Benzo di Alessandria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Benzo di Alessandria (Benzo Alessandrino) (Alessandria, 1250 circa – 1329 circa) è stato un umanista e notaio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente alla cerchia culturale del padovano Albertino Mussato, partecipò all'attività di recupero dei testi dei grandi autori latini che stava diffondendosi sul finire del XIII secolo.

Cangrande I della Scala, signore di Verona

Fu notaio e cancelliere degli Scaligeri, signori di Verona. Tra i suoi atti si ricorda l'investitura del castello di Vighizzolo da parte di Cangrande I della Scala all'amico Spinetta Malaspina, quando nel 1317 fu costretto ad abbandonare i suoi feudi in Lunigiana rifigiandosi a Verona.

In qualità di procuratore di Mastino II e di Alberto II della Scala, firmò la tregua tra Roberto d'Angiò e Giovanni I di Boemia nella Chiesa di Sant'Andrea a Sandrà.[1]

Opera letteraria[modifica | modifica wikitesto]

  • Chronicon.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Carrara, Gli Scaligeri, Varese, Dell'Oglio, 1966.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]