Berengaria di Castiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Berengaria di Castiglia (Siviglia, 1253Guadalajara, 1300) fu una principessa castigliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia del re Alfonso X di Castiglia e della principessa Violante d'Aragona.

Le Cortes riunitesi a Toledo nel 1254 la riconobbero erede al trono di Castiglia. In Castiglia infatti non vigeva la legge salica.

Le trattative matrimoniali coinvolsero Berengaria già in tenera età: suo padre pensò di darla in sposa al figlio del re Luigi IX di Francia, il delfino Luigi Capeto. Il fidanzamento non venne sciolto nemmeno quando Alfonso ebbe l'insperato figlio maschio Ferdinando nato il 23 ottobre 1255.

Il fidanzamento venne sciolto per la morte del delfino nel 1260.

Pervenne molti anni dopo a Berengaria la proposta di matrimonio del sultano d'Egitto ma l'infanta, fervente cattolica, rifiutò di sposare un musulmano e preferì abbracciare la vita monastica: entrò nel Monastero di Santa María la Real de Las Huelgas a Burgos.

Nelle sue volontà testamentarie scritte pochi mesi prima della sua morte, Alfonso X dedicò alcune clausole alla sua primogenita assegnandole alcune rendite e confermandole il possesso della signoria di Guadalajara.

A Guadalajara Berengaria fondò il convento di Santa Chiara de Toro[1].

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alfonso IX di León Ferdinando II di León  
 
Urraca del Portogallo  
Ferdinando III di Castiglia  
Berenguela di Castiglia Alfonso VIII di Castiglia  
 
Leonora d'Aquitania  
Alfonso X di Castiglia  
Filippo di Svevia Federico Barbarossa  
 
Beatrice di Borgogna  
Beatrice di Svevia  
Irene Angelo Isacco II Angelo  
 
Irene  
Berengaria di Castiglia

 
Pietro II d'Aragona Alfonso II d'Aragona  
 
Sancha di Castiglia  
Giacomo I d'Aragona  
Maria di Montpellier Guglielmo VIII di Montpellier  
 
Eudocia Comnena  
Violante d'Aragona  
Andrea II d'Ungheria Bela III d'Ungheria  
 
Agnese di Chatillon  
Iolanda d'Ungheria  
Iolanda di Courtenay Pietro II di Courtenay  
 
Jolanda di Fiandra  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]