Beauty's Worth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beauty's Worth
Beautys Worth 1922.jpg
Poster del film
Titolo originaleBeauty's Worth
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1922
Durata112 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.33 : 1
film muto
Generedrammatico, sentimentale
RegiaRobert G. Vignola
SoggettoSophie Kerr
SceneggiaturaLuther Reed
Casa di produzioneCosmopolitan Productions
FotografiaIra H. Morgan
ScenografiaJoseph Urban
Interpreti e personaggi

Beauty's Worth è un film muto del 1922 diretto da Robert G. Vignola. La sceneggiatura si basa su Beauty's Worth, racconto di Sophie Kerr pubblicato sul Saturday Evening Post il 14 febbraio 1920[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Cosmopolitan Productions. La parte iniziale delle riprese venne girata in esterni in California.

Scenografia[modifica | modifica wikitesto]

Le scenografie, curate da Joseph Urban, mostravano dei set elaborati in almeno tre scene: il "giardino gemmato" dove Marion Davies danza nella scena dedicata all'amore di Colombina e Arlecchino; l'interno di un negozio di giocattoli, dove è una bambola francese che prende vita sotto l'albero di Natale; un tempio indiano dove la protagonista si presenta nelle vesti di un idolo. Per quest'ultima scena, Urban copiò gli interni di un vero tempio indiano, quello di Pattan che, all'epoca, era in mostra al Metropolitan Museum of Art di New York[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla Cosmopolitan Productions, fu registrato il 5 aprile 1922 con il numero LP17726[1].

Distribuito dalla Paramount Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 14 maggio 1922 dopo essere stato presentato a New York il 18 marzo 1922.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

L'11 agosto 2018, nell'ambito di un progetto di recupero dell'attività di Robert G. Vignola, il film è stato proiettato presso piazza Plebiscito a Trivigno, paese natale del regista in Basilicata, con la collaborazione della Cineteca del Friuli e delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone. Il film è stato musicato dal vivo dalla Zerorchestra di Pordenone e il maestro Stephen Horne, uno dei più noti accompagnatori di cinema muto a livello internazionale.[2] La pellicola è stata presentata in seguito a Matera e in diversi cinema del Friuli Venezia Giulia, tra cui quelli di Pordenone, Udine, Sacile e Spilimbergo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c AFI
  2. ^ Le Giornate del muto recuperano Robert Vignola, su messaggeroveneto.gelocal.it, 16 agosto 2018. URL consultato il 1º luglio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Jerry Vermilye, The Films of the Twenties, Citadel Press, 1985.
  • (EN) The American Film Institute Catalog, Features Films 1911-1920, University of California Press, 1988 ISBN 0-520-06301-5

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema