Beowulf (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beowulf
Titolo originaleBeowulf
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1998
Durata95 min
Rapporto1.85 : 1
Generefantastico
RegiaGraham Baker
SoggettoAnonimo (poema Beowulf)
SceneggiaturaMark Leahy, David Chappe
ProduttoreGregory Cascante, Lawrence Kasanoff, Donald Kushner
Produttore esecutivoJane Barclay, Gregory Cascante, Sharon Harel
Casa di produzioneCapitol Films, European Motion Pictures Productions Ltd., Kushner-Locke Company, The Threshold Entertainment
FotografiaChristopher Faloona
MontaggioRoy Watts
Effetti specialiMichael Clifford, Giedrius Nagys
MusicheJonathan Sloate, Ben Watkins
ScenografiaJonathan A. Carlson
CostumiSanja Milkovic Hays
TruccoDaniela Busoiu, Catalin Ciutu, Didier Lavergne
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Beowulf è un film fantastico del 1998 diretto da Graham Baker. Ispirato all'antico poema epico Beowulf, è ambientato in una realtà alternativa di tipo medioevale post apocalittico. Il film è stato girato in Romania.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un guerriero errante di nome Beowulf giunge alla rocca di Hrothgar, nei cui recessi si nasconde Grendel, gigantesco mostro demoniaco che, ogni notte, attacca ed uccide qualcuno degli abitanti della fortezza. Questi ultimi sono prigionieri nella rocca stessa, assediata da un esercito che vuole impedire la propagazione del male nei dintorni. Lo stesso Beowulf è frutto dell'unione tra un'umana ed un dio delle tenebre, cosa che lo condanna, perennemente, ad uccidere demoni onde impedire alla sua natura malvagia di prevalere su di lui. Egli si scontrerà più volte con la bestia prima di sconfiggerla, ma un'altra minaccia attende nell'ombra. Tra uno scontro e l'altro si articoleranno varie vicende che coinvolgeranno Hrothgar, perseguitato da strani sogni sul suo passato, Kyra, figlia di Hrothgar, intrigantemente affascinata da Beowulf e Roland, capitano della guardia, segretamente innamorato di Kyra ed, inizialmente, diffidente nei confronti di Beowulf.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]