Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Battaglia di Ayn Jalut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di ʿAyn Jālūt
Campagna della battaglia di Ain Jalut-1260.svg
Movimento truppe che precedette la battaglia di ʿAyn Jālūt.
Data 3 settembre 1260
Luogo ʿAyn Jālūt, nella Galilea orientale (Palestina)
Esito Vittoria mamelucca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
20.000 tra fanti e cavalieri 15-20.000 tra fanti e cavalieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di ʿAyn Jālūt (in arabo: عين جالوت‎, ossia della "Fonte di Golia") fu combattuta dai Mamelucchi egiziani il 3 settembre 1260 contro le forze mongole lasciate in Siria da Hulegu Khan che era tornato in patria per partecipare al kuriltai che avrebbe eletto il nuovo Gran Khan dei Mongoli.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

Baybars- che si dice fosse un ex-bandito e perciò conosceva bene la zona e le tattiche da applicare su quel terreno - imboscò buona parte della sua cavalleria e condusse il resto delle truppe contro i Mongoli applicando una tattica di stile "tocca" e " fuggì" in modo da provocare
Kitbuga Noyan che, invece di sospettare di un'eventuale trappola, si lanciò all'attacco con tutte le proprie forze, tuttavia proprio in quel momento Baybars ripiegò sulle colline attirando i Mongoli nella "trappola" in modo che la cavalleria mamelucca potesse prenderli di sorpresa sul fianco per farne strage.
L'audacia e la strenua resistenza dei Mongoli venne piegata dalle numerose frecce della cavalleria leggera che diedero la vittoria ai Mamelucchi.

Pochi Mongoli riuscirono a salvarsi e lo stesso Kitbuga morì decapitato.
I musulmani, che avevano paventato la catastrofe finale, tirarono un sospiro di sollievo ma anche il mondo cristiano europeo fu assai sollevato perché, a frapporsi fra loro e i Mongoli, erano rimaste appunto le sole forze militari dei Mamelucchi d'Egitto e di Siria.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Reuven Amitai-Preiss, Mongols and Mamluks: The Mamluk-Îlkhânid War, 1260–1281, Cambridge, UK; New York, USA, Cambridge University Press, 1995, ISBN 978-0-521-46226-6.
  • (EN) J. J. Saunders, The History of the Mongol Conquests, Londra, Routledge & Kegan Paul Ltd., 1971, ISBN 0-8122-1766-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]