Basso di Lucera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Basso di Lucera
Cattedrale di Termoli particolare.JPG
Statua del vescovo Basso nel portale della cattedrale di Termoli
 

Vescovo e martire

 
Nascitatra il 40 ed il 50
Morte118
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza5 dicembre
Patrono diTermoli
Basso di Lucera
vescovo della Chiesa cattolica
Cattedrale di Termoli particolare.JPG
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertivescovo di Lucera
 
Natotra il 40 ed il 50
Deceduto118
 

San Basso di Lucera (tra il 40 ed il 50118) è stato primo vescovo di Lucera, considerato santo e patrono di Termoli.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

In epoca imperiale venne fondata a Lucera una delle prime comunità cristiane; la tradizione vuole che verso l'anno 60, l'apostolo Pietro, di passaggio per la città romana, mise a capo della nascente diocesi Basso, che secondo alcuni sarebbe stato martirizzato sotto l'imperatore Traiano nel 118.

Controversie sull'identità[modifica | modifica wikitesto]

L'identità di San Basso è controversa e vi è una certa ambiguità fra il san Basso di Lucera ed il san Basso di Nizza, anch'egli vescovo e martire e celebrato il 5 dicembre, ma martire a Nizza verso il 250. Secondo alcuni potrebbe trattarsi qui di un certo San Dasio di Dorostoro, detto anche Basso[1].

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La festa religiosa ricorre il 5 dicembre, ma viene festeggiato a Termoli anche in agosto: il 3 si svolge la suggestiva processione sul mare con i motopescherecci e il 4, giorno della solennità della traslazione delle reliquie de santo, la processione per le vie della città.

Nel 1760 vennero scoperte le reliquie di San Basso nella Cattedrale di Santa Maria della Purificazione di Termoli. Infatti la chiesa era dedicata al santo ma poi, essendosi perse le tracce, venne rinominata a santa Maria. La chiesa è nota anche per le reliquie di Timoteo, allievo dell'apostolo Paolo.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Basso di Lucera, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]