Bernardo Bernardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bernardo Bernardi (Medicina, 1916Roma, 2007) è stato un antropologo e scrittore italiano. È considerato un punto di riferimento per lo sviluppo degli studi entro-antropologici in Italia[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bernardo Bernardi nasce a Medicina nel 1916. Nel 1946 si laurea in etnologia all'Università La Sapienza di Roma, e consegue il dottorato di ricerca in studi africani all'Università di Città del Capo e il post-graduate certificate in Education all'Università di Londra. Tra il 1970 e il 1982 insegna antropologia culturale all'Università di Bologna e dal 1982 al 1992 etnologia all'Università La Sapienza di Roma. È visiting professor di numerose università in Europa, America e Africa, tra le quali l'Università di Cambridge, l'Università di Manchester e l'Università di Addis Abeba; è stato onorary fellow del Royal Anthropological Institute of Great Britain and Ireland e socio onorario dell'Istituto Italiano per l'Africa e l'Oriente[2]. Tra il 1996 e il 2000 è presidente dell'European Council on African studies[3].

Bernardo Bernardi muore nel 2007 a Ferrara

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi di Bernardo Bernardi si concentrano sull'Africa Subsahariana, attraverso ricerche sul campo in Zimbabwe, Kenya ed Etiopia, e soggiorni di studio in numerosi paesi dell'Africa. L'antropologo focalizza la sua attenzione sulle strutture sociali e religiose dei Zesuru e dei Meru.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • The Mugwe. A failing prophet, 1959.
  • Etnologia e antropologia culturale, Milano, 1973.
  • Uomo, cultura, società. Introduzione agli studi demo-etno-antropologici, 1974[4].
  • Africa meridionale, De Agostini, 1977.
  • Uomo cultura società. Introduzione agli studi entoantropologici, Milano, 1982.
  • I sistemi delle classi d'età. Ordinamenti sociali e politici fondati sull'età, 1985.
  • Introduzione allo studio della religione, Torino, 1992.
  • Africa. Tradizione e modernità, Carocci, Roma, 1998.
  • Nel nome d'Africa, Franco Angeli, Milano, 2001.
  • Africanistica. Le culture orali dell'Africa, Franco Angeli, Milano, 2006.
  • Uomo, cultura, società. Introduzione agli studi demo-etno-antropologici, FrancoAngeli, Milano, 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bernardo Bernardi sull'Enciclopedia Treccani http://www.treccani.it/enciclopedia/bernardo-bernardi; Identità d'Africa tra Arte e Politica, (a cura di) Cristiana Fiamingo, Aracne, Roma, 2008, pp. 9--11; notizia della morte di Bermardo Bernardi sul sito anthropos Copia archiviata, su antrocom.it. URL consultato il 6 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2012)..
  2. ^ Biografia di Bernardo Bernardi su pubblicazioni della casa editrice FrancoAngeli.
  3. ^ Bernardo Bernardi, Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani.
  4. ^ Presentazione della pubblicazione sul sito dell'editore FrancoAngeli

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59161438 · ISNI (EN0000 0000 8138 1036 · SBN IT\ICCU\CFIV\042484 · LCCN (ENn79049290 · GND (DE1058503464 · BNF (FRcb12362067z (data) · BAV (EN495/121936 · WorldCat Identities (ENlccn-n79049290