Beniamino Simoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Beniamino Simoni (Fresine, 1712Brescia, 1787) è stato uno scultore italiano.

Vita ed opere[modifica | modifica wikitesto]

Beniamino Simoni, particolare della Via Crucis di Cerveno

Originario di una piccola frazione del comune di Cevo, in Valsaviore, Beniamino Simoni si formò come scultore nel fiorente contesto delle botteghe di intagliatori della Val Camonica, ove erano sempre attive le dinastie dei Ramus e degli Zotti, ed ove era, in quegli anni, dominante la bottega di Andrea Fantoni.

Rispetto ai modi convenzionali e ripetitivi delle opere d'intaglio nel campo dell'arte sacra imperanti in Val Camonica verso la metà del XVIII secolo, egli si distinse presto per il vigore realistico e la ruvidezza del suo linguaggio artistico.[1]

Beniamino Simoni, Particolare di un giovinetto che assiste al calvario di Cristo, Santuario della Via Crucis, Cerveno

La sua produzione artistica si incentrò soprattutto nella realizzazione dell'apparato decorativo statuario - concepito in linea con la tradizione piemontese e lombarda dei Sacri Monti - che popola le cappelle del Santuario della Via Crucis a Cerveno. Si tratta dell'opera principale, ma anche del punto artistico più alto raggiunto dallo scultore.

Sono quasi 200 le statue in legno ed in gesso dipinto che egli realizzò tra gli anni 1752 - 1761; esse riprendono - particolarmente per le figure maschili che affollano le diverse stazioni misteriche palesando una gamma variegata di sentimenti e di istinti primordiali - il linguaggio vigoroso, popolare ed anticlassico che il Romanino aveva portato in Valcamonica.

Giovanni Testori - a cui si deve, dopo secoli di oblio, la “riscoperta” del Simoni - osserva a questo proposito:

« Non so, infatti, dove mai il Simoni potesse trovare l'idea di quell'accumulo di teste e di “crape” che sporgon giù, come sassi e pietre, dal balcone dell’Incoronazione di spine, ovvero la curiosità animalesca di quanti si affacciano alle finestre della Flagellazione, se non proprio negli assistenti e nei popolani che stipano le zone alte dei cicli romaniniani di Bienno e di Breno; doppiato, quel rapporto, sulla realtà ancor più cruda e vera di tutti i giorni; sui testimoni, intendo, dei suoi stessi compagni di osteria e, chissà, d'insulto, d'infelicità, di sobillazione e di bestemmia... »
(G. Testori, Beniamino Simoni a Cerveno, Grafo edizioni, Brescia, 1976)

Sempre Testori ha sottolineato le affinità che intercorrono tra i lavori di Beniamino Simoni ed i dipinti di Giacomo Ceruti detto il Pitocchetto, artista a lui contemporaneo (attivo anche in Valcamonica) che ritrasse sulle sue tele la gente umile, colta con verità e umanità nella vita quotidiana.[2]

Beniamino Simoni, Gesù è inchiodato sulla croce, Santuario della Via Crucis, Cerveno.

Motivi che non si conoscono con precisione, ma che possono connettersi ad un deterioramento dei rapporti con il nuovo parroco di Cerveno, determinarono nel 1761 l'interruzione della sua attività per le cappelle della Via Crucis, quando i lavori non erano ancora terminati. In una lettera inviata dal parroco di Cerveno agli eredi di Andrea Fantoni perché subentrassero (come poi avvenne) nella prosecuzione della Via Crucis si avverte tutta la disistima nei confronti di Beniamino, che non viene neppure nominato, mentre il suo arrivo a Cerveno viene definito un accidente, aggiungendo poi sbrigativamente che egli non è in caso di terminare detta nostra Fabbrica.[3]

L'oblio in cui cadde la figura del Simoni rende difficile - al di là delle statue realizzate per la Via Crucis di Cerveno - la ricostruzione del catalogo dei suoi lavori. Si ritiene unanimemente che vadano ascritti alla sua opera le statue del Compianto sul Cristo Morto presenti a Breno nella Parrocchiale di San Salvatore (Duomo), opera che avrebbe dovuto popolare la XIV cappella della Via Crucis.[4]

Recenti indagini hanno consentito di attribuire al Simoni anche le sette statue del Compianto sul Cristo Morto (o Santo Sepolcro) posto nella Parrocchiale di Santa Maria a Padenghe sul Garda eseguite nel 1732 e che sono illuminanti per comprendere gli esordi artistici dello scultore della Valsaviore.[5]

Beniamino Simoni, Stazione XII, particolare del Cattivo Ladrone, Santuario della Via Crucis, Cerveno

Altre opere attribuite, con minor certezza, a Beniamino Simoni sono[5]:

  • due angeli che affiancano il Santo Sepolcro nella Parrocchiale di San Martino a Cerveno;
  • l'Altare dell'Addolorata nella Parrocchiale di San Martino a Capo di Ponte;
  • l'Altare del Rosario nella chiesa dei Santi Faustino e Giovita a Darfo;
  • le statue dei Santi Pietro e Paolo nella parrocchiale di San Paolo ad Esine;
  • le statue in stucco raffiguranti Santa Caterina di Alessandria l'Immacolata, San Giuseppe, Sant'Anna e San Giovanni Battista nella parrocchiale di Sant'Andrea Apostolo a Malegno;
  • le statue di Sant'Antonio da Padova con Gesù Bambino nella parrocchiale di Ossimo Inferiore, ca 1753.
  • le statue di San Siro e Santa Lucia nella parrocchiale di Castel Mella.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Testori gli attribuisce, come una delle opere d'esordio, i bassorilievi del paliotto d'altare nella parrocchiale di Ponte di Legno, (cfr. G. Testori, opera citata in bibliografia). L'attribuzione del paliotto a Simoni è accreditata anche dalla "Garzantina Arte" nella voce a lui dedicata; altri studiosi lo ritengono opera di G.B. Zotti.
  2. ^ Vedasi G. Testori, 1987, op. cit. in bibliografia.
  3. ^ È stata recentemente avanzata, sulla base di nuove ricerche, l'ipotesi che a Simoni sarebbe arrivata da Brescia una commessa per la realizzazione di apparati decorativi previsti per i festeggiamenti in onore della nomina a vescovo Giovanni Molino nel gennaio 1762. Vedasi 30 giorni; Cerveno Il realismo della fede popolare, valcamonicaonline.it. URL consultato il 02-02-2008.
  4. ^ Le vicende del Compianto sono state così ricostruite: Il "Compianto di Cristo", [...] nel secondo altare di destra di San Salvatore, è in realtà la quattordicesima stazione della Via Crucis di Cerveno. L'autore, Beniamino Simoni, non la consegnò mai a cervenesi, forse per un diverbio sul compenso o sull'impostazione artistica. Finì dapprima nella chiesa di San Maurizio di Breno, poi fu smembrata e parte finì a San Salvatore, dove infine si è, recentemente, ricomposta. Vedasi Valsaviore - Beniamino Simoni (PDF), pontedilegno.it. URL consultato il 02-02-2008.
  5. ^ a b Vedasi Valsaviore - Beniamino Simoni, web.tiscalinet.it. URL consultato il 02-02-2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Testori, Beniamino Simoni a Cerveno, Brescia, Grafo, 1976
  • Roberto Andrea Lorenzi (a cura di), Immagini : arte, culture e poteri nell'età di Beniamino Simoni : XVIII secolo e oltre, Brescia, Micheletti, 1983
  • Giovanni Testori, Compagno del Ceruti, in "Corriere della Sera", 2 agosto 1987
  • Giovanni Testori, La realtà della pittura : scritti di storia e critica d'arte dal Quattrocento al Settecento, Milano, Longanesi, 1995. ISBN 8830413127
  • Margherita Milani, La Via Crucis di Cerveno, Brescia, Gruppo editoriale Delfo, 1998
  • Fiorella Minervino, Beniamino Simoni, Milano, Electa, 2000. ISBN 8843573063
  • Gianfranca Martinenghi Rossetti, Marco Vitale, Il legno e la passione : Beniamino Simoni e la Via Crucis di Cerveno, Roccafranca, Compagnia della stampa Massetti Rodella, 2009. ISBN 9788884864055
  • Giovanni Reale, Elisabetta Sgarbi, L'ultima salita : la Via Crucis di Cerveno e il Compianto di Breno di Beniamino Simoni, Milano, Bompiani, 2010. ISBN 9788845265921 (Questo libro è pubblicato in cofanetto con il DVD dell'omonimo film documentario di Elisabetta Sgarbi)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN262366119 · BNF: (FRcb14403378w (data)