BattleTech: The Crescent Hawk's Inception

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BattleTech: The Crescent Hawk's Inception
BattleTech The Crescent Hawk's Inception.JPG
Schermata di gioco
Sviluppo Westwood Studios
Pubblicazione Infocom
Ideazione Michael Goldberg
Serie BattleTech
Data di pubblicazione Amiga, Apple II, Atari ST, MS-DOS:

Stati Uniti 1988
Commodore 64, Commodore 128:
Stati Uniti 1989

Genere Videogioco di ruolo, Avventura
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma MS-DOS, Amiga, Apple II, Atari ST, Commodore 64, Commodore 128
Supporto Floppy Disk
Requisiti di sistema Requisiti minimi PC: CPU Intel 8086/8088, RAM 384 KB, Sistema operativo MS-DOS
Periferiche di input Tastiera
Seguito da BattleTech: The Crescent Hawks' Revenge

BattleTech: The Crescent Hawk's Inception è un videogioco di ruolo (e d'avventura) risalente al 1988, creato dalla software house Westwood Studios e pubblicato da Infocom, sulla base del franchise BattleTech.

BattleTech: The Crescent Hawk’s Inception è il primo di molti giochi per computer e console, realizzati per l'universo fittizio BattleTech [1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Premessa[modifica | modifica sorgente]

Alcuni secoli dopo l'acquisizione della velocità superluminale (raggiunta nel XXII secolo), l'umanità colonizzò una larga porzione di Via Lattea che battezzò e ripartì in Inner Sphere, Periphery e Deep Periphery. La più popolosa di queste, la Inner Sphere (disposta attorno alla Terra), venne suddivisa in cinque "Stati interstellari", chiamati Commonwealth Lirico, Soli Confederati, Lega Draconis, Confederazione di Capella e Lega dei Mondi Liberi, controllati da dinastie nobiliari guerrafondaie (le Grandi Casate degli Steiner, Davion, Kurita, Liao e Marik). In conseguenza di ciò, la galassia prese ad essere percorsa da ostilità interminabili.

Contesto storico[modifica | modifica sorgente]

La Lega Stellare[modifica | modifica sorgente]

La Lega Stellare (una coalizione tra le cinque più grandi e influenti nazioni interplanetarie e la Terra), fondata nel 2571, ponendo termine alle dispute, proiettò le colonie verso un lungo corso di pace e di sviluppo economico e tecnologico (in futuro ricordato, dai cittadini della Inner Sphere, come l'"Età dell'Oro").

Nel XXV secolo, era stato realizzato il primo BattleMech, il "Mackie", un mech d'assalto avente 100 tonnellate di stazza, che portò un'evoluzione nella guerra.

L'alleanza della Lega Stellare, fu sciolta nel 2781, a seguito di una lunga e sanguinosa guerra civile.

Le Guerre di Successione[modifica | modifica sorgente]

Dopo la disgregazione della Lega Stellare, gli stati guidati dalle cinque Grandi Casate nobiliari, ripresero a darsi battaglia, avviando le Guerre di Successione.

La Prima Guerra di Successione, durata 34 anni (dal 2787 al 2821), fu un evento estremamente brutale che provocò il decesso di centinaia di milioni di cittadini della Inner Sphere e la distruzione di molti fra aggregati urbani e industrie vitali. Tutte le risorse, furono dirottate nella direzione dell'impegno bellico; per contro, l'ambito civile cadde in un abisso di obsolescenza e senescenza tecnologica.

La Seconda Guerra di Successione (dal 2830 al 2864) fu, come la precedente, particolarmente distruttiva. Cancellate gran parte delle strutture industriali, dei centri di ricerca e delle università, le difficoltà nel costruire nuovi mezzi da combattimento aumentarono enormemente: gli eserciti furono costretti alla cannibalizzazione degli equipaggiamenti già esistenti.

La campagna militare della Terza Guerra di Successione, si protrasse per oltre 150 anni, dal 2866 al 3025. Le forze si affrontarono in grandi battaglie campali, con precise regole d'ingaggio, impegnandosi a non arrecare danno agli impianti industriali.

Nel 3028, si andò verso l'unificazione pacifica fra il Commonwealth Lirico ed i Soli Confederati in un'unica super-potenza militare ed economica: il Commonwealth Federativo.

I Crescent Hawks[modifica | modifica sorgente]

I Crescent Hawks, sono una piccola unità d'élite in forza al Commonwealth Lirico, creata dall'Arconte Katrina Steiner per eseguire operazioni militari segrete.

Trasferitasi con il loro comandante, Jeremiah Youngblood, sul pianeta Pacifica, l'unità rimane inattiva fino al 3028.

Contesto attuale[modifica | modifica sorgente]

Pianeta Pacifica (meglio noto come Chara III), anno 3028: Jason Youngblood, è un cadetto diciottenne della Pacifica Training School (situata sull'Isola di Skye), l'accademia per MechWarrior (i piloti dei BattleMech) della Cittadella (la sede del governo planetario di Pacifica). Suo padre, Jeremiah Youngblood, è l'eroe del Commonwealth Lirico che nel 3016, salvò la vita al proprio leader politico, l'Arconte Katrina Steiner, sventando un attentato di matrice Kurita (in seguito a ciò, Jeremiah fu promosso a capitano, responsabile della Forza di Sicurezza Planetaria di Pacifica).

Nel corso di una missione di addestramento, Jason viene attaccato da mech della Casata Kurita, mentre la Cittadella subisce un raid dalla Lega Draconis e viene distrutta, travolgendo, sotto le macerie, gran parte dei suoi cadetti. Anche gli appartenenti alla Forza di Sicurezza Planetaria, e, presumibilmente, il capitano Youngblood, periscono nell'assalto.

Sottrattosi al nemico, Jason dismette la divisa, per indossare abiti civili e confondersi tra i sopravvissuti, assistendo ai festeggiamenti serali per l'insediamento del nuovo governo Kurita, previsti nella città neutrale di Starport: Jason intende cercare notizie di suo padre e allontanarsi dal pianeta, ma incontra Rex Pearce, un amico e commilitone proprio del capitano, nonché membro dei Crescent Hawks. Pearce, rivela che l'incursione nemica aveva in realtà l'obiettivo di trovare e depredare un prezioso deposito-bunker di ricambi per mech militari, risalente al periodo della Lega Stellare e dimenticato, di cui lui era il custode, assieme al capitano Youngblood (che lo aveva recentemente rinvenuto). Rex convince Jason ad aiutarlo a ritrovare gli altri commilitoni dei Crescent Hawks, entrare nel deposito e una volta lì, inviare un messaggio di soccorso all'Arconte.
Per accedere al deposito in questione, sono richieste credenziali come l'impronta retinica di Rex Pearce e una password, contenuta in un olodisco del padre di Jason, in loro possesso. Tuttavia, l'olodisco viene danneggiato in uno scontro a fuoco e i dati contenuti risultano in gran parte illeggibili, inclusa proprio la password.

Jason e Rex si ricongiungono con alcuni membri dei Crescent Hawks (disseminati per i molti agglomerati urbani dell'Isola di Skye), con i quali formano una piccola unità per la resistenza contro le forze d'invasione; infine cercano e trovano l'illustre scienziato Dr. Edward Tellhim, per recuperare le informazioni nell'olodisco.

Con il supporto di memorizzazione ripristinato, Jason entra nel deposito-bunker della Lega Stellare: l'installazione risulta essere un labirinto con compartimenti serrati da porte di sicurezza custodite da codici di accesso (sistema ideato proprio dal Dr. Tellhim).
In fondo a un passaggio segreto, Jason rinviene un "Phoenix Hawk LAM", il "caccia convertibile" di suo padre: questo, alimenta in lui la speranza di ritrovarlo vivo (anche se prigioniero del nemico). In seguito, trova un vecchio dispositivo HPG (Generatore di IperImpulso), col quale lancia una richiesta d'aiuto al Commonwealth Lirico.

Nell'ottobre del 3028, l'Arconte Katrina Steiner giunge sul pianeta con una Nave da Sbarco ben armata ed equipaggiata, per recuperare le risorse immagazzinate nel deposito della Lega Stellare.

La Steiner, per ricompensare Jason, gli propone la promozione al grado di tenente, inquadrato nelle Forze Armate del Commonwealth Lirico. Egli tuttavia, declina l'offerta, intendendo concentrarsi sulla ricerca del padre.

Jason Youngblood, Rex Pearce e i loro compagni dei Crescent Hawks, salgono sulla Nave da Sbarco per avviare la missione di ricerca.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« Congratulations! Your achievements in the classroom have earned you a berth at the Pacifica Training School, one of the Lyrian Commonwealth's premiere BattleMech training facilities. Here, you will undertake the final stage of your preparation for MechWarrior certification.

Over the next few weeks, you will perform a series of solo cockpit training missions, each one progressively harder than the last. You will be maneuvering a full-size, fully-operational BattleMech inside a specially designed arena, which simulates actual battlefield conditions. The firepower on board our 'Mechs consists of real, high-power weaponry - no toys or mock-ups.

Our program is very demanding, but most would consider membership in the élite ranks of the Commonwealth BattleMech Corps to be reward enough.
This manual will provide a quick introduction to the areas in which you will be taught. Best wishes for your success as a MechWarrior.

Kommandant Earl Truth, Ret.
Headmaster

p.s. Your allowance or any other money sent from home will automatically be credited to your C-Bill account while you are enrolled in the school. »

(IT)
« Congratulazioni! I tuoi successi scolastici ti hanno fatto guadagnare un posto presso la Pacifica Training School, uno dei principali istituti formativi, riguardo ai BattleMech, del Commonwealth Lirico. Qui, potrai intraprendere la fase finale della tua preparazione per la certificazione di MechWarrior.

Nel corso delle prossime settimane, eseguirai una serie di missioni di addestramento in solitaria, ognuna progressivamente più impegnativa di quella precedente. Piloterai un BattleMech a grandezza naturale, completamente operativo, all'interno di un'arena appositamente progettata, che simula le condizioni reali del campo di battaglia. La potenza di fuoco a bordo dei nostri BattleMech consiste in un vero e proprio arsenale ad elevato potenziale (e non in giocattoli o modellini).

Il nostro programma è molto esigente, ma si dovrebbe considerare l'appartenenza ai ranghi dell'élite del Commonwealth BattleMech Corps un premio sufficiente.
Questo manuale fornirà una breve introduzione ai campi che ti verranno insegnati. I migliori auguri per il tuo successo come MechWarrior.

Il Preside
Comandante Earl Truth, Ret.

P.S. La tua mancetta o qualsiasi altro denaro inviato da casa sarà automaticamente accreditato sul tuo conto C-Bill, mentre sarai iscritto a scuola. »

(Commonwealth BattleMech Corps Field Training Manual - Pacifica Training School, Lyrian Commonwealth Armed Forces[2].)

BattleTech: The Crescent Hawk's Inception è suddiviso in tre sezioni specifiche, ognuna delle quali, aventi differenti obiettivi e stili di gioco:

  • le missioni della prima sezione sono ambientate nella struttura chiamata "Cittadella" e risultano essere una lunga sezione di training per prendere confidenza con l'interfaccia e la meccanica di gioco. Tale fase (simile anche a un'avventura grafica), permette al giocatore di acquisire informazioni sulla trama, ma anche di guadagnare crediti da spendere per migliorare il proprio equipaggiamento;
  • nella seconda sezione, BattleTech: The Crescent Hawk's Inception diventa un gioco di tipo RPG: si percorre l'isola alla ricerca dei personaggi, armi ed altri elementi necessari per progredire nella storia (impegnandosi in battaglie ove il giocatore può optare se controllare le proprie armi in modo diretto, attraverso un sistema di combattimento a turni, oppure lasciare tale aspetto ad appannaggio del computer);
  • la terza ed ultima sezione, vede il giocatore raggiungere l'ambiente del deposito segreto a pianta labirintica, ostacolato da una serie di puzzle, le cui soluzioni richiedono una combinazione di logica e fortuna.

Nel gioco, esistono diversi fattori casuali: tra questi, si possono annoverare la posizione geografica delle città, la localizzazione dei personaggi che si deve riunire, il loro nome e numero, nonché la lealtà verso il protagonista e la sua causa.

Fazioni[modifica | modifica sorgente]

Tabelle riassuntive delle fazioni[3] che si contendono lo spazio della Inner Sphere nel periodo in cui è ambientato BattleTech: The Crescent Hawk's Inception[4]:

GRANDI CASATE NOBILIARI (e pertinenti colori simbolici)
STATO SUCCESSORE CASATA CAPO DI STATO GOVERNO CITTÀ E PIANETA CAPITALE LINGUE DOMINANTI ANNO DI FONDAZIONE
Soli Confederati Davion Primo Principe Aristocrazia Costituzionale New Avalon City, New Avalon Inglese, Francese, Tedesco 2317
Commonwealth Lirico / Alleanza Lirica Steiner Arconte Monarchia Costituzionale Tharkad City, Tharkad Inglese, Tedesco, Gaelico scozzese, Italiano, Francese 2341
Lega Draconis Kurita Coordinatore Autocrazia Imperial City, Luthien Giapponese, Arabo, Inglese 2319
Confederazione di Capella Liao Cancelliere Dittatura Zi-jin Cheng, Sian Cinese (Mandarino e Cantonese), Russo, Inglese, Hindi 2366
Lega dei Mondi Liberi Marik Capitano-Generale Confederazione Parlamentare Atreus City, Atreus Inglese, Spagnolo, Greco, Romeno, Urdu 2271

BattleMech[modifica | modifica sorgente]

A seguire, i modelli di BattleMech presenti in BattleTech: The Crescent Hawk's Inception:

Modello Classe Stazza Max (t) Produttore industriale Tipo
Locust Leggero 20 Bergan Industries, Achernar BattleMechs, Corean Enterprises, Defiance Industries, Gibson Federated BattleMechs, Majesty Metals and Manufacturing, Pinard Protectorates Limited, Taurus Territorial Industries Inner Sphere
Stinger Leggero 20 Alliance Defenders Limited, Bergan Industries, Coventry Metal Works, Detroit Consolidated MechWorks, Earthwerks Incorporated, Earthwerks-FWL Incorporated, Hellespont Industrials, Majesty Metals and Manufacturing, Pinard Protectorates Limited, Vandenberg Mechanized Industries Inner Sphere
Wasp Leggero 20 General Mechanics, Achernar BattleMechs, Defiance Industries, Detroit Consolidated MechWorks, Hellespont Industrials, Irian BattleMechs Unlimited, Kali Yama Weapons Industries, Taurus Territorial Industries, General Motors Inner Sphere
Commando Leggero 25 Coventry Defense Conglomerate, Vandenberg Mechanized Industries Inner Sphere
Javelin Leggero 30 Stormvanger Assemblies, Light Division, Jalastar Aerospace Inner Sphere
Spider Leggero 30 Newhart Interstellar Industries Limited, Nimakachi Fusion Products Limited, Krupp Armament Works Inner Sphere
UrbanMech Leggero 30 Orguss Industries Inner Sphere
Jenner Leggero 35 Diplan Mechyards, Luthien Armor Works Inner Sphere
Chameleon Medio 50 J.B. BattleMechs Inc. Inner Sphere

Armamenti[modifica | modifica sorgente]

A seguire, le categorie di armi impiegabili in BattleTech: The Crescent Hawk's Inception (va considerato che tutte le classi indicate, liberano quantità di calore deleterio per il regolare funzionamento del mech; oltrepassata una certa soglia di sicurezza, si innesca infatti, l'auto-spegnimento temporaneo del BattleMech, disattivazione che si rende necessaria per scongiurare l'esplosione del reattore a fusione che lo muove):

Classe Tipo Livello di calore sviluppato
Armi a energia Laser, a particelle, lanciafiamme Alto
Armi balistiche Cannoni, mitragliatori, a grappolo, Gaussiane (a elettromagneti) Basso
Armi missilistiche Missili a lungo/medio/corto raggio, a ricerca Medio

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il titolo BattleTech: The Crescent Hawk's Inception, andrebbe corretto in "BattleTech: The Crescent Hawks' Inception", in quanto vi si fa riferimento all'unità militare immaginaria dei "Crescent Hawks", dell'universo BattleTech[5]. A ideale rimedio dell'errore commesso, il sequel del gioco (1990), fu intitolato BattleTech: The Crescent Hawks' Revenge.
  • Per i primi mesi seguiti alla pubblicazione del gioco, gli utenti che erano stati in grado di portarlo a termine, hanno ricevuto un codice che potevano inviare all'editore FASA, al fine di ottenere una miniatura del mech "Phoenix Hawk LAM" (nel catalogo del fabbricante statunitense Ral Partha e mostrato proprio nella fase conclusiva di BattleTech: The Crescent Hawk's Inception)[6].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Record Sheets: Phoenix upgrade Preview PDF
  2. ^ Manuale di BattleTech: The Crescent Hawk's Inception
  3. ^ Touring the Stars. URL consultato il 31-08-2013. PDF
  4. ^ Great Houses.
  5. ^ BattleTech: The Crescent Hawk's Inception
  6. ^ BattleTech: The Crescent Hawk's Inception - Miniature

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]