Battaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Battaglia campale)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Battaglia (disambigua).
La Battaglia di Waterloo di William Sadler

Una battaglia (dal latino battualia, ovvero "scherma di gladiatori e di soldati"), nel lessico militare, indica un combattimento fra due o più parti organizzate militarmente che cercano di avere ragione l'una delle altre durante all'interno di una guerra o di una campagna militare ed è un mezzo per sviluppare una più vasta strategia militare.

Il significato del termine è stato traslato anche come uno scontro verbale o filosofico, dovuto ad ideologie opposte. Il luogo ove essa si svolga è denominato campo di battaglia.

Classificazione delle battaglie[modifica | modifica wikitesto]

Le battaglie possono essere classificate secondo le condizioni operative in cui avvengono

  • Battaglia campale (fra due eserciti schierati in campo aperto)
  • Battaglia d'incontro (fra due eserciti che si trovano opposti in marcia)

Le battaglie possono essere classificate secondo il mezzo con cui vengono condotte

Battaglia terrestre[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazione di Ramses II, durante la Battaglia di Qadesh, una delle più antiche documentate, tra Egizi ed Ittiti

La prima battaglia terrestre mai documentata fu la Battaglia di Megiddo.

Furono gli egizi ad introdurre una fanteria altamente disciplinata. Ognuno seguiva gli ordini dei propri ufficiali e combatteva collettivamente anziché come individui. Gli eserciti erano divisi in reggimenti, battaglioni, compagnie e plotoni.

Furono tuttavia i greci ad inventare la falange, composte principalmente da fanterie pesante. La falange fu in seguito adottata anche da altri popoli che ne modificarono le caratteristiche e le funzioni fino all'epoca rinascimentale, dove con l'avvento delle armi da fuoco perse di importanza.

Un nuovo stile si sviluppò dalla metà del XIX secolo alla Prima Guerra Mondiale, noto come guerra di trincea, che portò anche alla radio tattica, assieme alla nascita della guerra chimica nel 1915.

La Seconda Guerra Mondiale segna una svolta nella strategia bellica: si sviluppano scontri di piccole squadre d'élite e tornarono in scena le manovre militari con l'avvento del carro armato, sostituendo il cannone. Da allora l'artiglieria ha gradualmente sostituito l'uso delle truppe frontali.

Battaglia navale[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle antiche battaglie navali erano combattute da navi veloci che usavano un ariete per affondare le flotte avversarie o per avvicinarsi abbastanza per l'abbordaggio nel combattimento corpo a corpo, le truppe, infatti, erano spesso usate per prendere d'assalto le navi nemiche, come facevano i romani e i pirati.

Durante il Basso Medioevo fu inventato il fuoco greco da parte dei bizantini; alcune navi venivano fatte schiantare contro altre, cariche della miscela incendiaria per provocare un'esplosione.

Durante il XIX secolo, lo sviluppo delle mine portò a un nuovo tipo di guerra navale.

La corazzata di ferro, usata per la prima volta durante la Guerra di Secessione, resistente ai cannoni, rese presto obsoleta la nave di legno.

Infine l'invenzione dei sottomarini militari, durante la Prima Guerra Mondiale, portò la guerra navale sia sopra che sotto la superficie marina. Con lo sviluppo degli aerei militari durante la Seconda Guerra Mondiale, le battaglie furono combattute sia in cielo che sotto l'oceano, da allora le portaerei sono diventate l'unità centrale delle battaglie navali, fungendo da base mobile per aerei.

Battaglia aerea[modifica | modifica wikitesto]

Bombardieri nazisti durante la Battaglia d'Inghilterra

Anche se l'uso degli aerei è stato per la maggior parte supplementare agli impieghi terrestri o navali, dal loro primo grande uso militare durante la Prima Guerra Mondiale gli aerei hanno assunto ruoli più importanti nella guerra. Durante la Prima Guerra Mondiale, l'uso primario era per la ricognizione e il bombardamento su piccola scala. Gli aerei cominciarono a diventare molto più importanti durante la Guerra Civile Spagnola e soprattutto nella Seconda Guerra Mondiale.

Emersero due tipologie di aerei: i bombardieri, che trasportavano carichi esplosivi per bombardare obiettivi terrestri o navi; e i caccia-intercettori, che venivano utilizzati per intercettare gli aerei in arrivo o per scortare e proteggere i bombardieri.

Un altro importante uso dei velivoli venne con lo sviluppo dell'elicottero, che divenne pesantemente usato per la prima volta durante la Guerra del Vietnam, e continua ad essere ampiamente utilizzato ancora oggi per il trasporto delle forze di terra. Oggi, gli scontri diretti tra aerei sono rari, i caccia-intercettori sono quasi sostituiti interamente dalle batterie antiaeree. Nonostante questo, gli aerei oggi sono molto più ampiamente utilizzati come strumenti vantaggiosi sia per l'esercito che per la marina.

Le battaglie con più perdite nella storia[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Battaglia Data Luogo Schieramento vincitore Schieramento

sconfitto

Perdite effettive
1 Assedio di Leningrado 8 settembre 1941-18 gennaio 1944 Leningrado, Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Germania
Finlandia Finlandia
1.500.000 (350.000 sovietici, 200.000 tedeschi e alleati), più 1 milione di civili
2 Battaglia di Stalingrado 17 luglio 1942-2 febbraio 1943 Stalingrado, Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Germania
Italia Italia
Romania Romania
Ungheria
1.015.000 (600.000 sovietici, 415.000 tedeschi e alleati)
3 Battaglia di Verdun 21 febbraio-19 dicembre 1916 Verdun, Francia Francia Francia Germania Germania 550.000 (300.000 francesi, 250.000 tedeschi)
4 Battaglia di Mosca 21 ottobre 1941-31 gennaio 1942 Mosca, Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Germania 525.000 (300.000 tedeschi, 225.000 sovietici)
5 Battaglia di Berlino 16 aprile 1945-2 maggio 1945 Berlino, Germania Unione Sovietica Unione Sovietica
Polonia Polonia
Germania Germania 380.000 (290.000 sovietici, 90.000 tedeschi)
6 Battaglia della Somme 1º luglio-18 novembre 1916 Somme e Piccardia, Francia Francia Francia
Regno Unito Regno Unito
Australia Australia
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Germania Germania 330.000 (90.000 inglesi, 70.000 francesi, 20.000 australiani e neozelandesi, 150.000 tedeschi)
7 Assedio di Budapest 29 dicembre 1944-13 febbraio 1945 Budapest, Ungheria Unione Sovietica Unione Sovietica
Romania Romania
Germania Germania
Ungheria Ungheria
320.000 (160.000 sovietici, 15.000 rumeni, 145.000 tedeschi e ungheresi)
8 Battaglia di Kursk 4 luglio-23 agosto 1943 Kursk e dintorni, Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Germania 310.000 (220.000 sovietici, 90.000 tedeschi)
9 Battaglia di Luzon 9 gennaio-30 giugno 1945 Isola di Luzon, Filippine Stati Uniti Stati Uniti Giappone Giappone 275.000 (25.000 americani, 250.000 giapponesi)
10 Battaglia di Passchendaele 31 luglio-6 novembre 1917 Ypres e Passchendaele, Belgio Francia Francia
Regno Unito Regno Unito
Belgio Belgio
Australia Australia
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Germania Germania 270.000 (70.000 francesi, 60.000 inglesi, 10.000 australiani e neozelandesi, 5.000 belgi, 125.000 tedeschi)
11 Quarta battaglia di Char'kov 3-23 agosto 1943 Char'kov, Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Germania 255.000 (175.000 sovietici, 80.000 tedeschi)
12 Prima battaglia della Marna 5-12 settembre 1914 regione della Marna, Francia Francia Francia
Regno Unito Regno Unito
Germania Germania 240.000 (110.000 francesi, 10.000 inglesi, 120.000 tedeschi)
13 Seconda battaglia della Marna 15 luglio-3 agosto 1918 regione della Marna, Francia Francia Francia
Regno Unito Regno Unito
Italia Italia
Stati Uniti Stati Uniti
Germania Germania 220.000 (120.000 tedeschi, 75.000 francesi, 10.000 inglesi, 10.000 americani, 5.000 italiani)
14 Battaglia di Romania 20-29 agosto 1944 Romania Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Germania
Romania Romania
195.000 (80.000 sovietici, 100.000 tedeschi, 15.000 rumeni)
15 Prima battaglia di Kiev 25 agosto-26 settembre 1941 Kiev, Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Germania 180.000 (110.000 sovietici, 70.000 tedeschi)

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 6782 · LCCN (ENsh85012434 · GND (DE4052531-4 · BNE (ESXX525636 (data) · BNF (FRcb126485118 (data) · J9U (ENHE987007282577605171