Battaglia di Calatafimi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Spedizione dei Mille.

Battaglia di Calatafimi
Perrin C. lith. - Battaglia di Caltafimi - litografia - 1861.jpg
Garibaldi a Calatafimi
Data 15 maggio 1860
Luogo Calatafimi, Sicilia
Esito Vittoria garibaldina
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
circa 1.500 (i Mille e 500 volontari siciliani) circa 3.000
Perdite
32 morti e 174 feriti 36 morti e 150 feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Calatafimi fu una battaglia avvenuta durante la spedizione dei mille.

Venne combattuta il 15 maggio 1860 in località Pianto dei Romani, a poca distanza dall'abitato di Calatafimi Segesta[1] tra i Garibaldini, affiancati da volontari siciliani, e circa 3.000 militari dell'esercito delle Due Sicilie inquadrati nella colonna mobile del generale Francesco Landi[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sbarco a Marsala e l'avanzata garibaldina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sbarco a Marsala.

Dopo lo sbarco a Marsala dell'11 maggio, le truppe garibaldine si spinsero verso l'interno, venendo rinforzate da volontari siciliani alla Masseria Rampagallo il 12 maggio[3] e a Salemi il 13 e 14 maggio[4]. L'organizzazione iniziale dei Cacciatori delle Alpi stabilita a Talamone il 7 maggio dall'ordine del giorno n. 1 della spedizione, e articolata su sette compagnie Cacciatori più la compagnia Carabinieri genovesi[5] venne sostanzialmente modificata con la creazione di tre nuove compagnie[6] e la suddivisione delle truppe su due battaglioni, agli ordini rispettivamente di Nino Bixio e del siciliano Giacinto Carini[7]. Da parte borbonica il Luogotenente del Re per la Sicilia, tenente generale Paolo Ruffo, principe di Castelcicala[8] richiese urgentemente come rinforzi tre battaglioni di Cacciatori da sbarcare a Marsala, per intrappolare i "filibustieri" garibaldini e gli insorti siciliani tra due fuochi in collaborazione con la colonna mobile del generale Landi[9], già presente nella zona di Alcamo con compiti antisbarco e antirivolta[10].

Tuttavia i rinforzi richiesti (che furono in realtà le 16 compagnie d'élite[11] dei Reggimenti 1º "Re", 3º "Principe", 5º "Borbone" e 7º "Napoli") partirono in ritardo da Gaeta, e invece di sbarcare a Marsala il 13 maggio giunsero direttamente a Palermo solo il giorno 14, vanificando la manovra di accerchiamento. Visto il ritardo, il principe di Castelcicala aveva comunque a quel punto già predisposto il movimento dell'8º Battaglione Cacciatori – di guarnigione a Trapani – per raggiungere la brigata Landi nella zona di Calatafimi[12], una posizione strategicamente rilevante per il controllo della limitata rete viaria della Sicilia occidentale, all'incrocio delle due sole strade carrozzabili della zona, ossia la strada militare Trapani-Palermo e la strada proveniente da Marsala e Salemi[13]. Già il 13 le Guide di Garibaldi avevano individuato le posizioni dei borbonici[14] i quali, se pur sapevano a loro volta della presenza di insorti e "invasori" nella zona di Salemi, non ne conoscevano la effettiva forza o le intenzioni[13]. Dopo due giorni di stasi, all'alba del 15 maggio Garibaldi ordinò alle sue truppe di muovere verso il villaggio di Vita, sulla strada per Calatafimi.

Manovre preliminari[modifica | modifica wikitesto]

Dopo i due giorni di sosta a Salemi per radunare i volontari siciliani e riorganizzare la spedizione, Garibaldi si trovò ad affrontare una difficile scelta. Contrariamente alle attese, l'insurrezione in Sicilia non era generalizzata e le milizie radunate da Rosolino Pilo erano già state pressoché interamente disperse dalle truppe borboniche. La scelta a quel punto era tra il muovere verso l'interno dell'isola lungo le strade secondarie che partivano da Salemi in direzione est verso Santa Ninfa e Corleone per cominciare una campagna di guerriglia[15] oppure muovere direttamente a nord sulla strada Salemi-Vita-Calatafimi e impegnare le forze borboniche là dislocate, con l'obiettivo di sbloccare la strada per Palermo[16]. La scelta ricadde su questa opzione più aggressiva, e all'alba del 15 maggio i Cacciatori delle Alpi si misero in movimento da Salemi verso Vita, che fu raggiunta verso le ore 10. Lì sostarono un paio d'ore, mentre Garibaldi e il suo Stato maggiore si spingevano oltre per riconoscere le posizioni borboniche, per riprendere la marcia verso le 12[17]. Raggiunto il ciglio della vallata, il 2º Battaglione si schierò a est della strada sul Monte Pietralunga, con la 8ª e la 7ª compagnia in prima linea a mezza costa e la 5ª e 6ª compagnia di rincalzo sulla cima. Davanti a tutti, verso fondo valle, la compagnia dei Carabinieri Genovesi, schierata in ordine aperto[18].

Il 1º Battaglione rimase invece di riserva nei pressi della strada, alla sinistra del 1º Battaglione e scaglionato in profondità, con nell'ordine la 4ª, 3ª e 2ª compagnia davanti e la 1ª compagnia in posizione più arretrata. L'artiglieria supportata dalla compagnia Marinai Cannonieri rimase sulla strada[19], protetta da una barricata improvvisata. Parte delle "squadriglie" di volontari siciliani furono inviate sulle alture a ovest della linea di battaglia con l'ordine di "fare da vedetta" e minacciare il fianco delle forze borboniche[20] mentre il grosso fu posizionate direttamente ai due lati della linea di battaglia. Schierate quindi le proprie truppe su un terreno favorevole alla difesa ed essendosi garantito un'ampia riserva in caso di emergenza, Garibaldi attese le mosse dei borbonici, dando l'ordine ai Cacciatori delle Alpi di rimanere quanto più possibile celati alla vista del nemico, ribadendo a più riprese di non aprire il fuoco se non dietro suo preciso ordine. Dal canto loro i borbonici rimanevano ancora incerti sul da farsi, non aiutati dalla scarsa iniziativa ed energia dimostrata dal settuagenario Landi[21].

Avvisato la mattina del 15 maggio che i "garibaldesi"[22] avevano lasciato Salemi e dirigevano su Vita e Calatafimi, al Landi si aprivano tre possibilità: ritirarsi, in considerazione dell'incerto controllo sulle proprie linee di comunicazione con Palermo e la sempre presente possibilità del riaccendersi di una rivolta generalizzata che lo avrebbe tagliato fuori dalla sua base, oppure muovere verso il nemico per disperderlo, oppure attestarsi a Calatafimi e offrire battaglia con la propria Brigata[23]. Scelse invece di disperdere le proprie truppe in cinque distaccamenti. I "Birri di campagna", accompagnati da alcuni picchetti di cavalleria, si mossero verso Vita e furono i primi a entrare in contatto con le pattuglie dell'avanguardia garibaldina[24]. Sei compagnie di fanteria e mezza batteria di artiglieria rimasero con il generale Landi a Calatafimi come riserva[25]. Il resto delle truppe fu diviso in tre colonne e mandato a battere la zona circostante a Calatafimi con l'intento dichiarato da Landi di «imporsi moralmente sul nemico in vista del quale le mie truppe circolavano per la campagna»[23].

La colonna del maggiore Sforza, giunta sulla cima del Pianto dei Romani, vide il movimento dei garibaldini sul Monte Pietralunga, senza riuscire però a riconoscerne con esattezza la natura. La maggioranza dei Cacciatori delle Alpi vestivano infatti abiti civili[26] e come tali potevano essere presi per insorti, mentre le poche camicie rosse potevano facilmente essere scambiate per i camisacci indossati da galeotti evasi[27]. Le disposizioni di Garibaldi ai Cacciatori delle Alpi di tenersi celati quanto più possibile alla vista resero anche impossibile ai borbonici di rendersi conto esattamente del numero degli avversari. Nonostante gli ordini ricevuti si limitassero a "circolare per la campagna", il maggiore Sforza, convinto di aver di fronte solo una banda di insorti, decise di disperderli e fece schierare la sua colonna su due linee. La prima linea, composta dalla due compagnie di Cacciatori, cominciò a scendere nelle valle con parte delle truppe disposte "a catena" in ordine aperto[28] seguite dal grosso in ordine chiuso. La seconda linea, composta dalla compagnia del 10º di Linea e da quella dei Carabinieri, rimase di riserva sulla vetta del Pianto dei Romani, ancorata a un lungo muro che divideva due poderi[29] e appoggiata sulla propria sinistra dai due obici da montagna e a destra dalla cavalleria[30].

Lo svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Eccidio di Partinico.
La battaglia di Calatafimi, uno degli episodi più decisivi della Spedizione dei Mille, combattuta il 15 maggio 1860, olio su tela di R. Legat.

Dopo un paio d'ore d'immobilismo i Cacciatori Napoletani tentarono un attacco alla prima linea garibaldina, ma vennero fermati su posizioni intermedie, dalla precisione di tiro dei carabinieri e da un disperato contrattacco alla baionetta. Pur non riuscendo completamente nel loro intento, i Cacciatori erano ora attestati nelle vicinanze delle linee garibaldine che, avendo a malapena fermato l'attacco di un sesto delle forze nemiche schierate, difficilmente avrebbero potuto resistere a un'azione più energica. Per questo motivo, il generale Nino Bixio diede ordine di prepararsi alla ritirata che, vista l'inesistenza di retrovie fortificate, si sarebbe trasformata in una fuga disastrosa.

La leggenda vuole che Garibaldi abbia bloccato tale ordine, intimando il celebre «Nino, qui si fa l'Italia o si muore!». Vista la situazione e la capacità tattica del vecchio condottiero, appare inverosimile che egli abbia pronunciato una tale frase, probabilmente da attribuire alla retorica risorgimentale. In realtà, una frase simile venne pronunciata da Garibaldi poco prima del contrattacco alla baionetta che fermò l'azione dei Cacciatori Napoletani. Il generale, come suo costume, visti gli uomini in difficoltà si recò nelle prime linee, per incitare i garibaldini a lanciarsi in uno scontro all'arma bianca, come ultimo tentativo di fermare l'attacco borbonico. Racconta il garibaldino Giuseppe Guerzoni: «Quel pugno di uomini trafelato, pesto, insanguinato, sfinito da tre ore di corsa e di lotta, trovata ancora in quelle maliarde parole la forza di risollevarsi e tenersi in piedi, riprese, come gli era stato ordinato, la sua salita micidiale; risoluto all'ecatombe… e come l'eroe aveva previsto, la fortuna fu di loro. Incalzati nuovamente di fronte a quel branco di indemoniati che pareva uscissero da sottoterra, sgomenti dall'improvviso rombo dei cannoni che Orsini era finalmente riuscito a portare in linea, turbati dal clamore crescente delle squadre sui loro fianchi, i borbonici disperano di vincere, e voltate per la settima volta, le spalle, abbandonano il monte e si precipitano a rifugiarsi dentro Calatafimi.»[31]

L'imprevisto spostamento venne subito seguito dal capo di stato maggiore Sirtori e dagli ultimi reparti di riserva che si lanciarono a proteggere l'incolumità del condottiero. Fu in quella occasione che Garibaldi pronunciò la frase «Italiani, qui bisogna morire!» sottolineando la necessità di quell'azione pericolosa[32].
Lo stesso Garibaldi rischiò la vita e venne salvato con un eroico gesto da Augusto Elia, che dopo lo scontro per la difesa della bandiera, vedendo un cacciatore borbonico prendere di mira Garibaldi, si lanciò per coprirlo, facendo scudo con il suo corpo, ricevendo in bocca un proiettile destinato a Garibaldi, che così si salvò, come probabilmente l’esito della stessa battaglia e spedizione.

Caduto al suolo sanguinante, Augusto Elia venne rovesciato faccia a terra dallo stesso Garibaldi, che gli disse:

« Coraggio, mio Elia di queste ferite non si muore ! [33] »

Dopo che l'attacco era stato fermato, senza compromettere la loro sostanziale superiorità, in modo del tutto inaspettato e incomprensibile, furono i soldati borbonici a indietreggiare, sotto gli sguardi increduli dei Garibaldini.[34]

L'ordine di ritirata del generale Landi gli appariva così illogico che, per una buona ora, Garibaldi non seppe decidersi a ordinare il contrattacco. Temendo una trappola, si limitò a osservare le precipitose manovre di ripiego dei reparti nemici, ordinatamente coperte dai Cacciatori Napoletani. Quando il Garibaldi ordinò l'attacco della 6ª Compagnia, guidata dal Capitano Giacinto Carini, il grosso della brigata borbonica era ormai sulla strada per Alcamo. I timori di Landi erano basati sui segnali d'inquietudine mostrati dalla popolazione sicula, storicamente ostile alla dominazione borbonica, le cui speranze erano state riaccese dalla missione informativa operata da Rose Montmasson e ingigantite dal riuscito sbarco a Marsala. Landi aveva truppe ben equipaggiate, ma a corto di viveri e temeva di essere tagliato fuori dalla sicura Palermo a causa delle sollevazioni popolari che si stavano verificando dopo lo sbarco di Garibaldi, come avvenne nel caso dell'eccidio di Partinico.

L'altra causa che fece decidere i borbonici per la ritirata fu la sorpresa nel veder sconfessate le informative diramate dalle autorità nei giorni precedenti che descrivevano i Mille come una banda male armata di malviventi e straccioni, in cerca di bottino. La previsione trovava conferma visiva nelle molte camicie rosse garibaldine, simili alle casacche indossate dai galeotti nelle carceri napoletane. Pur male armati e composti per una buona metà da studenti universitari senza istruzione militare, l'altra metà era formata da veterani della prima e seconda guerra d'indipendenza, esperti nella tattica di combattimento, che sapevano sfruttare i momenti propizi, senza farsi prendere dall'entusiasmo o dal panico. Grande fu lo sgomento dei Cacciatori Napoletani nel veder stroncato il loro attacco da un fuoco di fucileria non affrettato, seguito da una coraggioso e imprevedibile contrattacco alla baionetta. Un comportamento certo non assimilabile a quello delle bande di briganti con le quali erano soliti scontrarsi. Il coraggio e la disciplina dei Garibaldini destò ammirazione in molti militari borbonici e, insieme all'inettitudine dei loro comandanti, fu la principale causa delle numerose defezioni che decimarono l'Esercito delle due Sicilie e ingrossarono le file garibaldine di validi combattenti.

Il presunto tradimento di Landi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Francesco Landi.

Landi, al ritorno a Napoli, fu sottoposto, insieme ad altri ufficiali, al giudizio di una commissione che prosciolse tutti gli accusati. Nonostante ciò, subito dopo essere stato giudicato innocente, egli si congedò dall'esercito. Nel 1861, si diffuse la notizia secondo la quale l'ex generale si sarebbe recato presso la filiale partenopea del Banco di Napoli, per incassare una polizza di credito dell'ammontare di 14.000 ducati d'oro, come ricompensa ricevuta da Garibaldi per aver sposato la causa unitaria[35]. La polizza sarebbe risultata falsificata, poiché, in realtà, aveva un valore di soli 14 ducati. La faccenda finì sui giornali suscitando un enorme scandalo che, si disse essere stato la principale causa dell'ictus che provocò la morte del Landi[36]. Sull'avvenimento uno dei figli del generale, a salvaguardia dell'onore paterno, riuscì a ottenere una lettera di smentita dallo stesso Garibaldi[37]. Nel frattempo quattro dei cinque figli di Landi, tutti ex militari dell'esercito borbonico, erano già in servizio come ufficiali dell'esercito sabaudo; il quinto figlio, Francesco Saverio, appartenente alle guardie del corpo a cavallo dell'Esercito delle Due Sicilie morì giovanissimo sul Volturno.[38]

Le vittime[modifica | modifica wikitesto]

Ara monumentale eretta in ricordo della battaglia, denominato Pianto Romano

Il combattimento, durato poco più di quattro ore, terminò con un bilancio provvisorio di 32 morti, per entrambi gli schieramenti, tra cui 19 garibaldini. Delle 13 perdite borboniche, due furono causate dal franare di un cannone da campagna durante le operazioni di ritirata. Il pezzo venne recuperato dai vincitori, aumentando così del 50% l'artiglieria a disposizione dei Mille. I feriti garibaldini vennero trasportati nella chiesa e nelle case del piccolo paese di Vita che, in quel frangente, fungeva da base logistica. Tra questi lo scrittore Giuseppe Bandi e i capitani Simone Schiaffino e Francesco Montanari, entrambi amici personali di Garibaldi, che morirono qualche ora più tardi.

I feriti borbonici più gravi furono abbandonati dai commilitoni nella chiesa di Calatafimi e presi in cura dai medici garibaldini. Garibaldi stesso, dopo averli visitati ed essersi congratulato per il valore dimostrato, si fece garante della loro incolumità, oltre alla libertà, una volta guariti, di poter tornare alle loro case o combattere per l'uno o l'altro schieramento. Nonostante la sovrabbondanza di medici tra i Mille, il computo delle perdite era tragicamente destinato ad aumentare nelle ore successive, per la scarsa efficacia delle cure mediche del tempo. Il bilancio definitivo fu di 33 morti e 174 feriti tra i garibaldini e di 35 morti e 118 feriti tra i borbonici.

L'importanza storica[modifica | modifica wikitesto]

Nella storia militare la battaglia di Calatafimi rappresenta un combattimento d'incontro, poco più di una scaramuccia. Purtuttavia lo scontro ebbe enormi conseguenze sul piano strategico. Il disordinato arrivo della colonna di Landi, con militi stremati dalla fatica e dalla fame, fece una grande impressione sulla cittadinanza palermitana. Garibaldi assurse immediatamente, nella fantasia popolare, al ruolo di condottiero invincibile, al cui comando unirsi per combattere gli occupanti napoletani.[senza fonte]

Nel 1892, in memoria di quello scontro, venne inaugurato il Sacrario di Pianto Romano, progettato da Ernesto Basile, ove sono custodite le spoglie dei caduti e altri cimeli. La battaglia di Calatafimi è ricordata nella toponomastica di molte città italiane.

Aspetti militari[modifica | modifica wikitesto]

Le forze in campo[modifica | modifica wikitesto]

Garibaldini[modifica | modifica wikitesto]

Le truppe agli ordini di Garibaldi erano composte in larga parte da veterani degli originari Cacciatori delle Alpi[39] della seconda guerra d'indipendenza, con recente esperienza di combattimento, ma anche numerosi giovani patrioti e studenti, solo sommariamente addestrati all'uso delle armi durante la navigazione e nei giorni immediatamente successivi allo sbarco. L'armamento individuale era costituito da vecchi moschetti ad avancarica tipo Brown Bess[40] riconvertiti con rigatura della canna e accensione a luminello, molto deteriorati e di funzionamento incerto[41]. Scarsissima era la disponibilità di munizioni da fucile: nonostante gli sforzi del Direttore d'Artiglieria della spedizione Orsini, che aveva perfino attrezzato un improvvisato laboratorio di confezionamento munizioni sul piroscafo Piemonte durante la navigazione[42], i Cacciatori delle Alpi disponevano di solo 10 o 15 cartucce a testa alla vigilia della battaglia[43]. Facevano eccezione i pochi Carabinieri genovesi, dotati delle loro eccellenti carabine di precisione di fabbricazione svizzera e con abbondanti munizioni. Le artiglierie, provenienti dal Forte Santo Stefano di Talamone e cedute dal governatore di Orbetello maggiore Giorgini, erano raffazzonate e – con l'eccezione del cannone da 4 libbre – prive di affusti campali, ma erano per lo meno dotate di munizionamento sufficiente[44].

L'organizzazione interna e le tattiche di impiego delle compagnie Cacciatori avrebbero dovuto seguire il modello dell'esercito piemontese, come in qualche modo ambiguamente indicato dallo stesso Garibaldi nell'ordine del giorno del 7 maggio: «L'organizzazione è la stessa dell'Esercito Italiano, a cui apparteniamo»[45]. Tuttavia la modesta qualità dei fucili, la penuria di munizioni e l'approssimativo addestramento di larga parte dei Cacciatori (bilanciato però dal loro grande entusiasmo e spirito combattivo) fecero sì che le procedure di impiego prescritte dallo stesso Garibaldi fossero invece decisamente orientate sull'assalto alla baionetta, come indicato nell'ordine del giorno n. 5 del 10 maggio: «Bisogna esser ben parchi di tiri e ricorrere, se si debba pugnare, allo spediente più spiccio della baionetta»[46]. Un vantaggio importante era nella qualità di larga parte degli ufficiali, che a partire dallo stesso Garibaldi avevamo quasi tutti esperienza di combattimento al comando di volontari contro truppe regolari.

Stefano Triolo, barone di Sant'Anna. Opera del 1960 dello scultore Giuseppe Bambina, conservata all'interno del castello dei Conti di Modica ad Alcamo.

Esisteva tuttavia un rovescio della medaglia, ossia la difficoltà di controllare gli indisciplinati volontari in combattimento e la presenza di forti contrasti di personalità tra alcuni comandanti[47], esacerbata dai modi bruschi del Capo di stato maggiore Sirtori[48] e il temperamento iroso e violento di Bixio[49], che solo l'innegabile carisma personale di Garibaldi riusciva a mantenere sotto controllo. I volontari siciliani erano un misto di guardie armate al servizio dei maggiorenti locali che avevano aderito alla rivolta antiborbonica (tra cui Stefano Triolo barone di Sant'Anna, Michele Martino Fardella barone di Mokarta, Salvatore Li Destri barone di Rainò[50][51]) e di semplici contadini guidati dai capi-popolo locali, ma in ambedue i casi erano praticamente privi di una qualsiasi esperienza e inquadramento di tipo militare e solo sommariamente armati con vecchie armi da fuoco[52] quando non armati di soli bastoni o utensili agricoli.

Garibaldi in questa fase non fece distribuire armi ai volontari siciliani, sia per la esiguità della disponibilità di fucili, sia per la pessima impressione ricavata dai 14 volontari liberati dalle carceri di Marsala, che disertarono tutti la prima notte portando seco i fucili appena ricevuti[53]. Il 1º Battaglione dei Cacciatori delle Alpi non prese parte attiva alla battaglia se non nelle parti finali, rimanendo in riserva. La maggior parte dei volontari siciliani abbandonò invece il campo di battaglia all'inizio del combattimento e si limitò a osservare gli eventi dalle colline circostanti, con l'eccezione di circa 150 uomini[54] che parteciparono al combattimento con tiro di fucileria dalla distanza, schierati in ordine aperto alla destra della linea di battaglia dei garibaldini[55]. Questa apparente diserzione provocò risentimento tra molti Cacciatori delle Alpi, ma era probabilmente inevitabile[56] e lo stesso Garibaldi lodò comunque il coraggio «dei pochi siciliani che ci accompagnarono»[57].

Le truppe erano così inquadrate:

Cacciatori delle Alpi[58] (Giuseppe Garibaldi):

Giuseppe La Masa e i suoi Picciotti siciliani

Volontari siciliani[73], tra i quali:

Real Esercito delle Due Sicilie[modifica | modifica wikitesto]

L'armamento individuale della fanteria borbonica era qualitativamente migliore di quello dei garibaldini ma sostanzialmente analogo come tipologia e datazione[77], essendo anch'esso costituito dai vecchi moschetti ad avancarica cosiddetti "di Antico Modello" da 40 e 38 pollici[78] derivati dal modello 1777 francese, riconvertiti con rigatura della canna e accensione a luminello. Solo i Cacciatori a cavallo disponevano dei nuovi fucili da 38 pollici[79] e i Cacciatori a piedi dei nuovi e precisi fucili da 32 pollici mod.1850 belgi[80]. Le artiglierie borboniche erano invece nettamente superiori a quelle garibaldine, ma la ridottissima disponibilità (quattro pezzi da montagna, di cui solo due entrarono in combattimento) vanificò sostanzialmente questo vantaggio.

Il livello di addestramento alle manovre era considerato buono, come anche buono dimostrò di essere il morale nel corso della battaglia, ma mancava sia per la truppa sia per la maggioranza degli ufficiali qualsiasi effettiva esperienza di combattimento se non operazioni di polizia per disperdere bande male organizzate e poco combattive di insorti. L'organizzazione dei reparti e le tattiche di impiego erano sostanzialmente quelle del periodo napoleonico ma con un'attenzione particolarmente rilevante alle truppe leggere[81] adatte a operare in formazioni aperte su terreni accidentati, come era ragionevole aspettarsi da un esercito con compiti prevalentemente di sicurezza interna su un territorio largamente impervio e scarso di strade come quello del Regno delle due Sicilie.

Le truppe erano così inquadrate:

Colonna Mobile[82] (Brigadiere Generale Francesco Landi):

Cacciatori del Regno delle due Sicilie
  • II Battaglione, 10º Reggimento di Fanteria di Linea "Abruzzi"[83] (Tenente colonnello Giuseppe Pini)
  • II Battaglione, Reggimento Carabinieri a piedi[83] (Tenente colonnello Francesco De Cosiron)
  • VIII Battaglione Cacciatori a piedi[84] (Maggiore Michele Sforza)
  • Mezza batteria di artiglieria[85]
  • Uno squadrone del Reggimento Cacciatori a Cavallo
  • 21ª Compagnia distrettuale di Compagni d'Armi ("birri di campagna")[86]

Da parte borbonica partecipò allo scontro la sola Colonna Sforza, di circa 600 uomini, così costituita:

  • due compagnie, VIII Battaglione Cacciatori a piedi (direttamente agli ordini del Maggiore Michele Sforza)
  • 2ª compagnia, II Battaglione Carabinieri (Capitano Marciano)
  • Compagnia Cacciatori, II Battaglione, 10º Reggimento fanteria (Capitano Gaetano de Blasi)
  • Una sezione di artiglieria (2 pezzi)
  • Un plotone Cacciatori a cavallo (24 sciabole)

Il terreno[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia ebbe luogo in una vallata che si apriva circa un chilometro a nord del villaggio di Vita, nella quale discendeva la strada Marsala-Salemi-Calatafimi[87]. A est della strada si ergeva un modesto rilievo pietroso, il Monte Pietralunga[88], maggiormente scosceso in direzione della valle sottostante. Di rimpetto, sempre a oriente della strada e a meno di due chilometri di distanza a nord[89], si trovava il declivio opposto, coperto da bassa vegetazione di grano, viti e canapa[90] e chiamato Pianto dei Romani[91], ripido e attraversato da numerosi bassi terrazzamenti in muratura dell'altezza di circa un metro, sui cui margini crescevano cespugli di aloe e filari di fichi d'India[92].

Alla sommità del Pianto dei Romani[93] si trovava un piccolo altopiano, che digradava in un'altra vallata per risalire poi fino alla cittadina di Calatafimi, distante circa tre chilometri in direzione nord ovest[94]. L'incrocio tra la strada Salemi-Calatafimi e la strada militare Trapani-Calatafimi-Palermo[95] si trovava circa un chilometro a nord della cima di Pianto dei Romani. La valle tra il Monte Pietralunga e Pianto dei Romani era verdeggiante, coperta di pianticelle di fave, con sparsi alberi da frutta e vigneti[96], alcune casupole in muratura, e alcuni bassi muretti a secco a suddividere le proprietà. Alla base della valle scorreva un modesto torrente confluente del fiume Freddo, che attraversava prima una zona di terreno roccioso e poi un piccolo boschetto[97]. Tutt'attorno alla vallata si trovavano altre basse alture, prevalentemente coltivate a grano. Nonostante la stagione primaverile, il giorno della battaglia il clima era caldissimo[98], così come era stato fin dal giorno dello sbarco a Marsala[99].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ All'epoca chiamata anche Calatasini o Catallano - Gli Avvenimenti d'Italia del 1860, pag.25
  2. ^ Sulle forze in campo vedi Ugo Del Col, Daniele Piccinini. Un garibaldino a Selvino, Editrice UNI Service, 2007 p.35
  3. ^ circa 50 armati da Alcamo agli ordini dei baroni Sant'Anna e del barone Mucarta - G. Oddo, I Mille di Marsala, p. 211
  4. ^ circa 700 armati provenienti da Monte San Giuliano guidati dal cavalier Giuseppe Coppola e dal barone Giuseppe Hernandez, Vito Spada ed i fratelli Antonino e Rocco La Russa, ed altri volontari radunati a Castelvetrano dal frate francescano Giovanni Pantaleo - G. Oddo, I Mille di Garibaldi, p. 219
  5. ^ Giuseppe la Masa, Alcuni fatti e documenti della rivoluzione dell'Italia meridionale del 1860, p. XIV
  6. ^ La compagnia marinai cannonieri, formata dagli equipaggi dei piroscafi Piemonte e Lombardo, la 8ª compagnia Cacciatori e la 9ª compagnia Cacciatori. Quest'ultima, comandata dal colonnello Giacomo Griziotti, non prese parte alla battaglia di Calatafimi - G.Oddo, I Mille di Marsala, pp. 213 e 231
  7. ^ I Mille di Marsala, p. 231
  8. ^ Veterano della battaglia di Waterloo nelle file dell'esercito britannico - vedi[http://cronologia.leonardo.it/storia/a1860e.htm]
  9. ^ George M.Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 321
  10. ^ Fasti Militari, vol. 4, libro 8, p. 358
  11. ^ I reggimenti di fanteria di linea borbonici erano formati su due battaglioni, organizzati ciascuno secondo il modello napoleonico su due compagnie d'élite (granatieri e Cacciatori) e quattro compagnie fucilieri. Come già negli eserciti napoleonici, le compagnie granatieri e cacciatori potevano talvolta essere distaccate per formare dei battaglioni provvisori di maggiore qualità
  12. ^ vedi [http://cronologia.leonardo.it/storia/a1860f.htm]
  13. ^ a b George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 322
  14. ^ Giulio Cesare Abba, Da Quarto al Volturno, vedi note 13 maggio
  15. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 325
  16. ^ G. Bandi, I Mille da Genova a Capua, p. 108
  17. ^ G. Oddo, I Mille di Marsala, p. 231
  18. ^ G.C. Abba, Storia dei Mille, p.118
  19. ^ I traini, largamente improvvisati, non ne consentivano il movimento che su strada
  20. ^ G. Oddo, I Mille di Marsala, p. 233
  21. ^ Il generale Landi, dopo una giovinezza nelle fila dell'esercito murattiano, era stato inizialmente riconfermato nel grado nell'esercito borbonico, da cui venne però allontanato nel 1820. "Perdonato" nel 1832 e richiamato in servizio attivo solo nel 1837, fece poca e lenta carriera: ancora capitano a 56 anni, venne promosso generale di brigata solo nel 1860. Malandato di salute, seguì le proprie truppe in carrozza e durante tutta la battaglia rimase a Calatafimi, a chilometri di distanza dallo scontro. Vedi Regione Siciliana
  22. ^ G.C. Abba, Storia dei Mille, p. 111
  23. ^ a b George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 323
  24. ^ G. Bandi, I Mille da Genova a Capua, p. 152. Dopo questo primo contatto, i Compagni d'Arme non vengono più citati in alcuna narrativa, e si deve quindi supporre abbiano abbandonato il campo – d'ordine o di iniziativa – prima dell'inizio della battaglia
  25. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, pag.332
  26. ^ G. Garibaldi, I Mille, p. 27
  27. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 330
  28. ^ L'insurrezione siciliana, p. 476
  29. ^ G. Oddo, I Mille di Marsala, p. 330
  30. ^ Delle Recenti…, p. 390 e George M.Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 333
  31. ^ Giuseppe Guerzoni, Garibaldi, Volume 2, Ed. G. Barbèra, 1882
  32. ^ Giuseppe Bandi, I Mille da Genova a Capua
  33. ^ Dizionario del Risorgimento Nazionale – Volume IV – Pagg. 5-6 – voce a cura di Palermo Giangiacomi - Vallardi - Milano
  34. ^ Antonella Grignola, Paolo Coccoli, Garibaldi, Giunti editore, 2004, p. 51
  35. ^ Giacinto de' Sivo, Storia delle Due Sicilie 1847-1861, Vol. 2, Brindisi, Edizioni Trabant, 2009, p. 74, ISBN 978-88-96576-10-6.
  36. ^ Archivio privato Giuseppe Catenacci, missive e documenti famiglia Quandel: lettera del tenente colonnello Nicola Landi a Raffaele De Cesare, 9 agosto 1898. Citato in Gigi Di Fiore, Controstoria dell'Unità d'Italia, p. 147
  37. ^ Dizionario biografico degli italiani (Vol. LXIII, Labroca-Laterza), Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2004, p. 379.
  38. ^ Roberto Maria Selvaggi, Nomi e volti di un esercito dimenticato. Gli ufficiali dell'esercito napoletano del 1860-61, Napoli, Grimaldi & C. editori, 1990, p. 85, ISBN 978-88-88338-42-2.
  39. ^ Gli avvenimenti d'Italia del 1860, p. 20
  40. ^ L'armamento della spedizione doveva originariamente essere basato sui moderni fucili Enfield Pattern 1853 cal. 58 acquistati dal "Comitato direttore della sottoscrizione al milione di fucili", che però non furono messi a disposizione per decisione del governatore di Milano Massimo d'Azeglio. Circa un centinaio di fucili moderni furono requisiti a Talamone, ma vennero pressoché tutti distribuiti ai volontari di Callimaco Zambianchi distaccati per la spedizione negli Stati Pontifici - vedi George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 280
  41. ^ G. Garibaldi, I Mille, p. 27: «Mi fa ribrezzo il ricordarlo! i catenacci che ci aveva regalati il Governo Sardo, ci negavano il fuoco …»
  42. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 288
  43. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 278, e Giulio Cesare Abba, Da Quarto al Volturno, s:Da Quarto al Volturno/Da Marsala a Calatafimi, nota del "15 maggio 5 ore ant."
  44. ^ Giuseppe La Masa, Alcuni fatti e documenti della rivoluzione siciliana del 1860, p. XV
  45. ^ Giuseppe La Masa, Alcuni fatti e documenti della rivoluzione siciliana del 1860, p. XIV, e L.E.T. L'insurrezione siciliana, p. 460
  46. ^ Crispi, I Mille, p. 396. La direttiva venne riconfermata anche nel successivo ordine del giorno n. 6 del 12 maggio «Si devono fare pochissimi tiri in caso di incontro, e caricare il nemico alla baionetta ove occorra». Queste direttive furono ben recepite dai volontari, vedi. G. Bandi, I Mille da Genova a Capua, p. 160 «… il fucile non dev'essere che il manico della baionetta»
  47. ^ G. Bandi, I Mille da Genova a Caprera, p. 99 «… que' nostri caporioni non stettero in pace tra di loro 24 minuti, e cominciarono di buon ora a guardarsi come il cane ed il gatto»
  48. ^ «… ombroso come un cavallo» – vedi G. Bandi, I Mille da Genova a Caprera, p. 99
  49. ^ «Qui comando io! Qui io sono tutto, lo Czar, il Sultano,il Papa, sono Nino Bixio. Dovete obbedirmi tutti; guai chi osasse un'alzata di spalla, guai chi pensasse di ammutinarsi! Uscirei con il mio uniforme, colla mia sciabola, con le mie decorazioni, e vi ucciderei tutti» – vedi George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 287
  50. ^ Gigi di Fiore, Controstoria dell'Unità d'Italia, Rizzoli, p. 120-122
  51. ^ «Tutta questa gente è condotta da gentiluomini, ai quali ubbidisce devota», Giulio Cesare Abba, Da Quarto al Volturno, s:Da Quarto al Volturno/Da Marsala a Calatafimi, vedi nota del 13 maggio
  52. ^ «"… fucili all'acciarino e tromboni» – vedi George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 319
  53. ^ G. Bandi, I Mille da Genova a Capua, p. 111
  54. ^ A. Dumas, The Garibaldians in Sicily, p. 12. In Fasti Militari, vol. 4, libro 8, cap. 3, pag. 360 il numero è stimato in circa 250
  55. ^ George M. Trevelan, Garibaldi e i Mille, p. 329
  56. ^ «Le squadre siciliane non sono assuefatte al nostro genere di guerreggiare; esse sono buone dietro i ripari, ma mancano del sangue freddo per caricare alla baionetta». Lettera di Enrico Cairoli alla madre, da M. Rosi, I Cairoli, Torino, 1908, p. 331, citata in George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 329
  57. ^ Lettera al "Comitato direttore della sottoscrizione al milione di fucili", riportata in G. Oddo, I Mille di Marsala, p. 239
  58. ^ 1089 uomini circa. Il numero esatto non è conosciuto, in quanto alcuni malati erano rimasti a Marsala – vedi G.Bandi, I mille di Garibaldi, p. 109.
  59. ^ Formata da 23 elementi – vedi Garibaldi e i Mille, p. 283 – compiti di portaordini ed esploratori. L'unità avrebbe dovuto essere a cavallo, ma al momento della battaglia di Calatafimi era ancora per la maggior parte appiedata.
  60. ^ Formata da 36 volontari provenienti dalla Società di Tiro Nazionale di Genova
  61. ^ Formata, con una certa riluttanza iniziale – vedi G. Bandi, I Mille da Genova a Capua, p.110 – dai marinai del Piemonte e del Lombardo, dopo lo sbarco a Marsala. Vedi anche I Mille di Marsala, p. 213
  62. ^ Una colubrina da 6 libbre su affusto navale modificato con ruote da carrozza ed un cannone da 4 libbre. Altri due cannoni da 6 libbre, inizialmente privi di affusto, ne furono dotati in un improvvisato arsenale di artiglieria istituito a Salemi sotto la direzione del maggiore Achille Campo e di Giuseppe Orlando, ma non è chiaro se fossero già pronti alla data della battaglia.
  63. ^ Ala sinistra della linea di battaglia
  64. ^ Inizialmente al comando di Nino Bixio, che cedette il comando della compagnia al suo luogotenente Dezza quando assunse il comando del 1º battaglione
  65. ^ Inizialmente al comando di Vincenzo Giordano Orsini, che fu quasi subito trasferito al comando dell'artiglieria della spedizione
  66. ^ Inizialmente al comando di Francesco Stocco, fervente repubblicano, che ancora durante la navigazione tra Talamone e Marsala rinunciò al comando, per protesta contro la lettera scritta da Garibaldi a re Vittorio Emanuele
  67. ^ Inizialmente al comando di Giuseppe La Masa, che su propria richiesta venne invece destinato a tenere i rapporti con i patrioti siciliani
  68. ^ Ala destra della linea di battaglia
  69. ^ Radiato per viltà alla fine della battaglia
  70. ^ Inizialmente al comando di (Giacinto Carini), che cedette il comando della compagnia al suo luogotenente Ciaccio quando assunse il comando del 2º battaglione
  71. ^ Detta "degli studenti", formata in larga parte da studenti dell'Università di Pavia. Vedi Garibaldi e i Mille, p. 283
  72. ^ Formata in larga parte da volontari bergamaschi, fu costituita a Porto Santo Stefano prima di salpare per la Sicilia – vedi Garibaldi e i Mille, p. 284
  73. ^ Stimati complessivamente tra i 1000 ed i 3000 uomini
  74. ^ Circa 50 armati
  75. ^ Circa 700 armati
  76. ^ a b Numero imprecisato
  77. ^ Vedi http://www.carlodiborbone.com/ita/archiviostorico/armi_02.htm e http://cronologia.leonardo.it/storia/a1860d.htm
  78. ^ La misura si riferisce alla lunghezza della canna
  79. ^ Derivati dai fucili mod.1842 francesi
  80. ^ Comunemente indicati come carabine da 32
  81. ^ Escludendo la Guardia Reale, esistevano 42 compagnie di Granatieri e Carabinieri, 120 di fucilieri (fanteria di linea) e ben 158 di cacciatori (fanteria leggera), vedi http://www.neoborbonici.it/portal/index.php?option=com_content&task=view&id=1087&Itemid=81 e http://cronologia.leonardo.it/storia/a1860d.htm
  82. ^ Comunemente indicata come Brigata Landi
  83. ^ a b Organico teorico di circa 1000 uomini su 6 compagnie
  84. ^ Aggregato di rinforzo il 13 maggio. Organico teorico di circa 1300 uomini su 8 compagnie
  85. ^ quattro obici da montagna someggiati da 6 libbre
  86. ^ Si trattava di una forza di polizia rurale, attiva solo in Sicilia (una compagnia per ciascun dipartimento) ove svolgeva le funzioni che nelle altre regioni del Regno erano affidate alla Gendarmeria Reale
  87. ^ La attuale S.S. 188
  88. ^ Google Earth 37°52′57.63″N 12°50′00.63″E / 37.882675°N 12.833508°E37.882675; 12.833508
  89. ^ Fasti militari, col. 4, libro 8, cap. 3 p. 360
  90. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 334
  91. ^ Riportato anche come "Chiantu dei Rumani", "Chianti di Rumanu" o "Chianti di Rumani" (negli atti notarili è sempre "Piante di Romano"), ossia "vigneto della famiglia Romano". La versione secondo cui il nome deriverebbe dal luogo di una sconfitta dei Romani ad opera delle truppe dell'antica Segeste sarebbero solo aneddotica. Vedi G.C. Abba, Storia dei Mille, pag.129 e Il monumento garibaldino di Pianto Romano: restauro ed acquisizioni, Trapani, Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali, 1994, p. II di copertina.; all'argomento è stato dedicato uno studio specifico: Salvatore Romano, Il vero nome del colle impropriamente detto Pianto dei romani, Palermo, Scuola tip. Boccone del povero, 1910. Nel resoconto del generale Landi la collina viene erroneamente indicato come Monte Barbaro – vedi George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 324
  92. ^ G. Bandi, I mille da Genova a Capua, p. 153
  93. ^ Google Earth 37°53′50.06″N 12°50′10.99″E / 37.897239°N 12.836386°E37.897239; 12.836386
  94. ^ Fasti militari, col. 4, libro 8, cap. 3, p. 360 e Google Earth
  95. ^ L'attuale S.S. 113
  96. ^ G. Bandi, I Mille da Genova a Gaeta, p. 153
  97. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 331, e Fasti Militari, vol. 4, libro 8, cap. 3, p. 360
  98. ^ George M. Trevelyan, Garibaldi e i Mille, p. 336
  99. ^ Con l'eccezione della notte tra il 12 e 13, in cui era piovuto – vedi George M. Trevelyan, p. 315

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]