Berardino Capocchiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Berardino Capocchiano
Berardino Capocchiano.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1998
Carriera
Squadre di club1
1986-1987 Flag blue HEX-0434B1.svg Carugatese ? (?)
1987-1989 TSV Havelse ? (?)
1989-1990 Arminia Bielefeld 8 (0)
1990-1991 TSV Havelse 35 (14)
1991-1992 Lazio 2 (0)
1992-1994 Bari 27 (4)
1994 Avellino 0 (0)
1994-1996 Chieti 59 (13)
1996-1997 Latina 7 (2)
1997-1998 Rondinella 9 (2)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 novembre 2012

Berardino Capocchiano (Zapponeta, 16 agosto 1965) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centravanti tecnicamente grezzo[1] (come lui stesso ammetteva[2]), era fisicamente imponente e forte nel gioco aereo[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli esordi tra i dilettanti, con la Carugatese, nel 1987 si trasferisce in Germania per motivi familiari[3] proseguendo l'attività di calciatore nel TSV Havelse e nell'Arminia Bielefeld. Nella stagione 1990-1991 esordisce in Zweite Bundesliga con l'Havelse, con cui realizza 14 reti in 35 partite, e attira l'attenzione della Lazio, che lo acquista nell'estate 1991[1] come riserva di Rubén Sosa e Karl-Heinz Riedle. Il trasferimento, tuttavia, diventa operativo solo in novembre[3], a causa di un contenzioso tra la Lazio e il Monaco 1860 (per cui aveva firmato inizialmente[4]) sulla cifra dovuta al club tedesco[1], che ritarda l'arrivo del transfer[5].

Esordisce con la maglia laziale nella partita di Coppa Italia contro il Torino, nella quale fallisce l'unica palla-gol costruita dalla formazione biancoceleste[6]. Rimane l'unica presenza fino al febbraio 1992, poiché viene considerato l'ultima scelta per l'attacco da Dino Zoff[3]; debutta nella massima serie il 16 febbraio 1992 contro l'Ascoli, e colleziona in seguito la sua terza e ultima presenza in maglia laziale nel maggio dello stesso anno contro la Sampdoria.

A fine stagione, dopo un'annata globalmente fallimentare[7], viene ceduto per un miliardo di lire[8] al Bari, appena retrocesso in Serie B[9]. In Puglia ritrova continuità di impiego, disputando 21 partite nel campionato di Serie B 1992-1993, con 4 reti; tuttavia il suo rendimento è ancora inferiore alle attese, provocando la contestazione della tifoseria[10].

Messo in disparte da Giuseppe Materazzi nella stagione 1993-1994 (6 presenze senza reti), nel 1994 passa al neopromosso Avellino, sempre tra i cadetti, con un contratto proporzionale ai gol realizzati[11]. Anche l'avventura in Irpinia si conclude rapidamente: a novembre scende in Serie C1, ingaggiato dal Chieti, e qui rimane fino al 1996, dopo la scadenza del suo contratto con il Bari[12]. Conclude la carriera con due stagioni tra i dilettanti, con Latina e Rondinella.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Lasciato il mondo del calcio, ha intrapreso l'attività di imprenditore; nel 2011 è stato in predicato di far parte di una cordata per l'acquisizione del Piacenza[13], per poi smentire l'interesse all'acquisto[14].

Nel 2009 si è candidato alle elezioni per il consiglio provinciale della neonata Provincia di Monza[15].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Cornacchini e i suoi fratelli, La Repubblica, 21 agosto 1991, pag.35
  2. ^ Calcio blob, La Repubblica, 7 agosto 1991, pag.37
  3. ^ a b c Pacche sulle spalle e tanti complimenti. "Ma non gioco mai", L'Unità, 12 febbraio 1992, pag.27
  4. ^ (DE) Geschichten über ... Dino Capocchiano, Sport-Bild, 18 marzo 1993, pag.4
  5. ^ Grand Hotel, così è la Lazio, La Repubblica, 21 settembre 1991, pag.40
  6. ^ Torino, basta il controllo, La Repubblica, 5 dicembre 1991, pag.25
  7. ^ Addio vecchio Torino, La Repubblica, 11 marzo 1994, pag.28
  8. ^ Zoff, che trappola l'euforia, La Repubblica, 13 agosto 1992, pag.24
  9. ^ Il piccolo Laudrup va a Firenze, La Repubblica, 28 giugno 1992, pag.43
  10. ^ Capocchiano non perde la testa, L'Unità, 16 novembre 1992, pag.22
  11. ^ Calcio, una città aperta, L'Unità, 21 agosto 1994
  12. ^ Tutti giù per terra, L'Unità, 12 luglio 1995
  13. ^ Calcio - Ecco chi comprerà il Piacenza[collegamento interrotto] Sportpiacenza.it
  14. ^ Piacenza - Anche Capocchiano si chiama fuori dalla cordata[collegamento interrotto] Sportpiacenza.it
  15. ^ Brianza, tutti alla carica della nuova Provincia Infonodo.it
  16. ^ Capocchiano, il pibe di piombo, Foppapedretti e Bomber di cartapesta, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 2 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]