Benvenuto Italo Castellani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benvenuto Italo Castellani
arcivescovo della Chiesa cattolica
Benvenuto Castellani.jpg
Mons. Benvenuto Italo Castellani, l'8 novembre 2008.
Coat of arms of Italo Benvenuto Castellani.svg
Christus heri et hodie et in sæcula
Titolo Lucca
Incarichi attuali Arcivescovo di Lucca
Incarichi ricoperti Vescovo di Faenza-Modigliana
Arcivescovo coadiutore di Lucca
Nato 1º luglio 1943 (73 anni) a Cortona
Ordinato presbitero 15 giugno 1969
Nominato vescovo 19 aprile 1997 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 15 giugno 1997 dal cardinale Camillo Ruini
Elevato arcivescovo 31 maggio 2003 da papa Giovanni Paolo II

Benvenuto Italo Castellani (Cortona, 1º luglio 1943) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 22 gennaio 2005 arcivescovo di Lucca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Cortona, in provincia di Arezzo e diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, il 1º luglio 1943.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Entra nel seminario diocesano e frequenta il liceo ed i primi anni di teologia dai padri redentoristi di Cortona; mentre gli ultimi due anni presso il seminario di Arezzo.

Mons. Castellani durante una celebrazione liturgica.

Viene ordinato presbitero il 15 giugno 1969, per la diocesi di Cortona. Completa gli studi conseguendo la licenza in teologia presso la Pontificia Università Lateranense a Roma e la laurea in scienze sociali presso l'Università degli Studi di Trento. Partecipa ai corsi di sociologia della religione organizzati dall'Università Cattolica di Lovanio come uditore. Nel 1973 è nominato parroco di Fratticciola, frazione di Cortona. Dal 1982 al 1987 insegna pastorale presso la Pontificia Università Lateranense a Roma.

Dal 1987, con l'istituzione della diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, è assistente dell'AGESCI, vicario episcopale per la pastorale, direttore del centro nazionale vocazioni e parroco della concattedrale di Cortona. Nel 1995 è nominato vicario generale della diocesi. Insegna religione nelle scuole medie; discipline economiche e giuridiche nelle scuole superiori.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 aprile 1997 papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di Faenza-Modigliana; succede a Francesco Tarcisio Bertozzi, deceduto il 16 maggio 1996. Riceve l'ordinazione episcopale a Cortona il 15 giugno 1997 dal cardinale Camillo Ruini, coconsacranti i vescovi Flavio Roberto Carraro e Giovanni D'Ascenzi. Il 29 giugno prende possesso della diocesi. Nel 2000 inaugura a Faenza il Museo diocesano d'arte sacra, volto a valorizzare e conservare il patrimonio artistico della cattedrale e delle chiese diocesane.

Il 31 maggio 2003 papa Giovanni Paolo II lo nomina arcivescovo coadiutore di Lucca[1]; il 22 gennaio 2005, con la rinuncia di Bruno Tommasi accolta dal papa, diventa arcivescovo di Lucca[2].

Attualmente presiede la commissione episcopale per il clero e la vita consacrata e della commissione mista vescovi-religiosi-istituti secolari nella Conferenza Episcopale Italiana.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Faenza-Modigliana Successore BishopCoA PioM.svg
Francesco Tarcisio Bertozzi 19 aprile 1997 - 31 maggio 2003 Claudio Stagni
Predecessore Arcivescovo di Lucca Successore Archbishop CoA PioM.svg
Bruno Tommasi dal 22 gennaio 2005 in carica