Battaglia di Kaiserslautern

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Kaiserslautern
Battle of Kaiserslautern 1793.png
Mappa della battaglia di Kaiserslautern
Data 28 - 30 novembre 1793
Luogo Kaiserslautern
Esito Vittoria prussiana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
30 000 uomini 20 000 uomini
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Kaiserslautern (28-30 novembre 1793) fu una battaglia della Prima coalizione (parte delle guerre rivoluzionarie francesi), combattuta nei pressi della città tedesca di Kaiserslautern. Il risultato è stato una vittoria dell'esercito prussiano sotto il comando del duca di Brunswick contro l'esercito francese della Mosella guidato da Lazare Hoche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non essendo riuscito a catturare il forte Bitche, il duca di Brunswick si ritirò nei Vosgi, sotto condizioni meteorologiche durissime. Neve e fango rendono le strade impraticabili. Lazare Hoche, che era stato nominato al comando dell'esercito francese della Mosella solo in Ottobre non ha una sufficiente conoscenza delle forze a sua disposizione, né del teatro di operazioni. Dopo aver perso il contatto con i prussiani, Hoche divise l'armata della Mosella per localizzare il nemico. Il duca di Brunswick usò questo intervallo per scegliere accuratamente il terreno per il prossimo scontro. Si attestò intorno a Kaiserslautern in un'ottima posizione sulle rive paludose del fiume Lauter.

Lo scontro[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 novembre, l'armata francese comincia un'avanzata su tre colonne. L'ala destra è guidata da Alexandre Camille Taponier, la sinistra da Jean-Jacques Ambert. Hoche marcia col centro ma le strade sono ancora in cattivo stato e così viene perduto molto tempo.

Ê Taponier ad entrare per primo in contatto col nemico e riporta qualche successo iniziale. Ma Ambert che ha avuto grossi problemi nell'attraversamento del fiume Lauter si trova, con soli 6000 uomini a dover far fronte al corpo d'armata di Friedrich Adolf von Kalckreuth dotato di forze preponderanti. Per sfuggire all'accerchiamento ripiega sulle forze di Hoche che giunge in suo soccorso

Il 29, i francesi passano il fiume. Le avanguardie di Dubois e Molitor sono bloccati sul pianoro di Erlenbach dalla feroce e preparata resistenza prussiana. Ambert deve correre al soccorso passando attorno all'altopiano; solo dopo che una forte batteria è installata sulle alture vicine si viene a capo della resistenza. Hoche si schiera con le sue truppe sui rilievi dell'Otterberg. L'ala sinistra prussiana, che si ritiene ormai isolata non accenna a ritirarsi nonostante gli attacchi lanciati da numerosi squadroni francesi. all'attacco dell'ala destra, la brigata Simon smarrisce la strada e non si ricongiungerà con la divisione Paillard che alla fine della giornata. Poiché è troppo tardi per attaccare il comandante Ambert riceve ordini di marciare anche tutta la notte per congiungersi col centro di Hoche.

Da parte sua Taponier attacca l'abitiato di Kaiserslautern, ma è isolato e di fronte ad una ben organizzata resistenza deve ritirarsi nei boschi; anche le sue truppe passano tutta la notte all'erta.

All'alba del 30, le opposte artiglierie fanno fuoco a volontà. Hoche lancia altri attacchi. A sinistra, alla testa di quattro battaglioni Molitor quasi si impadronisce della collina detta Buchberg, ma è infine respinto. A destra la divisione Huet riesce a malapena a mantenere le proprie posizioni. Al centro, le cavallerie opposte caricano a turno, senza obiettivi precisi: tutti gli attacchi di Hoche sono respinti in disordine. Vedendosi ben protetto ai fianchi, Brunswick attacca con decisione per riprendere l'Otterberg e Hoche si vede costretto ad abbandonare il terreno.

Guerre napoleoniche Portale Guerre napoleoniche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerre napoleoniche