Battistero di San Giovanni ad Fontes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battistero di San Giovanni ad Fontes
Lomello battistero.jpg
Un'immagine del battistero e della basilica
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Località Lomello
Religione cattolica
Titolare San Giovanni Battista
Diocesi Vigevano
Stile architettonico longobardo

Coordinate: 45°07′20.64″N 8°47′38.44″E / 45.1224°N 8.79401°E45.1224; 8.79401

Il Battistero di San Giovanni ad Fontes a Lomello è un monumento sacro di origine longobarda posto a fianco alla Basilica di Santa Maria Maggiore, altro importante luogo del comune storico della Lomellina.

Il battistero[modifica | modifica wikitesto]

L'interno[modifica | modifica wikitesto]

I resti della fonte battesimale

Il complesso presenta nel suo insieme la forma di una semplice croce tipica, delle tendenze religiose dei primi secoli d.C., al suo interno però la parte centrale è costituita da un ottagono - sopra il quale si staglia la cupola, anch'essa di forma ottagonale - il quale, assieme alle absidi e alle cappelle interne del battistero, assume la caratteristica forma crociata che ben si nota all'esterno. L'edificio è oggi completamente intonacato; si può accedere al suo interno tramite due porte, con il portone principale ubicato a ovest. Elemento di grande importanza è il fonte battesimale (battesimo ad immersione)di forma esagonale, risalente tra al VII-VIII secolo[1].

L'esterno[modifica | modifica wikitesto]

Il battistero è un edificio alto 13 metri ed è costruito interamente con mattoni; la cupola, è una costruzione più tarda del resto dell'edificio, voltata attorno al X secolo con materiali meno pregiati. La cupola è sormontata da un piccolo tiburio a più piani, che costituisce la parte finale dell'intera costruzione[1]. Tratto caratteristico dell'architettura longobarda di quel periodo è l'eccentuato verticalismo dell'ottagono centrale, che si distacca così dalle omologhe costruzioni paleocristiane, più compatte[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il battistero di San Giovanni ad Fontes sul sito del comune di Lomello, comune.lomello.pv.it. URL consultato il 09-09-2008.
  2. ^ Pierluigi De Vecchi-Elda Cerchiari, I Longobardi in Italia, p. 309.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierluigi De Vecchi, Elda Cerchiari, I Longobardi in Italia, in L'arte nel tempo, Milano, Bompiani, 1991, Vol. 1, tomo II, pp. 305-317., ISBN 88-450-4219-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]