Bastone da passeggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un bastone da passeggio

Il bastone da passeggio (detto anche canna o mazza)[1] è un oggetto di uso comune utilizzato dalle persone per sorreggersi e, in casi più rari, per eleganza o come mezzo difensivo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si presenta generalmente liscio, munito di un manico ricurvo oppure di un pomello fabbricato in plastica o legno per quelli più economici, mentre in corno, argento, avorio o altre leghe per quelli più preziosi.

Sono anche considerati oggetti decorativi o da collezionismo da parte di appassionati.

Storia[2][modifica | modifica wikitesto]

Un dandy con un bastone da passeggio

Il bastone diventa oggetto immancabile di moda a partire dal secolo XVII. Luigi XIV è tra le prime personalità a sfoggiarlo come accessorio ornamentale.

Nel '700 nascono le prime canne animate che, oltre ad avere una valenza sempre di classe, nascondono un'arma all'interno. Sono diffuse fino al periodo vittoriano.

Nel corso degli anni, il bastone da passeggio diventa oggetto di lavoro, usato per trasportare ad esempio ferri chirurgici oppure cannocchiali.

In territorio asburgico, i musicisti possedevano canne che al loro interno avevano lo strumento adoperato (come il flauto, ad esempio) insieme agli spartiti.

Alla fine del XVIII secolo, in Francia, nasce l'associazione ante-dandy Macaroni. Per contraddistinguersi, usavano un bastone da passeggio eccentrico come simbolo di appartenenza. Era uso, inoltre, inserire nell'apposito pomello una fragranza.

Nel '800 diventa oggetto di uso comune anche per la classe media borghese.

Si afferma, tra il Settecento e l'Ottocento, in Europa, un vero e proprio galateo su come adoperare la canna. Era ritenuto segno irrispettoso trascinarlo per le strade oppure appoggiarsi in posizioni scomposte.

E' verso la metà del Novecento che il bastone perde il suo uso comune per essere utilizzato principalmente come sostegno da persone anziane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 8611 · LCCN (ENsh85127230 · GND (DE4182113-0