Battistero di San Giovanni alle Fonti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battistero di San Giovanni alle Fonti
Baptistery of San Giovanni alle Fonti 3r.jpg
I resti del battistero
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMilano
ReligioneCristiana cattolica di rito ambrosiano
Arcidiocesi Milano
Stile architettonicopaleocristiano
Inizio costruzione378
Completamento397

Coordinate: 45°27′51.41″N 9°11′25.44″E / 45.46428°N 9.1904°E45.46428; 9.1904

Il battistero di San Giovanni alle Fonti fu uno dei primi battisteri della città di Milano. Sorgeva dove oggi si trova la facciata del duomo di Milano, e si trovava tra la cattedrale invernale di Santa Maria Maggiore e la cattedrale estiva di Santa Tecla.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il battistero visibile durante gli scavi per la metropolitana in piazza del Duomo (1960)

Costruito tra il 378 e il 397, era probabilmente un battistero soltanto maschile: è qui che nella Pasqua del 387 Ambrogio vescovo battezzò Agostino d'Ippona, recentemente convertitosi al cristianesimo ortodosso, insieme con il figlio Adeodato e alcuni amici.

I resti del battistero vennero scoperti nel 1961-1962 grazie agli scavi per la costruzione della metropolitana e si trovano ad un livello inferiore di 3,8 metri rispetto al pavimento del Duomo, mentre il pavimento della vasca ottagonale è ad un livello di 4,50 metri rispetto al pavimento. Vi sono tracce di un rivestimento marmoreo, e circa al centro della vasca vi è un foro per l'acqua servito da un apposito condotto.

Davanti al Duomo di Milano, incisi nel pavimento esterno, si trovano i confini dell'antico battistero di San Giovanni, i cui resti possono essere visitati accedendo dall'interno della cattedrale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]