Bellimbusti in tour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bellimbusti in Tour 2010)
Jump to navigation Jump to search

«Ci siamo preoccupati molto perché non eravamo ancora entrati in crisi, come invece accade a tutti i grandi gruppi: i Litfiba, gli stessi Beatles, lo stesso gruppo Fiat, grande gruppo.»

(Elio, concerto a Napoli del 15 marzo 2010)
Bellimbusti in tour 2010
ArtistaElio e le Storie Tese
Tipo albumLive
Pubblicazione2010
DurataVariabile (02:10:00 circa)
GenereRock
Pop rock
EtichettaNessuna
ProduttoreRodolfo "Foffo" Bianchi
RegistrazioneRegistrato dal vivo durante il tour Bellimbusti in tour, del 2010.
FormatiDownload digitale
NoteSerie di CD pubblicati sul sito internet ufficiale degli Elii in esclusiva per il Fave Club.
Elio e le Storie Tese - cronologia
Album precedente
(2009)
Album successivo
(2013)

I Bellimbusti in tour 2010 sono una serie di album live di Elio e le Storie Tese registrati durante diversi concerti del loro primo tour 2010, chiamato appunto Bellimbusti in tour, e distribuiti gratuitamente sul loro sito ufficiale agli iscritti del Fave Club tramite download.

Svolgimento dei concerti[modifica | modifica wikitesto]

Per sponsorizzare il loro disco Gattini, una raccolta dei loro successi ri-registrati in chiave orchestrale per celebrare i 20 anni di carriera dall'uscita del loro primo album Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu (uscito nel 1989), gli Elio e le Storie Tese intrapresero un tour teatrale.

Durante i concerti, Elio e gli altri si presentarono indossando abiti orientali e ironizzando sui viaggi in India compiuti da gruppi come i Beatles per risolvere le cosiddette "crisi spirituali". Gli stessi Elii affermarono di essere entrati in crisi poiché non avevano ancora avuto una crisi spirituale «come tutti gli altri grandi gruppi»; così, per risolvere la crisi, andarono in India e tornarono cambiati. E, sempre nella finzione dello spettacolo, dichiararono che il loro successo era dovuto a Mangoni e che non reagiranno alle provocazioni del pubblico in virtù di questo cambiamento.

Tracce (lista standard)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Intro Mangoni
  2. Out in the Daylight
  3. Lo stato A, lo stato B
  4. Milza
  5. Servi della gleba
  6. Storia di un bellimbusto
  7. Tristezza
  8. Gimmi I.
  9. Alfieri
  10. Plafone
  11. Parco Sempione
  12. Supergiovane
  13. Passacaglia dell'elicotterino
  14. Cara ti amo
  15. Perdo anche l'ultimo dente e cerco di riavvitarlo
  16. Bis
  17. Il rock and roll
  18. Tapparella

Note sui brani[modifica | modifica wikitesto]

  • Intro Mangoni è un'introduzione parlata di Mangoni, che, prima, "interpreta" una poesia firmata da due artisti (alcuni pezzi della poesia e i nomi cambiavano di concerto in concerto), e poi presenta i membri del gruppo uno a uno (in ordine: Christian Meyer, Faso, Jantoman, Rocco Tanica, Elio, e, infine, Cesareo). Questi ultimi si mettono a suonare il proprio strumento sin dalla propria "chiamata".
  • Out in the Daylight è un brano strumentale progressive di Mike Rutherford, chitarrista dei Genesis. Un'altra versione live di questa cover era già stata pubblicata su una VHS intitolata The Lugano Tapes. La versione originale di questo pezzo si trova sul disco Smallcreep's Day.
  • Milza è introdotto da un assolo vocale della corista Paola Folli. Nel concerto eseguito a Firenze l'11 febbraio 2010 venne presentato come «quello un po' esotico».
  • Storia di un bellimbusto viene presentato come «quello del tubo», riferendosi al videoclip della canzone.
  • Tristezza viene presentato come «quello allegro».
  • Gimmi I. viene presentato come «quello che sembra un pezzo di Mario Biondi». Non a caso, gli Elii attaccano, come introduzione, la base di This Is What You Are dello stesso Biondi.
  • Plafone viene presentato come «quello dove c'è la perdita».
  • Dopo l'introduzione di Supergiovane (Mangoni e Diego Abatantuono), Cesareo attacca col riff di chitarra del celebre pezzo Smoke on the Water dei Deep Purple (dall'album Machine Head).
  • Passacaglia dell'elicotterino è un brano suonato con la melodica da Rocco Tanica, che cita, tra l'altro, la Cavalcata delle Valchirie di Richard Wagner e Baker Street di Gerry Rafferty. Durante questo pezzo, Cesareo telecomandava un elicottero radiocomandato facendogli compiere acrobazie.
  • Perdo anche l'ultimo dente e cerco di riavvitarlo, accreditato solo come "medley acustico", è una nuova versione di un vecchio medley composto per la prima volta nel 1987 e poi riproposto in due versioni differenti nel 1990 e 2000. La versione del 2000 era già stata inclusa anch'essa nei Lugano Tapes. Quest'ultima edizione è dedicata ai Litfiba (tornati insieme nel 2009) e a Michael Jackson (scomparso sempre nel 2009). Il medley include i seguenti brani: Tanti auguri a te (suonato con la melodica), Budy Giampi, Pagàno, Cartoni animati giapponesi (suonato con la melodica), Litfiba tornate insieme, L'astronauta pasticcione, Pork & Cindy, Shpalman® (suonato col flauto dolce), e, infine, due canzoni di Jackson, ovvero Don't Stop 'Til You Get Enough e Wanna Be Startin' Somethin'.[1]
  • Al termine di Tapparella è inserito un clip di Man in the Mirror, sempre di Jackson, in versione originale.

Omissioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni concerti presentano delle omissioni; sotto sono stati elencati i brani omessi e le rispettive registrazioni:

  • Intro Mangoni (Napoli, 15 marzo 2010)
  • Parco Sempione (Parma, 21 gennaio 2010)
  • Cara ti amo (Udine, 27 gennaio 2010)
  • Tapparella (Parma, 21 gennaio 2010)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Perdo anche l'ultimo dente e cerco di riavvitarlo, Marok.org. URL consultato il 30 maggio 2010.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock