Battaglia di Castricum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Castricum
parte della guerra della seconda coalizione
Battle castricum.jpg
Data6 ottobre 1799
LuogoNei pressi di Castricum, nei Paesi Bassi
EsitoVittoria franco-batava
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
25 700 uomini26 400 uomini
Perdite
1 382 morti2 536 morti
11 cannoni
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Castricum, avuta luogo nei Paesi Bassi, nei pressi di Castricum, il 6 ottobre 1799, vide le forze franco-batave contrapposte allo schieramento anglo-russo. Lo scontro va inquadrato nella guerra della seconda coalizione, avente come motivo di discordia la rivoluzione francese; francesi e batavi facevano capo ai generali Guillaume Marie-Anne Brune e Herman Willem Daendels, mentre lo schieramento opposto era comandato dal Duca di York, Federico Augusto di Hannover, da Sir Ralph Abercromby e da Guglielmo I dei Paesi Bassi.

Preludio[modifica | modifica wikitesto]

Guillaume Marie-Anne Brune, comandante delle truppe francesi.

Il 27 agosto 1799, una delle forze anglo-russe, forte di 32.000 uomini, sbarcò nei Paesi Bassi e bloccò la flotta batava dapprima nei pressi della città di Den Helder, il 30 agosto, e successivamente, il 3 ottobre, vicino alla città di Alkmaar. Seguirono dunque diversi scontri nei pressi di Mons, il 19 settembre, e vicino ad Alkmaar, il 2 ottobre; quattro giorni dopo, le truppe si imbatterono nella resistenza franco-batava.

Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la battaglia, Castricum passò alternativamente in mano alle truppe franco-batave e a quelle anglo-russe. Ma queste ultime si ritirarono, perdendo 2536 uomini e 11 cannoni; le perdite franco-batave si attestarono invece a 1382 caduti. La sconfitta anglo-russa convinse il Duca a constatare l'impossibilità di tenere la città. Dopo la ritirata, talmente disordinata che vennero "dimenticati" due ospedali da campo, il 10 ottobre i due schieramenti firmarono la Convenzione di Alkmaar.

Herman Willem Daendels, comandante delle truppe batave, vincitore della battaglia insieme a Brune.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Gli inglesi e i russi furono dunque costretti a ritirarsi, ma non pagarono alcun risarcimento; inoltre le truppe portarono con sé tutto ciò che avevano razziato. Come segno di gratitudine per i favori concessi, Brune ricevette dei cavalli da parte del Duca Di York. A partire dal 19 novembre tutte le truppe inglesi e russe furono imbarcate e la campagna ebbe termine. Negli anni seguenti, furono costruite nei Paesi Bassi delle linee difensive per proteggere Amsterdam da possibili invasioni.

Commemorazione[modifica | modifica wikitesto]

Nella "Huis met de Kogel", la casa delle palle di cannone, a Castricum, è possibile vedere un proiettile di cannone conficcatosi nella cinta muraria della città; una targhetta[1] ricorda la battaglia. Diversi toponimi locali ricordano la battaglia, come le duna Russenbergen e la strada Doodelaan. A Mons è invece il Russisch Monument. La vittoria francese viene ricordata persino sull'Arco di Trionfo, con il nome di "Alcmaer".

Note[modifica | modifica wikitesto]