Battaglia di Camacuã

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Camacuã
parte della guerra argentino-brasiliana
Data23 aprile 1827
LuogoBagé, Rio Grande do Sul
EsitoVittoria proclamato dai repubblicani; schermaglia senza conseguenze secondo gli imperiali
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2500soldati1600 soldati
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Camacuã fu uno scontro bellico avvenuto il 23 aprile 1827 tra le truppe alleate dell'Argentina e degli insorti della Banda Oriental da un lato e l'esercito imperiale brasiliano dall'altro, nell'ambito della guerra argentino-brasiliana.

La battaglia ebbe luogo nei pressi del fiume Camacuã, non lontano dall'odierna città brasiliana di Bagé, e si concluse con la ritirata delle truppe imperiali.

L'esercito argentino aveva lasciato il territorio brasiliano dopo la vittoria nella battaglia di Ituzaingó per la mancanza di rifornimenti e le cattive condizioni dei cavalli, ma il 13 aprile aveva ripreso Bagé e avanzava incontro alle truppe imperiali. I generali Lucio Mansilla Norberto e Juan Lavalle, con 2500 cavalieri, sorpresero le 1600 truppe imperiali di Barreto. Quest'ultimo, sapendo che il nemico aveva un numero maggiore di cavalieri, si ritirò all'angolo di Camacuã Chico.[1]

Per i brasiliani l'incidente si chiama guerriglia di Rufino; per gli argentini è il combattimento di Camaquã Chico, celebrato come una clamorosa vittoria.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Hernâni Donato, Dicionário das Batalhas Brasileiras, 2015
Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra