Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Battaglia di Tskhinvali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Tskhinvali
parte della seconda guerra in Ossezia del Sud
Tskhinvali battles (it).png
Movimenti delle due forze opposte: Georgia (rosso) e Russia (blu)
Data8 - 11 agosto 2008
LuogoTskhinvali, Ossezia del Sud
EsitoVittoria russo-osseta, ritiro della Georgia[1]
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Circa 10.000 - 11.000 soldati[9]Ossezia del Sud Circa 3.500 soldati[10]
Russia Fino a 10.000 soldati[11]
Perdite
161 soldati morti
9 dispersi[12]
Ossezia del Sud 150 soldati morti[13]
Russia64 soldati morti
3 dispersi
283 feriti[14]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Tskhinvali (in russo: Бои за Цхинвал, in georgiano: ცხინვალის ბრძოლა), combattuta tra l'8 e l'11 agosto 2008, è stata una lotta per la conquista dell'omonima città, capitale dell'Ossezia del Sud.

Le truppe georgiane entrarono nella città la mattina dell'8 agosto 2008 dopo un fuoco preparatorio di artiglieria.[15] La loro avanzata fu contrastata dalle milizie dell'Ossezia del Sud e dei membri delle forze russe che si trovavano in città. Nello stesso giorno partirono dalla Russia altri soldati per rinforzare le truppe, ma arrivarono in ritardo a causa del terreno difficile e impervio. Le truppe georgiane fecero diversi tentativi per conquistare la città ma, infine, la sera del 10 agosto, furono costrette a ritirarsi. L'11 agosto, tutti i soldati della Georgia avevano abbandonato l'Ossezia meridionale e una parte della città di Tskhinvali era distrutta.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

La prima fase[modifica | modifica wikitesto]

Le città di Gori (Georgia) e Tskhinvali (Ossezia del Sud) si trovano nella valle del fiume Liakhvi, a 32 miglia di distanza l'una dall'altra. I giorni prima dell'attacco, le forze georgiane avevano installato la loro base a Gori, prima di andare a Tskhinvali, probabilmente il bersaglio principale.[16]

Un palazzo danneggiato durante la battaglia di Tskhinvali

8-9 agosto 2008[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito georgiano ha lanciato la prima offensiva nella notte tra il 7 e l'8 agosto.[17] Così, mentre le truppe georgiane aprivano il fuoco contro le postazioni nemiche, la flotta aerea bombardava la città di Tskhinvali che subì diversi danni. Qualche ora dopo i soldati della Georgia iniziarono ad avanzare provocando diverse perdite all'esercito russo. La mattina dell'8 agosto, i rinforzi hanno attraversato, per raggiungere le truppe russe a Tskhinvali, il confine internazionale che separa l'Ossezia Settentrionale-Alania dalla Ossezia del Sud, attraverso il tunnel Roki.[18] Quando queste forze raggiunsero la città le truppe georgiane furono costrette a ritirarsi parzialmente verso sud. L'offensiva russa intanto aveva bombardato la base aerea di Vaziani, a pochi chilometri da Tbilisi. I georgiani, che erano stati respinti durante le ore precedenti, riuscirono a raggrupparsi e a organizzare una controffensiva per riconquistare la città. La Russia subì pesanti perdite umane e materiali, e il comandante delle forze armate Anatolij Chrulëv, fu ferito in un agguato. Tuttavia, l'attacco non funzionò, la Georgia perse decine di uomini e tre carri armati e le truppe georgiane furono respinte dalla città. Allo stesso tempo, i russi avevano lanciato dei punti di attacco aereo vicino alla città di Gori.[19][20]

10 agosto[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 agosto, le truppe dell'Ossezia del Sud e della Russia avevano preso il controllo della città e della zona circostante, respingendo l'offerta georgiana di cessare il fuoco.[21]

11 agosto[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'ultimo tentativo di penetrare nella città, la Georgia ottenne una dura sconfitta.
Dopo quest'ultima azione l'esercito giorgiano sgomberò l'Ossezia del Sud nella serata dell'11 agosto.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Georgia pulls out of Tskhinvali, Al Jazeera, 10 August 2008
  2. ^ a b View all comments that have been posted about this article., A Two-Sided Descent Into Full-Scale War, Washingtonpost.com, 16 agosto 2008. URL consultato il 10 maggio 2009.
  3. ^ Senior MoD Official Testifies Before War Commission, Civil.Ge, 1º luglio 2001. URL consultato il 10 maggio 2009.
  4. ^ Lenta.ru: : Баранкевич, Анатолий
  5. ^ Генерал Баранкевич лично подбил грузинский танк | Калининград, городской портал :: Новости :: Отдых :: Карта :: Бизнес
  6. ^ NR2.RU::: Войсками Южной Осетии командует бывший пермский военком генерал-майор Василий Лунев / 11.08.08 / Пермь Archiviato il 7 dicembre 2008 in Internet Archive.
  7. ^ (RU) Трое суток в эпицентре войны Archiviato il 5 dicembre 2008 in Internet Archive., Moskovskij Komsomolets, 10.08.2008
  8. ^ Journalists Suffered Combat Losses, Kommersant, 11 Aug. 2008
  9. ^ IIFFMCG Vol II, p. 214
  10. ^ IIFFMCG Vol. III, p. 530
  11. ^ IIFFMCG Vol III, p.371
  12. ^ List of Killed and Missing Military Servicemen during the Georgian-Russian WAR Archiviato il 21 luglio 2011 in Internet Archive.
  13. ^ The August War between Russia and Georgia
  14. ^ Russia lost 64 troops in Georgia war, 283 wounded | Reuters
  15. ^ Georgia: Ue, attacco ingiustificato, su ansa.it. URL consultato il 18 maggio 2010.
  16. ^ MIA: Java and Roki Tunnel are Next Targets, Civil.Ge, 9 August 2008
  17. ^ Java and Roki Tunnel are Next Targets Civil.ge (diario on-line georgiano). Consultato il 13-08-2008
  18. ^ Estalla una guerra desigual en el Cáucaso Archiviato il 12 agosto 2008 in Internet Archive.. Público (08-08-08). Consultato il 14-08-2008.
  19. ^ Medvédev: Rusia no permitirá la "muerte impune" de los ciudadanos rusos en Osetia del Sur Archiviato il 14 agosto 2008 in Internet Archive. Público.Castellano.Consultato il 14-08-2008
  20. ^ «Rusia niega que haya guerra y Georgia pide ayuda internacional» Archiviato il 14 agosto 2008 in Internet Archive. La Opinión de Tenerife. Consultado el 13-08-2008.
  21. ^ Georgia 'calls Ossetia ceasefire' Archiviato il 19 agosto 2008 in Internet Archive. BBC News (10-08-08). Consultado el 19-08-2008.
  22. ^ Michail Barabanov, (12 September 2008)."The August War between Russia and Georgia""The August War between Russia and Georgia" Moscow Defense Brief (Centre for Analysis of Strategies and Technologies) 3 (13).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heidi Tagliavini, Final Report. Volume I. (PDF), Independent International Fact-Finding Mission on the Conflict in Georgia (IIFFMCG – CEIIG), 2009 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2009).
  • Heidi Tagliavini, Final Report. Volume II. (PDF), Independent International Fact-Finding Mission on the Conflict in Georgia (IIFFMCG – CEIIG), 2009 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  • Heidi Tagliavini, Final Report. Volume III. (PDF), Independent International Fact-Finding Mission on the Conflict in Georgia (IIFFMCG – CEIIG), 2009 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]