Beato fra le donne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il varietà televisivo, vedi Beato tra le donne.
Beato fra le donne
LouisFufu1.jpg
Louis de Funès in una delle sue caratteristiche espressioni
Titolo originaleL'Homme orchestre
Lingua originalefrancese
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1970
Durata85 min
RapportoScope
Generecommedia
RegiaSerge Korber
SoggettoGéza von Radványi
SceneggiaturaJean Halain
Serge Korber
ProduttoreAlain Poiré
Casa di produzioneGaumont (Parigi), Rizzoli Film (Roma)
FotografiaJean Rabier
MontaggioRobert Isnardon, Monique Isnardon
MusicheFrançois de Roubaix (Éditions Hortensia)
ScenografiaJean Halain e Serge Korber; René Goliard (coreografia)
CostumiAnne-Marie Marchand
TruccoAnatole Paris, Monique Archambaud
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Beato fra le donne (L'Homme orchestre) è una commedia italo-francese del 1970 diretta da Serge Korber con Louis de Funès.

Le riprese sono state girate a Nizza e a Roma.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il signor Evan Evans dirige un corpo di ballo come se fosse una religione. Le ballerine, allenate con mano di ferro, devono dedicarsi anima e corpo alla danza contemporanea: aumento di peso e vita privata non sono ammessi.

Una delle ballerine vuole sposarsi e decide di lasciare, perché il suo nuovo stato civile è incompatibile con le regole dettate da Evans. Nella ricerca di una sostituta, la situazione si complica in maniera farsesca e divertente.

Box office[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha staccato 2.410.000 biglietti in Francia, classificandosi al 15º posto nel 1970. Secondo il regista Serge Korber, negli URSS la pellicola avrebbe venduto 33 milioni di biglietti e superato i 2 milioni di spettatori in Germania. Buoni gli incassi anche in Italia.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La trama è ritenuta esile, ma de Funès, trasformato per l'occasione in una specie di burattino collerico, è perfetto nel ruolo e si integra stupendamente con il caleidoscopio di immagini e suoni creati dal regista Korber. La musica di François de Roubaix esalta le capacità comiche dell'attore e "sottolinea i suoi movimenti e convulsioni facciali, riuscendo a far capire fino in fondo quanta importanza rivesta la musica nei film di de Funès."[2]

Oltre alla preziosa "spalla" Préboist e all'italiano Franco Fabrizi, de Funès ritrova Noëlle Adam, attrice e ballerina molto dotata e già sua partner in Omicidio a pagamento e ne La legge del più furbo. "Una prova tangibile delle enormi potenzialità recitative e soprattutto mimiche del comico è rappresentata dalla scena in cui, con il solo ausilio di smorfie e versi, racconta la favola del Lupo e l'agnello di Fedro."[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. dati su Louis de Funès, di Bertrand Dicale, (2009) googlebooks.
  2. ^ a b Edoardo Caroni, Comicità alla francese. Il cinema di Louis de Funès, Bonanno Editore, 2012, pp. 57-58.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema