Becco di Mezzodì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Becco di Mezzodì
Becco di Mezzodì.JPG
Il versante settentrionale del Becco di Mezzodì fotografato da Malga Federa.
StatoItalia Italia
Regione  Veneto
Provincia  Belluno
Altezza2 603 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate46°27′59.27″N 12°06′52.07″E / 46.466464°N 12.114464°E46.466464; 12.114464
Altri nomi e significatiBèco de Mesodì (ladino)
Data prima ascensione5 luglio 1872
Autore/i prima ascensioneS. Siorpaes, W. E. Utterson Kelso
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Becco di Mezzodì
Becco di Mezzodì
Mappa di localizzazione: Alpi
Becco di Mezzodì
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezioneDolomiti
SottosezioneDolomiti di Sesto, di Braies e d'Ampezzo
SupergruppoDolomiti Ampezzane
GruppoGruppo della Croda da Lago-Cernera
SottogruppoGruppo della Croda da Lago
CodiceII/C-31.I-D.15

Il Becco di Mezzodì (Bèco de Mesodì in ladino) è un monte delle Dolomiti Ampezzane nelle Dolomiti, a sud-est di Cortina d'Ampezzo e a ovest di San Vito di Cadore, la cui vetta più alta si erge per 2.603 m s.l.m. e fu conquistata per la prima volta il 5 luglio 1872 dall'alpinista W. E. Utterson Kelso e la sua guida alpina, l'ampezzano Santo Siorpaes.

Questa montagna chiude, insieme alla Croda da Lago e alle Rocchette, il versante meridionale della Conca ampezzana. È un monte piuttosto piccolo, se confrontato ad altri rilievi delle Dolomiti ampezzane, e distinguibile per il suo particolare isolamento dalle altre cime.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV.: Grande atlante escursionistico delle Dolomiti, Kompass - Fleischmann editori, Trento, 2004. ISBN 3854916078
  • Ardito, Stefano: A piedi sulle Dolomiti di Cortina, Iter Edizioni, 2001. ISBN 8881770369
  • Bonetti, Paolo; Lazzarin, Paolo; Rocca, Marco: Dolomiti. Nuovi sentieri selvaggi, Zanichelli editore, Bologna, 2007. ISBN 8808171515
  • Dibona, Dino: Tutto quello che vorreste (e dovreste) sapere sulle Dolomiti, Newton & Compton editori, 2005. ISBN 8854104841
  • Sombardier, Pascal: Dolomiti - le più belle vie ferrate, White Star edizioni, 2000. ISBN 8880954342

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]