Beppe Finessi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Beppe Finessi (Ferrara, 1966) è un architetto e ricercatore italiano che svolge attività didattica, critica e di ricerca presso il Politecnico di Milano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso progetti espositivi ed editoriali si occupa dell'opera dei grandi maestri del design italiano e dei nuovi protagonisti della scena internazionale. È autore di numerosi volumi sul design, l'architettura e le arti contemporanee fra i quali, nel catalogo Corraini[1] libri dedicati a Bruno Munari, Angelo Mangiarotti, Alessandro Mendini, Vico Magistretti, Dino Gavina. Dal 2010 dirige Inventario "Tutto è Progetto" premiato con il compasso d'oro ADI 2014 in collaborazione con Foscarini. È curatore della mostra "Il design italiano oltre le crisi - Autarchia, Austerità, Autoproduzione" presso il Triennale Design Museum 2014 (settima edizione). È direttore responsabile della rivista INVENTARIO e caro amico di Duilio Forte e Fabio Novembre e alunno di Corrado Levi

VII Triennale - Il Design italiano oltre la crisi[modifica | modifica wikitesto]

Con questa edizione, curata da Beppe Finessi, il museo indaga sugli anni trenta affrontando il design industriale da un punto di vista poco considerato negli anni successivi. Fra gli oggetti esposti emerge l'auto-produzione e autosufficienza dove il design era funzione e ingegno applicato per andare incontro alle necessità più disparate. L'allestimento progettato da Philippe Nigro insieme al progetto grafico di Italo Lupi fanno vivere al visitatore la storia, con essa capire meglio il design contemporaneo ed immaginare il design futuro. La mostra analizza l'ormai totale morte dell'auto-produzione e la personalizzazione, rivivendola fra gli anni trenta, gli anni settanta e gli anni zero.[2]

È protagonista nella mostra celebrativa per i vent'anni del SaloneSatellite, ospitata dalla Fabbrica del Vapore[3]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Camparisoda: l'aperitivo dell'arte veloce futurista da Fortunato Depero a Matteo Ragni
  • Ultrabody: 208 Works Between art and Design
  • Il design italiano oltre la crisi: autarchia, austerità, autoproduzione
  • Stanze/Rooms: novel living concepts

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.corraini.com/en/autori/scheda/227/Beppe-Finessi Archiviato il 19 luglio 2018 in Internet Archive.,
  2. ^ TDM 7 auto da sé: Il design italiano tra autarchia, austerità e autoproduzione, su triennale.it. URL consultato il 25 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2014).
  3. ^ rivistastudio.com, http://www.rivistastudio.com/studiorama/beppe-finessi-design-week-2017-intervista/.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN11033202 · ISNI (EN0000 0000 5488 7963 · SBN CFIV166298 · LCCN (ENn00004714 · GND (DE133378225 · BNF (FRcb15739676r (data) · J9U (ENHE987009800676505171 · NDL (ENJA00969197 · WorldCat Identities (ENlccn-n00004714