bertiniani, all'inizio dell'863, spodestò il padre di Bernardo, il conte Raimondo[4], che poi, tra l'864 e l'865, comunque prima del 17 aprile 865 (come risulta dal documento n° XC del 21 aprile 865 delle Preuves de l'Histoire Générale de Languedoc, in cui la moglie Berta assieme al figlio, Bernardo, fecero una donazione per l'anima rispettivamente del marito e del padre, Raimondo[1]), perse la vita nel tentativo di riprendersi la contea.
A seguito della morte del padre, Bernardo gli subentrò nel titolo di conte di Rouergue.

Tra la fine dell'864 e l'865, Carlo il Calvo, ripreso il controllo sia in Aquitania che in Settimania, procedette alla ridistribuzione dei titoli e dei domini dei rivoltosi.
E ancora secondo gli Annales Bertiniani Unifredo, nell'864, abbandonate sia Tolosa che la Gotia, passando per la Provenza, si rifugiò in Italia[5].
A seguito della fuga di Unifredo in Italia, Bernardo ricevette le contee di Tolosa e Limoges.

Nell'868, negli Annales Bertiniani, Bernardo viene citato come marchese di Tolosa, assieme agli altri due Bernardi (Bernardo di Gotia e Bernardo, detto Piede di Velluto)[6].

Secondo lo storico catalano, Ramón de Abadal y de Vinyals, Bernardo, definito conte e marchese fu attivo nella contea di Tolosa, facendo una donazione, nel luglio dell'871[7].
in quello stesso anno, nel mese di agosto, Bernardo, citato come conte di Tolosa, presiedette un giudizio, come risulta dal documento n° 178 delle Preuves de l'Histoire Générale de Languedoc[8].

Tra l'871 e l'872, Bernardo ottenne anche i titoli di conte di Carcassonne e di Rodez[7].

Nell'874 Bernardo fu assassinato, molto probabilmente da un vassallo di Bernardo Piede di Velluto[7], che gli subentrò nei titoli di conte di Tolosa e di Limoges[9]. La contea di Rouergue invece andò a suo fratello, Oddone.

Dal documento n° 203 del 6 aprile 883 delle Preuves de l'Histoire Générale de Languedoc, si viene a conoscenza che sua madre, Berta, assieme ai fratelli Fulcoaldo e Oddone, fece una donazione anche per l'anima di Bernardo II[1].
Bernardo venne ancora ricordato dai fratelli, Oddone e Ariberto come risulta dal documento n° XI del Cartoulaires de l'abbaye de Beaulieu[10].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Di Bernardo non si conosce né il nome della moglie né alcuna discendenza[7][11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1979, pp. 583–635.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]