Battaglia di Tinchebray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Tinchebray
Tinchebray.jpg
Miniatura del Maestro di Bedford della battaglia di Tinchebray (XV secolo).
Data28 settembre 1106
LuogoTinchebray, Normandia, Francia
EsitoVittoria decisiva di Enrico I
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
700 cavalieri
6000 fanti
Totale 6700 uomini[1]
2400 cavalieri (circa 1400 cavalieri normanni ed angioini e 1000 cavalieri bretoni)
meno di 6000 fanti(Inglesi e Normanni)
Totale quasi 8400 uomini[1]
Perdite
Circa 60 cavalieri uccisi
Roberto e circa 400 cavalieri catturati[1]
Molto basse[1]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Tinchebray (a volte scritto Tinchebrai o Tenchebrai) venne combattuta il 28 settembre 1106, a Tinchebray (oggi nel dipartimento francese dell'Orne), in Normandia, tra una forza d'invasione guidata dal re Enrico I d'Inghilterra contro il suo fratello maggiore Roberto II di Normandia.[2]

I cavalieri di Enrico riportarono una decisiva vittoria, catturando Roberto ed imprigionandolo nel castello di Devizes, in Inghilterra, e successivamente in Galles (nel castello di Cardiff) dove Roberto morì nel 1134.[3]

Tinchebray su una carta della Normandia del XII° secolo

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Enrico invase la Normandia nel 1105, occupando Bayeux e Caen. Dovette però interrompere la campagna, e tornare in Inghilterra, per problemi politici sorti in seguito alla lotta per le investiture.[4] Quando questi vennero risolti, egli tornò in Normandia nella primavera del 1106.[4] Dopo aver conquistato rapidamente l'abbazia fortificata di Saint-Pierre-sur-Dives (nei pressi di Falaise (Calvados)), Enrico mosse verso sud assediando il castello di Tinchebray, che sorgeva su di una collina vicino alla città.[2] Tinchebray nel sudovest della Normandia, tenuto dal conte Guglielmo di Mortain, uno dei pochi importanti baroni rimasto fedele a Roberto.[5] Roberto si diresse allora verso il castello per rompere l'assedio. Dopo alcuni negoziati infruttuosi, si decise che una battaglia in campo aperto fosse la migliore opzione.[5]

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito di Henry era organizzato in tre gruppi.[6] Ranulfo di Bayeux, Roberto di Beaumont, II conte di Leicester e Guglielmo di Warenne, II conte di Surrey comandavano le due forze primarie.[6] Una riserva, comandata da Elia I del Maine, venne collocata, fuori dalla vista, su un fianco dello schieramento.[6] Alano IV di Bretagna, Guglielmo d'Évreux, Ralph di Tosny, Roberto di Montfort e Roberto di Grandmesnil erano schierati tra le file di Enrico. Guglielmo di Mortain e Roberto II di Bellême combattevano invece insieme a Roberto.[7]

La battaglia durò soltanto un'ora circa.[8] Enrico scese da cavallo ed ordinò alla maggior parte dei suoi cavalieri di fare altrettanto. Questo era insolito per la tattica di battaglia dei Normanni, e significava che la fanteria avrebbe giocato un ruolo decisivo nello scontro.[9] La forza di riserva di Enrico risultò decisiva per le sorti dello scontro. La maggior parte dell'esercito di Roberto venne catturata od uccisa. Tra i prigionieri figuravano: Roberto stesso, Edgardo Atheling (zio della moglie di Enrico) e Guglielmo di Mortain.[10] Roberto di Bellême, comandante della retroguardia del Duca, guidò la ritirata, salvandosi dalla morte o dalla cattura.[11] La maggior parte dei prigionieri vennero rapidamente liberati, ma Roberto Guglielmo di Mortain trascorsero il resto della loro vita in carcere.[12]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Roberto aveva un figlio legittimo, Guglielmo Cliton, le cui rivendicazioni del ducato di Normandia portarono a diverse ribellioni durante tutto il regno di Enrico.[13]

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia è descritta nel romanzo storico Knight's Fee, del 1960, di Rosemary Sutcliff.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d HEATH, Ian, Armies of Feudal Europe 1066-1300, p.57
  2. ^ a b C. Warren Hollister, Henry I, ed. Amanda Clark Frost (New Haven; London, Yale University Press, 2003), p. 199
  3. ^ David Crouch, The Normans; The History of a Dynasty (London. New York: Hambledon Continuum, 2007), pp. 178-79
  4. ^ a b David Crouch, The Normans; The History of a Dynasty (London. New York: Hambledon Continuum, 2007), pp. 176-77
  5. ^ a b Charles Wendell David, Robert Curthose (Cambridge: Harvard University Press, 1920), p. 172
  6. ^ a b c H. W. C. Davis, 'A Contemporary Account of the Battle of Tinchebrai', The English Historical Review, Vol. 24, No. 96 (Oct., 1909), p. 731
  7. ^ Charles Wendell David, Robert Curthose (Cambridge: Harvard University Press, 1920), p. 174
  8. ^ H. W. C. Davis, 'A Contemporary Account of the Battle of Tinchebrai', The English Historical Review, Vol. 24, No. 96 (Oct., 1909), p. 729
  9. ^ H. W. C. Davis, 'A Contemporary Account of the Battle of Tinchebrai', The English Historical Review, Vol. 24, No. 96 (Oct., 1909), pp. 731-32
  10. ^ Charles Wendell David, Robert Curthose (Cambridge: Harvard University Press, 1920), p. 175
  11. ^ Kathleen Thompson, 'Orderic Vitalis and Robert of Bellême', Journal of Medieval History, Vol. 20 (1994), p. 137
  12. ^ Charles Wendell David, Robert Curthose (Cambridge: Harvard University Press, 1920), p. 179
  13. ^ François Neveux, The Normans; The Conquests the Changed the Face of Europe, trans. Howard Curtis (London: Constable & Robinson Ltd., 2008), p. 177

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medioevo Portale Medioevo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medioevo