Battaglia di palle di neve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il lancio di una palla di neve

Una battaglia di palle di neve è un gioco fisico nel quale vengono buttate palle di neve con l'intenzione di colpire qualcun altro. Questo gioco è simile al dodgeball, anche se è meno organizzato. Quest'attività è praticata principalmente durante i mesi invernali.

Oggigiorno, l'attività è molto diffusa nei paesi occidentali. Le battaglie di palle di neve moderne non hanno un vero e proprio regolamento ufficiale, per questo può essere definito solo come gioco e non come sport. Comunque, una battaglia giocata per puro divertimento ha generalmente queste caratteristiche:

  • C'è una rozza formazione delle squadre, formate essenzialmente da due gruppi di persone che si lanciano palle di neve.
  • I giocatori non si comportano maleducatamente; spesso un "obiettivo" non è assalito da più palle contemporaneamente.
  • Il contatto fisico è ridotto al minimo.
  • A differenza di altre forme di lotta, non ci sono quasi mai danni fisici.
  • È permessa la costruzione e l'uso di castelli di neve.

Le più grandi battaglie di neve[modifica | modifica wikitesto]

L'8 febbraio 2013 quasi 2500 studenti dell'università di Boston presero parte ad una battaglia sul lungomare di Boston, facilitati anche dalla storica tormenta di neve Nemo.

Il 12 gennaio 2013, a Seattle, durante il Seattle's snow day, 5834 persone presero parte alla più grande battaglia di neve, entrando nel Guinness dei primati.

Il 22 gennaio 2010 a Taebaek, in Corea del sud, 5387 persone parteciparono da una battaglia.

Secondo alcuni studi di alcuni studenti dell'università della Pennsylvania, la capitale mondiale delle battaglie con le palle di neve è Leuven, in Belgio.

Il 6 febbraio 2010 circa 2000 persone si incontrarono a Washington per una battaglia organizzata tramite internet dopo i circa 61 centimetri caduti tra il 5 e il 6 febbraio. L'evento fu promulgato via Facebook e Twitter. Alla fine circa una dozzina di auto della polizia furono posizionate vicino al luogo della battaglia. Non furono riportati danni gravi.

Il 9 dicembre 2009, una folla stimata di circa 4000 studenti dell'Università del Wisconsin-Madison parteciparono ad una battaglia organizzata su Bascom Hill. Ci furono parecchi danni, come nasi rotti, atti di vandalismo e cibo rubato.

Durante la Guerra di secessione americana, il 29 gennaio 1863, ebbe luogo la più grande battaglia di neve tra soldati, lungo il fiume Rappahannock, nel nord della Virginia. Quello che iniziò come un semplice gioco tra poche centinaia di uomini texani che buttavano palle di neve verso i loro compagni di campo dell'Arkansas si evolse presto in una rissa che coinvolse circa 9000 soldati dell'armata della Virginia.

Problemi nei luoghi pubblici[modifica | modifica wikitesto]

In molte scuole e parchi del mondo, è contro la legge iniziare una battaglia di palle di neve. Il problema sorge dal momento che alcune palle di neve potrebbero contenere al loro interno pezzi di ghiaccio o pietra, che potrebbero seriamente far male le persone e far arrestare per aggressione la persona che ha gettato la palla.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bambini europei giocano con la neve, 1785
Quadro italiano di una lotta con la neve (1400).