Benigno Dalmazzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Benigno Dalmazzo
Foot-Ball Club Juventus 1913-14.jpg
Dalmazzo (accosciato, secondo da destra) nella Juventus della stagione 1913-1914
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 1915
Carriera
Giovanili
????-1909Juventus
Squadre di club1
1910-1915Juventus38 (20)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Benigno Dalmazzo (Torino, 5 gennaio 1895[1]Asiago, 1º luglio 1916[1]) è stato un calciatore italiano, di ruolo Punta centrale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Orfano in giovane età, compì gli studi presso l'Istituto sociale Compagnia di Gesù[2]. All'entrata nella Grande Guerra dell'Italia, Dalmazzo si arruola volontario[1] trovando la morte nel corso del conflitto[3] nelle sue mansioni di tenente del 162º reggimento della Brigata Ivrea[1] in località Rossastòn, tra gli abeti che salgono verso la cima del monte Interrotto, sopra Asiago.[4] [5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Entrò giovanissimo nei "boys" della Juventus, la squadra giovanile del tempo, divenendone il capitano.[6] Fece il suo esordio con la Juventus contro il Piemonte Football Club il 12 febbraio 1911 in un pareggio per 1-1, mentre la sua ultima partita fu contro il Genoa il 21 marzo 1915, in una sconfitta in casa per 2-5. In cinque stagioni bianconere collezionò 38 presenze e 20 reti.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Club Campionato
Comp Pres Reti
1910-1911 Juventus Prima categoria 3 0
1911-1912 Prima categoria 2 0
1912-1913 Prima categoria 1 0
1913-1914 Prima categoria 22 13
1914-1915 Prima categoria 10 7
Totale Juventus 38 20
Totale carriera 38 20

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato Tavella, Dizionario della grande Juventus, Newton & Compton Editore, 2007 (edizione aggiornata)
  • Giorgio Seccia, Il calcio in guerra, Gaspari, ISBN 88-7541-242-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]